calcio Joomla! - il sistema di gestione di contenuti e portali dinamici http://sportjonico.it/index.php?option=com_content&view=section&id=16&layout=blog&Itemid=312 Wed, 22 Nov 2017 09:17:06 +0000 Joomla! 1.5 - Open Source Content Management it-it Miano inventa.....De Clò finalizza, il Casalvecchio doma (4-2) allo Stromboli. http://sportjonico.it/index.php?option=com_content&view=article&id=15333:miano-ispirade-clo-finalizza-il-casalvecchio-doma-4-2-lo-stromboli&catid=90:terza-categoria&Itemid=378 http://sportjonico.it/index.php?option=com_content&view=article&id=15333:miano-ispirade-clo-finalizza-il-casalvecchio-doma-4-2-lo-stromboli&catid=90:terza-categoria&Itemid=378 Al 20’ del primo tempo il Casalvecchio va sotto, lo Stromboli si porta in vantaggio trasformando un calcio di rigore con Carlo Lanza. La reazione del Casalvecchio è immediata sale in cattedra il giovane Andrea De Clò, uno-due che  porta la compagine di mister Moschella sul 2-1.

Gli eoliani di mister Trombetta ad inizio ripresa con Cincotta rimettono il risultato sul 2-2. Proprio in questo frangente si vede la forza d’urto dei casalvetini che non mollano, a portare in vantaggio la squadra di casa il neo-entrato Antonino Spadaro, mette al sicuro il risultato il centrocampista Onofrio Smiroldo, proprio nel maggior sforzo dello Stromboli alla ricerca del pareggio.

Arriva il triplice fischio finale del direttore di gara che decreta la vittoria dei padroni di casa (4-2) seconda casalinga, primato solitario in classifica con 10 punti con il miglior attacco del girone (15), ad inseguire ad un punto il Real Zancle.  Inoltre dopo quattro giornate è imbattuta come l’Atletico Aldisio e il Malfa, prossimo avversario del Casalvecchio.

La gara: Sul terreno di gioco del “Luigi Papandrea”, per indisponibilità del Comunale di S. Teresa,  mister Alessandro Moschella inizia il confronto con la compagine eoliana con Miceli in porta, reparto difensivo Trimarchi, M.Spadaro, Cicala, S. Di Bella, in mediana Onofrio Smiroldo, Lele Giunta e Carmelo  Casablanca,  in attacco Andrea De Clò, Orazio Vittorio e Guglielmo Miano.

La gara sin dalle prime battute fa capire subito l’intenzione dello Stromboli, intenzionato a portare a casa un risultato positivo, dopo una fase di studio, la gara viene sbloccata dagli ospiti su calcio di rigore trasformato da Carlo Lanza che mette all’angolino alla destra di Miceli che intuisce la traiettoria, ma nulla può per evitare il vantaggio degli ospiti. Si mette in salita per l’undici di casa che non si scompone, riprende in mano il pallino del gioco che porta al pareggio: azione sulla fascia di Miano che in velocità supera l’avversario perfetto traversone al centro dove c’è posizionato Andrea De Clò che ha seguito l’azione sottoporta rimette il risultato sulla parità.

Il gol galvanizza i casalvetini, ancora protagonista Guglielmo Miano, oggi in stato di grazia, conquista palla elude l’intervento dell’avversario, azione tutta di prima, appoggia sulla fascia a Casablanca che prontamente mette al centro, dove si fa trovare pronto come un’avvoltoio ancora una volta Andrea De Clò (gol fotocopia del primo) mette alle spalle di Gianluca Silvestro. Si va all’intervallo con il Casalvecchio in vantaggio per 2-1.

Nella ripresa parte subito forte lo Stromboli alla ricerca del pareggio, i padroni di casa cercano il gol della sicurezza con Vittorio e Miano, ma sono gli ospiti che vanno in gol con Simone Cincotta. Brutto colpo per i ragazzi del Presidente Cosimo Cicala, ecco che mister Moschella tenta la carta Antonino Spadaro per  cercare di vincere la gara. Proprio il neo entrato ripaga della fiducia: addomestica un traversone, ottima coordinazione fa partire una bordata al volo per il 3-2.

Ancora mancano diversi minuti al triplice fischio finale, lo Stromboli alza il baricentro con i padroni di casa abili a chiudere gli spazi pronti a colpire con delle ripartenze che porta al gol della sicurezza: il 4-2 arriva su una ripartenza di Onofrio Smiroldo che parte palla al piede supera un avversario, giunto al limite dell’area fa partire un preciso bolide  che s’insacca all’angolino che fa gonfiare la porta dello Stromboli, chiudendo in pratica la partita: Casalvecchio vola in vetta alla classifica.

 

 

 

 

 

 

 

]]>
info@sportjonico.it (di "Mimmo Muscolino") 3^ categoria Tue, 21 Nov 2017 07:46:18 +0000
Frena un incerottato Akron Savoca, il Città di Roccalumera impone il pareggio: 0-0. http://sportjonico.it/index.php?option=com_content&view=article&id=15332:frena-un-incerottato-akron-savoca-il-citta-di-roccalumera-impone-il-pareggio-0-0&catid=89:seconda-categoria&Itemid=364 http://sportjonico.it/index.php?option=com_content&view=article&id=15332:frena-un-incerottato-akron-savoca-il-citta-di-roccalumera-impone-il-pareggio-0-0&catid=89:seconda-categoria&Itemid=364 Termina con un risultato ad occhiali l’atteso match della settima giornata del campionato di Seconda Categoria, al Comunale di Rina di fronte la capolista Akron Savoca e il Città di Roccalumera.

Alla vigilia c’erano le premesse di assistere ad una gara di spessore, invece, i 100 spettatori presenti sugli spalti hanno potuto assistere ad un’incontro privo di azioni degne di nota, tanto agonismo con i due portieri mai impegnati seriamente. Alla fine è 0-0 che può stare bene agli ospiti allenati da mister Carmelo Cacciola che parte con una formazione guardinga chiude gli spazi lungo la linea difensiva dove i vari De Luca e Famulari sbattono ripetutamente. A centrocampo il motorino Emmanuele Aquino, il migliore in campo per gli ospiti ha messo in difficoltà la coppia Lo Cascio-Bercolli.

Sul fronte savocese, mister Mangiò presenta uno schieramento d’emergenza soprattutto nel reparto difensivo (infortunati Santisi e Biella) con la scelta tattica di far giocare in difesa capitan Nico Rovito coadiuvato da Fabrizio Lo Giudice e Antonio Settimo che hanno ingabbiato il numero nove avversario, ex di turno Dario Cannata.

Né viene fuori una gara blanda con le due squadre bloccate, anzi si annullano a vicenda, tanto che nella prima frazione solo un’episodio degno di nota che poteva cambiare il volto alla gara: siamo al 28’ quando De Luca su un suggerimento dalla destra  tenta di sorprendere con “un colpo di tacco” il portiere Trimarchi.  Per il resto nulla, anzi al 19’ una punizione dalla distanza di Rovito vede la pronta respinta di Trimarchi ed un tiro da dimenticare di Danilo Lo Conti, per il resto il buio totale.

Nella ripresa il tema tattico non cambia, l’Akron pur avendo un maggiore possesso palla, non riesce a superare la linea difensiva ospite, mister Mangiò decide di spostare in avanti nel suo ruolo naturale capitan Rovito inserendo il sempre verde Sergio Maimone in difesa.  Dopo pochi minuti, mister Cacciola effettua la contromossa, fuori Domenico Campagna al suo posto Marcantonio Prestipino.

Da questo momento cambia l’atteggiamento del Città di Roccalumera più propositivo, anche se si rende pericoloso solo in un’occasione con Dario Cannata che non riesce a finalizzare una manovra corale della squadra Aquino-Campagna-Cannata conclusione che lambisce il palo della porta difesa da Malino. Unico brivido della ripresa, poi è la volta di un altro ex in campo Fabio Cutroneo mandando in campo da Cacciola al posto di Aquino, anche sulla sponda savocese in campo forze fresche come Vitale e Crupi. Non succede nulla fino al triplice fischio finale del direttore di gara che ha diretto discretamente una gara non facile da gestire e molto spigolosa.

Akron Savoca    0      Città di Roccalumera  0

Akron Savoca: Malino, Lo Giudice, Settimo, Chillemi (63’ Maimone), Lo Conti, Bercolli, R. Trimarchi ( 22’ E. Trimarchi, 75' Vitale), Rovito, Lo Cascio, De Luca ( 84’ Crupi), Famulari. All: Peppe Mangiò.

Città di Roccalumera: Trimarchi, Saccà, Cincotta, Leopardi, Puglisi, R. Burgio, R. Campagna, D. Campagna ( 65’ Prestipino), Cannata, Aquino (76’ Cutroneo), Omettere. All: Carmelo Cacciola.

Arbitro: Yassine Laabadi di Acireale.

Ammoniti: R. Trimarchi e Rovito (Akron Savoca), Cannata, Leopardi e Saccà (Città di Roccalumera).

Espulso: Santi Saccà doppia ammonizione (Città di Roccalumera).

Fotogallery della gara sulla pagina facebook: Sportjonico Giornale Sportivo


]]>
info@sportjonico.it (di "Mimmo Muscolino") 2^ categoria Mon, 20 Nov 2017 21:47:08 +0000
La Pgs Luce cala il poker, la capolista Ludica Lipari si deve arrendere. A Bisconte finisce 4-1. http://sportjonico.it/index.php?option=com_content&view=article&id=15326:la-pgs-luce-cala-il-poker-la-capolista-ludica-lipari-si-deve-arrendere-a-bisconte-finisce-4-1&catid=89:seconda-categoria&Itemid=364 http://sportjonico.it/index.php?option=com_content&view=article&id=15326:la-pgs-luce-cala-il-poker-la-capolista-ludica-lipari-si-deve-arrendere-a-bisconte-finisce-4-1&catid=89:seconda-categoria&Itemid=364 Su un campo pesante, alla prima occasione, i locali passano. Occhino in area di rigore è atterrato dall’intervento del difensore ospite e per l’arbitro è rigore. Dal dischetto capitan Corrieri è freddo e spiazza il portiere. Il vantaggio galvanizza i padroni di casa che non accennano a diminuire la pressione.

La sponda di Occhino è così raccolta da Mutto ma il tiro, dal limite, sorvola la traversa. Giunta dalla distanza alleggerisce il forcing, tuttavia, la conclusione è abbondantemente larga. Ben più ghiotta la chance capitata a Licari qualche minuto più tardi: imbeccato tutto solo, a tu per tu con Faranda, deposita a lato. La compagine isolana aumenta i giri del motore nel finale di frazione L’atteggiamento mutato, non reca, comunque, in dote i frutti sperati e al riposo si va con la Pgs avanti.

In avvio di ripresa è ancora Licari a creare insidie, complice un disimpegno imperfetto della retroguardia arancione, ma il tiro, ciccato, si spegne fuori. Sono prove generali, perché. con la botta dal limite di Coluzzi, gli ospiti pareggiano. Abate di testa prova a ristabilire distanze e gerarchie: non ottiene i frutti desiderati.

Dall’altra parte, Marino, lanciato in campo aperto, salta Faranda ma si defila troppo e non trova la porta. Sturnilo e Rosi vanno vicini al bersaglio grosso: l’imprecisione è minima. Zagarella, su punizione, trova un braccio, costringendo il direttore di gara a fischiare il secondo penalty di giornata. Corrieri, questa volta, si fa ipnotizzare ma sulla ribattuta di Orto, Zagarella trova il tap in giusto. Trascorre qualche istante e il numero nove si traveste da assist man servendo Andaloro per il 3-1. Con le squadre lunghe è Vaccaro a chiudere la pratica, dimostrandosi cinico nel battere Orto in uscita.

Il successo è linfa vitale per la compagine di mister Pavone che acquisisce fiducia e consapevolezza nei propri mezzi.

]]>
info@sportjonico.it (di "Comunicato Stampa") 2^ categoria Mon, 20 Nov 2017 14:03:20 +0000
L'Itala con un super Zouhir nella ripresa doma (4-1) il Città di Calatabiano. http://sportjonico.it/index.php?option=com_content&view=article&id=15322:litala-con-un-super-zouhir-nella-ripresa-doma-4-1-il-citta-di-calatabiano&catid=89:seconda-categoria&Itemid=364 http://sportjonico.it/index.php?option=com_content&view=article&id=15322:litala-con-un-super-zouhir-nella-ripresa-doma-4-1-il-citta-di-calatabiano&catid=89:seconda-categoria&Itemid=364 Torna a sorridere l’Itala, dopo tre sconfitte consecutive riassapora il gusto della vittoria grazie al secco poker ai danni del Città di Calatabiano che ha retto solo nella prima frazione di gara conclusasi sul punteggio di 0-0.

Poi nella ripresa si scatena un certo Amine Zouhir è la formazione italese prende il volo per la sua seconda vittoria casalinga (anche stagionale) che proiettano i ragazzi di mister Geraci a quota otto punti.

Di Contro il Città di Calatabiano sul campo italese conferma il trend negativo fuori casa (tre sconfitte su tre gare disputate, rimane fermo a quota nove punti in graduatoria.

Eppure la formazione etnea gioca bene chiudendo i vari spazi alla manovra dei padroni di casa, diciamo che la prima frazione di gara è prevalso il tatticismo dei due allenatori con le squadre che si sono annullate a vicende. Ad un primo tempo avaro di emozione, una ripresa ricca di colpi di scena con un protagonista in assoluto: il centrocampista di casa Amine Zouhir.

A sbloccare la gara è stata una sfortuna autorete di un difensore ospite sugli sviluppi di un corner che mette fuori causa Ferrara. Il gol cambia completa il volto della gara, adesso i locali sono più intraprendenti, al 62’ arriva il raddoppio su un perfetto diagonale di Zouhir. Il Città di Calatabiano reagisce al 68’ riapre la gara con Davide Burrascano complice anche un’ingenuità del portiere Geraci. Adesso la gara diventa equilibrata, il Città crede alla rimonta, forcing etneo con l’Itala che riesce a limitare i danni, ecco che sale in cattedra Zouhir due colpi di testa vincenti che nell’arco di tre minuti mettono al sicuro una vittoria importante per i ragazzi di Geraci: all’86’ sigla il 3-1 all’89’ timbra il 4-1 per una tripletta personale.

Ancora emozioni nel finale calcio di rigore per il Città di Calatabiano che potrebbe accorciare le distanze con Brian, ma Geraci para la trasformazione dagli undici metri.

Itala     4     Città di Calatabiano    1

Marcatori: 50’ autorete di Lombardo, 62’, 86’ e 89’ Zouhir, 68’Burrascano.

Itala: Geraci, Cassisi, Iuperca, Freni, Iurianello, Casella (74’ Roma), Caminiti, Di Leo (87’ Friddi), Fleres ( 77’ La Paro), Zouhir, Sorrenti. All: Geraci.

Città di Calatabiano: Ferrara, Sturiale, La Fauci ( 66’ D’Antonio), La Rosa, D’Amore, Lombardo, Burrascano, Fatty, Brian, Puglisi ( 83’ Furnari), Bevacqua. All: Benedetto.

Arbitro: Buda di Messina.

]]>
info@sportjonico.it (di "Mirko Crisafulli") 2^ categoria Mon, 20 Nov 2017 11:45:21 +0000
Il tridente Calì-Monforte-Cantarella piega un forte Fasport: Nike Giardini a due punti dalla vetta. http://sportjonico.it/index.php?option=com_content&view=article&id=15321:il-tridente-cali-monforte-cantarella-piega-un-forte-fasport-nike-giardini-a-due-punti-dalla-vetta-&catid=89:seconda-categoria&Itemid=364 http://sportjonico.it/index.php?option=com_content&view=article&id=15321:il-tridente-cali-monforte-cantarella-piega-un-forte-fasport-nike-giardini-a-due-punti-dalla-vetta-&catid=89:seconda-categoria&Itemid=364 Terza vittoria su tre gare per la Nike Giardini che sul terreno amico supera con un secco 3-1 l’ostico Fasport che riapre la gara con Curcio, poi arriva il gol in contropiede di Cantarella che regala tre punti importanti alla squadra allenata da mister Andrea Cerra che riduce a due punti il distacco dalla capolista Akron Savoca fermata in casa dal Città di Roccalumera.  Solo una gara perfetta per il Nike Giardini per superare una forte squadra come quella della Fasport, rivale per la vittoria finale.

Una gara ben giocata da entrambe le compagini con un primo tempo di marca giardinese, la ripresa la Fasport ha messo in difficoltà i padroni di casa che alla fine porta a casa il successo. La prima frazione di gara sono i padroni di casa a macinare gioco ma non riesco a essere incisivi in fase di conclusione, al 18’ Monforte ha la possibilità di sbloccare il risultato ma non riesce a deviare in rete. Il gol arriva cinque minuti più tardi: siamo al 25’ quando Marco Calì è abile a deviare in rete un preciso assist di Monforte.

La reazione ospite arriva su calcio piazzato con Restuccia,  con Di Pietro che neutralizza.  Il raddoppio arriva al 60’ su un splendido pallonetto di Alessandro Monforte (alla sua prima rete stagionale). Sembrava fatta per i ragazzi di Cerra, ma non è dello stesso avviso il Fasport che accorcia con una splendida rete di Curcio al 70’ con una bordata da 25 metri.  Adesso la gara diventa vibrante, gli ospiti adesso credono al pareggio pressano i giardinesi che chiudono i conti all’87’ con un micidiale contropiede finalizzato da Cantarella che mette il sigillo alla vittoria.

Una gara perfetta, dove il migliore in campo per i giardinesi  è stato senz’altro il neo acquisto lo svincolato il centrocampista Davide Spartà, ultimo colpo del direttore sportivo Calì, nell’ultima stagione nelle file del Linguaglossa.

Nike Giardini   3   Fasport  1

Marcatori: 25’ Calì, 60’ Monforte, 70’ Curcio, 87’ Cantarella.

Nike Giardini: Di Pietro, D’Allura, Nocera (88’ Campagna), Spartà, Barresi, Sciacca, Lo Iacono, Cantarella, Monforte, Antonuzzo, Calì. All: Andrea Cerra.

Fasport: Tavilla, Tringali, De Luca, Sergi, Mastrojanni, Bonamonte, Curcio, Cudraro (70’ Munafò), Bonfiglio, Restuccia, Scopelliti. All: Peditto.

Arbitro: Maccarone di Acireale.

 

]]>
info@sportjonico.it (di "Mimmo Muscolino") 2^ categoria Mon, 20 Nov 2017 11:05:48 +0000
Il Giardini Naxos in rimonta sul campo del Real Rometta, grazie alla coppia Varrica-Zagami. http://sportjonico.it/index.php?option=com_content&view=article&id=15320:il-giardini-naxos-in-rimonta-sul-campo-del-real-rometta-grazie-alla-coppia-varrica-zagami&catid=86:promozione&Itemid=352 http://sportjonico.it/index.php?option=com_content&view=article&id=15320:il-giardini-naxos-in-rimonta-sul-campo-del-real-rometta-grazie-alla-coppia-varrica-zagami&catid=86:promozione&Itemid=352 La coppia Varrica-Zagami in rimonta espugna il “Filari” di Rometta ed ottiene la seconda vittoria fuori casa, tre punti che proiettano al settimo posto  la formazione giardinese a ridosso della zona play-off con 19 punti.

Eppure la gara non era iniziata sotto i buoni auspici per i ragazzi di mister Francesco Brunetto che poco prima dell’intervallo subiscono la rete del  vantaggio dei neroverdi di mister Giuinta. A spezzare l’equilibrio di una gara priva di emozioni ci ha pensato al 42’ l’attaccante Peppe Buda (primo gol stagionale): dagli sviluppi di un calcio d’angolo la sfera arriva a Giordano colpo di testa che va ad infrangersi contro la traversa sulla ribattuta è lesto Buda a mettere alle spalle di Adornetto.

Al rientro in campo è subito Giardini che parte subito forte, già al 49’ il portiere di casa Di Dio compie una prodezza su una girata di Varrica.  Il forcing del  Giardini è pressante, ma il gol non arriva, in una ripartenza i locali vanno vicino al raddoppio con Cariolo che anziché servire Buda ben posizionato, preferisce tentare un pallonetto che termina fuori.  Al 60’ mister Brunetto tenta la carta dell’attaccante Peppe Amante al posto di Mancuso, il neo entrato si fa subito notare impegnando in una difficile parata Di Dio. Il Real Rometta è in difficoltà, viene salvato dalla capitolazione dai salvataggi di  Maisano sulla linea di porta.  Il gol è nell’aria ed arriva al 68’ quando il bomber giardinese Cristian Varrica fa partire un tiro da fuori che trova la deviazione di un difensore locale per mettere fuori causa Di Dio.

Riacciuffato il pari, il Giardini cerca il colpo vincente che arriva all’80’ con Salvo Zagami che finalizza all’angolino della porta di Di Dio per il vantaggio ospite. Subito il gol, il Real reagisce ma non riesce a trovare il guizzo per riacciuffare il pareggio, arriva il triplice fischio finale che decreta la vittoria in rimonta, secondo successo consecutivo per il Giardini Naxos.

Real Rometta    1      Giardini Naxos   2

Marcatore: 42’ Buda, 69’ Varrica, 80’ Zagami.

Real Rometta: Di Dio, Giordano (84’ Morasca), Boemi, Fleres, Bonaffini ( 52’ Maisano), Pergolizzi, Cariolo, Battaglia, Buda, Sciliberto, Spadaro ( 76’ Arizzi). All: Giunta.

Giardini Naxos: Adornetto, Vecchio, Vaccaro, Giannetto ( 70’ Tornitore), Stracuzzi, Salemi, Mancuso ( 60’ Amante), Orefice, Zagami, Varrica ( 84’ Lu Vito), Mangano. All: Francesco Giunta.

Arbitro: Testai di Catania.

 

]]>
info@sportjonico.it (di "Mirko Crisafulli") Promozione Mon, 20 Nov 2017 10:36:23 +0000
Su rigore il Camaro espugna Adrano con Ancione: sesto risultato utile consecutivo. http://sportjonico.it/index.php?option=com_content&view=article&id=15317:su-rigore-il-camaro-espugna-adrano-con-ancione-sesto-risultato-utile-consecutivo&catid=85:eccellenza&Itemid=319 http://sportjonico.it/index.php?option=com_content&view=article&id=15317:su-rigore-il-camaro-espugna-adrano-con-ancione-sesto-risultato-utile-consecutivo&catid=85:eccellenza&Itemid=319 Il Camaro continua a viaggiare a gonfie vele e, seppur con qualche sofferenza, la squadra di Ferrara espugna anche lo stadio “Dell’Etna” di Adrano. Il successo, il sesto consecutivo, consente ai neroverdi di migliorare ulteriormente la propria classifica, isolandosi in quinta posizione e avvicinandosi anche alle squadre che occupano i primi posti della graduatoria. Ancora una volta resta inviolata la porta di Ivan Mannino, che non hai subito neppure un gol nelle sei gare disputate con Ferrara in panchina.

Decisivo oggi pomeriggio il rigore trasformato da Daniele Ancione al 37’ del primo tempo: Nonostante un po’ di sofferenza, i neroverdi centrano così un’altra preziosissima vittoria, consolidano il piazzamento playoff a quota 21 punti e si avvicinano alle zone nobili della classifica. Domenica prossima al “Marullo” confronto con il Paternó nel dodicesimo turno di campionato.

La cronaca – Diverse defezioni nel Camaro che fa visita allo Sporting Adrano: squalificati Munafò e Bonamonte, out per infortunio Morabito, Gazzè e Zappalà. Qualche novità di formazione, dunque, nel consueto 4-3-3 di Pasquale Ferrara, oggi al ritorno in panchina dopo tre giornate di squalifica: in porta c’è Mannino, in difesa debutto assoluto per Francesco Sciotto in coppia con Pettinato al centro, Cappello e Mondello confermati sulle corsie esterne, a centrocampo Spoto dal 1’ con Ancione e Falcone, Assenzio viene impiegato nel tridente offensivo completato da Paludetti e Princi.

Primo Tempo: Dopo un’iniziale fase di studio, è il Camaro che prova a prendere in mano le redini dell’incontro. Al 7’ il primo tentativo è di Spoto, che ci prova da fuori su sponda di Paludetti ma il suo destro viene ribattuto da un avversario. Ospiti pericolosi al 9’: Assenzio sfonda a destra e va al cross, Princi anticipa tutti a centro area ma il suo colpo di testa non trova lo specchio. Il primo tentativo dello Sporting Adrano arriva al quarto d’ora: Reale impegna Mannino direttamente da calcio d’angolo ma il portiere del Camaro se la cava e l’arbitro ravvisa anche un fallo ai suoi danni. Il match, condizionato dal forte vento, stenta a decollare ma è sempre il Camaro a tenere in mano le redini del gioco e ad accelerare nella parte finale della prima frazione. Al 34’ sgroppata di Mondello a sinistra e conclusione potente da posizione defilata che si spegne però sull’esterno della rete.

I neroverdi continuano a spingere e al 36’ Mondello da sinistra cambia gioco per Assenzio, che aggancia bene in area e trova l’opposizione con un braccio di Tuccio: l’arbitro indica il dischetto senza esitazioni, dagli undici metri va Ancione che spiazza il portiere e realizza con la consueta freddezza. Trovato il vantaggio, il Camaro sfiora il raddoppio al 40’: Paludetti con caparbietà recupera un buon pallone, entra in area e si presenta davanti al portiere, cerca di piazzare la sfera ma il suo destro termina a lato. Il primo tempo non regala altre emozioni e, dopo due minuti di recupero, si va al riposo sullo 0-1.

Secondo Tempo: In avvio di ripresa, al 6’, è ancora Paludetti a provarci ma il suo tentativo dai 20 metri non va a buon fine. Risponde lo Sporting Adrano al 9’ con la conclusione da fuori di Giuffrida bloccata in due tempi da Mannino. Al 10’ Mondello combina con Ancione su azione d’angolo e arriva al tiro dal limite ma il suo sinistro non è preciso e si spegne sul fondo. Al 16’ è bravo Mannino ad intervenire in uscita su Manueli e a sventare la possibile minaccia. Al 26’ ci riprova Mondello che, dopo una combinazione con Princi, entra in area e cerca il primo palo mandando però a lato. I padroni di casa crescono nella secondo metà della ripresa e alla mezz’ora confezionano una grande occasione: dopo un batti e ribatti in area neroverde, Petrullo calcia a pochi passi dalla porta di Mannino ma manda sul fondo. Al 34’ Adrano ancora avanti e gol a gioco fermo di Manueli che riceve in chiara posizione di fuorigioco prima di depositare il pallone in rete. Al 35’ Ferrara effettua il suo primo cambio rimpiazzando Princi con Campo.

La formazione di casa continua a crederci e Giuffrida al 37’ impegna Mannino su calcio di punizione dal limite. Trascorre un minuto e su azione d’angolo lo Sporting Adrano torna a pungere: cross di Napoli e colpo di testa da distanza ravvicinata di Petrullo che manda alto. Al 40’ dentro anche Sturniolo al posto di Spoto. Al 41’ il Camaro potrebbe chiudere i conti: angolo di Mondello, palla che arriva sul secondo palo a Fabio Campo che calcia di prima ma da pochi passi non inquadra la porta. È l’ultimo brivido dell’incontro perché i neroverdi non corrono altri rischi nel finale di gara e i 7 minuti di recupero concessi dal direttore di gara scorrono via senza sofferenze per gli ospiti, che mandano in campo anche Velardi e il debuttante Costa. 0-1 il punteggio finale e vittoria pesantissima per gli uomini di Ferrara.

Sporting Adrano - Camaro 0-1
Marcatori
: 37' pt rig. Ancione.
Sporting Adrano: Tabascio, Mascali, Tuccio, Napoli (46' st Cavallaro), Reale, D'Arrigo, Gallo, Santangelo (33' st Innocenti), Petrullo, Giuffrida, Di Marco (1' st Manueli). In panchina: Garofalo, Catania, Terranova, Calamato. Allenatore: Fabio Cataffo.
Camaro: Mannino, Cappello, Mondello, Sciotto, Pettinato, Falcone (50' st Costa), Spoto (40' st Sturniolo), Assenzio, Paludetti (46' st Velardi), Ancione, Princi (35' st Campo). In panchina: Sanneh, Muscarà, Visconti. Allenatore: Pasquale Ferrara.
Arbitro: Sebastiano Galioto della sezione di Siracusa. Assistenti: Alessandro Pirrera della sezione di Enna e Salvatore Runza della sezione di Siracusa.
Ammoniti: Napoli (S), Falcone (C), Sciotto (C), Mannino (C), Mascali (S).

]]>
info@sportjonico.it (fi "Usd Camaro") Eccellenza Mon, 20 Nov 2017 07:08:54 +0000
Due rigori decidono Giarre - Città di S.Agata (1-1): Colonna para il rigore del possibile vantaggio ospite. http://sportjonico.it/index.php?option=com_content&view=article&id=15316:due-rigori-decidono-giarre-citta-di-sagata-1-1-colonna-para-il-rigore-del-possibile-vantaggio-ospite&catid=85:eccellenza&Itemid=319 http://sportjonico.it/index.php?option=com_content&view=article&id=15316:due-rigori-decidono-giarre-citta-di-sagata-1-1-colonna-para-il-rigore-del-possibile-vantaggio-ospite&catid=85:eccellenza&Itemid=319 Finisce 1-1 tra Giarre e Citta’ di S. Agata un match molto sentito da entrambe le compagini. Al Regionale sono due rigori a decidere le sorti dell’incontro tra la formazione allenata da Peppe Mascara e quella di mister Bellinvia. I padroni di casa speravano di recuperare terreno dalle prime della classe e rituffarsi in zona playoff ma invece devono dire grazie al proprio estremo difensore Vincenzo Colonna che ha neutralizzato nella ripresa un altro penalty che avrebbe significato la sconfitta giarrese.

Primo Tempo: La cronaca scatta dal 2’ minuto. Lamia vince un rimpallo, la palla perviene a Carbonaro che entra in area e subisce fallo con il direttore di gara che senza esitazione assegna il penalty. Della battuta del rigore di incarica lo stesso numero 9 che con un potente destro fulmina Inferrera spedendo la sfera sotto la traversa. I gialloblu insistono e sfiorano il raddoppio al 6’ con una gran conclusione al volo di Compagno dal limite ma Inferrera si tuffa mandando in angolo. Al 14’ Caputa scarica per Lamia che esegue un lancio in verticale per Carbonaro il quale entra in area e scocca un tiro in diagonale, ma il pallone si spegne a lato.

Altra occasione al minuto 22 con Carbonaro che si abbassa, resiste alla pressione di Calafiore e allarga il gioco per Caputa il quale converge e lascia partire una staffilata deviata in angolo dal portiere. Il pareggio ospite arriva al 35’ quando l’arbitro assegna un’altra massima punizione: Zingales allunga la sfera per Cicirello che viene atterrato da Santitto. Dagli undici metri Mincica spiazza Colonna gonfiando la rete. Al 40’ Lamia allarga il gioco per Compagno il cui tiro viene deviato in angolo. Sul corner Francesco D’Arrigo ha sui piedi la palla del vantaggio ma Inferrera in uscita respinge. Nel finale sulla punizione di Privitera, Isgrò salta Compagno e dall’interno dell’area tira di sinistro facendo la barba al palo.

Secondo Tempo: Nella ripresa all’11’ Lamia fa fuori Privitera e calcia da fuori area ma Inferrera risponde presente. Poi ci prova Leotta saltando Zingales ed entrando in area ma il suo tiro di sinistro viene respinto ancora dall’estremo difensore messinese. Sant’Agata successivamente pericoloso con Cicirello che, imbeccato da Isgrò, tenta un pallonetto che termina sopra la traversa.

Brividi per i tifosi del Giarre al 22’: Cicirello imbecca Mincica il quale serve Isgrò che scarta il portiere subendo fallo e guadagnandosi un altro penalty, il terzo della gara fischiato dall’arbitro. Dal dischetto si presenta di nuovo Mincica ma questa volta Colonna è attento e si distende respingendo la conclusione e riscattandosi dall’averlo causato. Al 26’ altro miracolo del numero 1 gialloblu che si oppone a Cicirello in area piccola, servito dopo uno scambio Isgrò-Calafiore, riuscendo ad evitare che la sfera superi la linea di porta. Il triplice fischio sancisce la fine delle ostilità.

GIARRE    1            CITTA’ DI S. AGATA    1

Marcatori: Pt 3’ Carbonaro (r), 35’ Mincica (r).

Giarre: Colonna, Santitto, Sanfilippo, Patanè(24’ st Messina), D’Arrigo, Miano, Caputa, Lamia, Carbonaro, Compagno, Leotta. A disposizione: Dovara, Spampinato, Gulli, Carrabino, Romano, Privitera. All. Mascara

Città di S. Agata: Inferrera, Mazzola, Franchina, Privitera, F. Bontempo, Zingales, Calafiore(48’ st Seck), Fogliani, Cicirello, Mincica, Isgrò. A disposizione: Scurria, Longo, G. Bontempo, Segreto, Pino, Carrello. All. Bellinvia

Arbitro: Franzò di Siracusa; Assistenti: Citarda e Canale di Palermo

]]>
info@sportjonico.it (di "Alessandro Famà".) Eccellenza Mon, 20 Nov 2017 06:48:02 +0000
Un colpo di testa di Savoca, prodezza balistica di Aricò, con un super Monaco, la Jonica supera 2-0 il Trecastagni. http://sportjonico.it/index.php?option=com_content&view=article&id=15319:un-colpo-di-testa-di-savoca-prodezza-balistica-di-arico-con-un-super-monaco-la-jonica-supera-2-0-il-trecastagni&catid=86:promozione&Itemid=352 http://sportjonico.it/index.php?option=com_content&view=article&id=15319:un-colpo-di-testa-di-savoca-prodezza-balistica-di-arico-con-un-super-monaco-la-jonica-supera-2-0-il-trecastagni&catid=86:promozione&Itemid=352 La Jonica fa centro contro lo Sporting Trecastagni: vittoria per 2-0, primato in classifica con 27 punti (due punti in più dalle immediate inseguitrici Tirrenia e Viagrande), conquista la sua quinta vittoria casalinga della stagione, quarta consecutiva con uno score particolare nessun gol subito con sette reti realizzati.

Questi in sintesi i numeri della gara disputata ieri pomeriggio al Comunale di Bucalo tra la capolista Jonica e lo Sporting Trecastagnii pratica che i ragazzi di mister Mimmo Moschella hanno in pratica chiuso nella prima frazione di gara grazie al gol di testa di Alessio Savoca ed al capolavoro balistico di Aricò, ma soprattutto una prestazione superlativa del fantasista Francesco Monaco, il migliore in campo, per il centrocampista giallorossa è mancato solo il  gol: occasione avuta ad inizio ripresa quando buca la difesa ospite in velocità giunto in area con il portiere ospite in uscita manda il suo destro con la porta sguarnita di poco fuori dallo specchio della porta, sarebbe stato il 3-0.

Jonica Fc …..una striscia d’imbattibilità di 38 giornate: Continua lo score d’imbattibilità dei ragazzi di mister Mimmo Moschella che sale a 38 giornate, l’ultima sconfitta risale alla prima giornata di andata della scorsa stagione (1-0 sul campo del Camaro).

Jonica Fc ……..il Comunale imbattuto da 20 gare: L’ultima squadra ad espugnare il Comunale di Bucalo, è stato proprio l’avversario di ieri, ovvero il Trecastagni nella 28^ giornata della stagione 2014-15 con il risultato di 3-2.  Ultimo dispiacere per i  giallorossi, poi una striscia di 20 risultati utili consecutivi, pari a 15 vittorie e 5 pareggi,  con una “ciliegina” una difesa impenetrabile  solo sette reti subiti (6 nella stagione 2016-17, uno soltanto nell’attuale stagione), con 36 gol fatti (27 la scorsa stagione e 9 in questo campionato).

La gara: La gara contro lo Sporting era temuta alla vigilia dall’ambiente della Jonica, alla fine tutto è stato spazzato via nell’arco di 45’ grazie alla vena di un super Francesco Monaco, l’anima di questa jonica e all’estro di un certo Aricò che ispira il primo gol: Loria dalla destra appoggia orizzontalmente per Federico Lombardo al centro che fa proseguire sulla sinistra per Aricò, il terzino giallorosso va in sovrapposizione, mentre l’attaccante della Jonica con il suo destro fa partire un preciso traversone con la palla che arriva sul secondo palo dove c’è piazzato Roberto Cambria che fa da torre per Alessio Savoca che sottoporta di testa mette in rete con Zannini battuto, siamo al 16’ la Jonica è in vantaggio.

Monaco ispira……perla di Aricò, la Jonica va sul 2-0:  Al 22’ arriva il raddoppio dei padroni di casa con la ditta Francesco Monaco che dal cerchio del centrocampo verticalizza per Aricò che si inventa un “golasso”  ammordisce la sfera, dalla lunetta dell’area di rigore con il portiere in uscita, tocco felpato per un pallonetto che manda in estasi la tifoseria santateresina, ma non solo, per un rete da cineteca.

Il doppio vantaggio non frena la Jonica che continua a macinare gioco, al 28’ ci prova da  fuori Monaco di poco fuori, lo stesso centrocampista al 31’ tenta la via della rete su punizione.  Unico tiro in porta nella prima frazione di gara un tiro di Tounkara fuori dallo specchio della porta.

Nella ripresa la Jonica lascia a riposo Galletta al suo posto il giovane Corrado La Forgia, subito occasione per Monaco precedentemente descritta.  Al 55’ da posizione defilata Aricò trova la parata del portiere ospite.  Al 57’ sul solito schema su punizione arriva il colpo di testa del difensore Gianluca Sanfilippo con Zannini pronto alla  deviazione in angolo.

All’85’ la Jonica colpisce la traversa con il neo-entrato Nino Garufi: parte dalla sinistra entra in area mette in atto una serpetina che fa fuori come birili i difensori, giunto all’altezza del dischetto anziché provare a concludere, gesto di altruismo appoggia per Ferraro tutto solo, ma il suo destro viene intercettato dal portiere etneo.  Ultimo brivido di una gara giocata quasi alla perfezione dai ragazzi di mister Mimmo Moschella che si godono il primato il classifica.

Jonica Fc     2      Sporting Trecastagni    0

Marcatori: 16’ A. Savoca, 22’ Aricò.

Jonica Fc : Gugliotta, Loria  (65’ G. Savoca), Lombardo, Herasymenko, Sanfilippo, Ferraro, A. Savoca  (80’ Mifa), Cambria, Galletta (46’ La Forgia), Aricò  (68’ Garufi), Monaco. All. Mimmo Moschella

Sporting Trecastagni: Zannini  (68’ Crisafulli), Scamporrino, Riolo, Tounkara, Di Somma, Rundo, Diallo (82’ Finocchiaro) , Marzà, Giummaresi, Contarino  (70’Platania), Zuccarello. All. Zingherino

Arbitro: Valerio Gambacurta di Enna. Assisstenti: Giuseppe Sirna e Mario Grasso di Acireale.

]]>
info@sportjonico.it (di "Mimmo Muscolino") Promozione Mon, 20 Nov 2017 06:45:39 +0000
Debutto vincente per Saro De Cento sulla panchina del Catania S. Pio X: 1-0 al Ragusa. http://sportjonico.it/index.php?option=com_content&view=article&id=15315:debutto-vincente-per-saro-de-cento-sulla-panchina-del-catania-s-pio-x-1-0-al-ragusa&catid=85:eccellenza&Itemid=319 http://sportjonico.it/index.php?option=com_content&view=article&id=15315:debutto-vincente-per-saro-de-cento-sulla-panchina-del-catania-s-pio-x-1-0-al-ragusa&catid=85:eccellenza&Itemid=319 Tre punti pesanti in chiave-salvezza per il Catania S.Pio X. Il neotecnico Saro De Cento, incaricato giovedì di dirigere gli etnei dopo l'esonero di Platania (in attesa del tesseramento ha seguito a bordocampo la partita e in panchina è andato il tecnico Juniores Alfio Rubino), bagna con una vittoria il suo esordio. Cade ancora una volta il Ragusa, che mastica amaro per un rigore fallito sull'unica opportunità vera e propria creata nella ripresa, e rimane impantanato in piena zona retrocessione.

De Cento opta per Santanna al centro della difesa in virtù delle assenze di Piero Santonocito, Sapienza e Villani. Conte esterno basso. Guglielmino esterno tra centrocampo e attacco parte tra i titolari. Si rivede Inserra, in panchina.

Croce e delizia, viste le occasioni clamorosamente non sfruttate a cavallo dei due tempi, Ranno: a metà primo tempo approfitta di una dormita della difesa avversaria per compiere due passi e battere in uscita Dimartino. Il quale, poco dopo, ipnotizza il centravanti di casa nel momento di un passaggio allo smarcato Abate. Di Ascia, rasoterra potente respinto da super Romano, e Ascia le uniche minacce iblee nel primo tempo.

Al rientro dagli spogliatoi la S.Pio X deve fare i conti con gli errori sottoporta anche di Abate e del ritrovato Inserra, il Ragusa prova a creare ma non punge. Sino alla mezzora, quando Garufi atterra Russo, dagli undici metri Romano abbassa la saracinesca e salva il risultato, rilanciando i biancorossi e allontanandoli dai bassifondi.

“Sulla scorta dei risultati negativi precedenti, ho temuto che la squadra potesse risentire di un po di paura di non conquistare il risultato pieno in occasione del rigore – ha commentato a fine gara De Cento -. Grandissimo Romano, si è dimostrato e confermato un para-rigori. Obiettivamente, il Ragusa non merita questa classifica, ma per noi la vittoria era fondamentale da ottenere oggi per migliorare la classifica: giovedì, giorno del mio arrivo, ho visto una squadra che il mio predecessore Platania ha preparato bene ma che ci fosse scarsa carica psicologica. Quindi occorreva sbloccarsi perchè il vincere aiuta a vincere”.

CATANIA S.PIO X     1    CITTA’ DI RAGUSA  0

Marcatore: 22' Ranno.

CATANIA S.PIO X: Romano, Musumeci, Conte, Marino, Pandolfo, Santanna, Ancione, Garufi, Abate (45' M. Santonocito), Guglielmino (55' Inserra), Ranno: All: De Cento.

CITTA DI RAGUSA: Di Martino, La Vaccara, Russo, Marchese, Caruso, Priola, Ascia, Calabretta, Rimmaudo (55' Scerra), Zangara (88' Spina, Manfrè. All: Raciti.

ARBITRO: Campisi di Siracusa.


 

]]>
info@sportjonico.it (di "Giuseppe Signorino") Eccellenza Mon, 20 Nov 2017 06:37:57 +0000
Un rigore ad inizio gara decide Calcio Furci - Atletico Francavilla: Garofalo fa esultare gli alcantarini. http://sportjonico.it/index.php?option=com_content&view=article&id=15302:un-rigore-ad-inizio-gara-decide-calcio-furci-atletico-francavilla-garofalo-fa-esultare-gli-alcantarini&catid=89:seconda-categoria&Itemid=364 http://sportjonico.it/index.php?option=com_content&view=article&id=15302:un-rigore-ad-inizio-gara-decide-calcio-furci-atletico-francavilla-garofalo-fa-esultare-gli-alcantarini&catid=89:seconda-categoria&Itemid=364 Perde ancora in casa la squadra allenata da Mimmo Ucchino, questa volta è l’Atletico Francavilla ha espugnare il “Luigi Papandrea” dopo il Nike Giardini e il Fasport Itala.  Un gol dopo pochi minuti dal fischio d’inizio  taglia le gambe ai padroni di casa, in una partita molto fallosa con tanti ammoniti e due espulsioni.

Primo Tempo: Dopo una fase di studio, la gara si sblocca all’8’ quando il direttore di gara Naccari della sezione di Messina assegna un calcio di rigore alla squadra ospite: il portiere furcese Lundi vede sopraggiungere l’attaccante Valerio Vaccaro, lo contrasta lo sgambetta è lo manda giù per l’arbitro è rigore.  Dagli undici metri non sbaglia Garafalo per il vantaggio della formazione allenata da Orsina.

Subito il gol i ragazzi di Mimmo Ucchino accusano il colpo, è ancora il Francavilla ad andare al raddoppio in diverse occasioni con la sfera che esce di poco dalla porta difesa da Lundi. Il Calcio Furci, non sta a guardare ed è proprio sul finire del primo tempo che sfiora il pareggio con Andrea Fleres in due circostanze calciando fuori da pochi passi dalla porta avversaria.

Secondo Tempo: I padroni di casa partono subito forte, cercano di raddrizzare il risultato ma ogni sforzo risulta vano, di contro l’Atletico Francavilla cerca di limitare il raggio d’azione dei furcesi alzando un muro difensivo ed utilizzando  la tattica delle palle lunghe per i suoi attaccanti.

Rispetto la prima frazione di gara, la ripresa è molto fallosa, in effetti il gioco  viene tante volte spezzettato da falli che portano a cartellini gialli e a due rossi per il capitano furcese Gianpaolo Agnone e Campo per il Francavilla, per gli ospiti dalla panchina Orsina.

Forcing finale dei furcesi, ma arriva il triplice fischio finale che sancisce la vittoria degli ospiti che salgono a quota sette punti, mentre il Calcio Furci rimane a quota tre, rimandando alla prossima gara l’appuntamento con la prima vittoria stagionale.

Il prossimo turno i giallorossi furcesi  affronteranno fuori casa l’Antillese, gli alcantarini riceveranno la visita del Fiumedinisi.

Calcio Furci     0    Atletico  Francavilla  1

Marcatore: 8’ Garofalo su rigore.

Calcio Furci: Lundi, Ralli, D’Urso, Giuffrida, Ingegneri, Ciaccia, Fleres, Agnone, Giannetto, Rapisarda, A. Proteggenti,. All: Mimmo Ucchino.

Atletico Fracavilla: Indiana, G. Vaccaro, Mangano, Di Natale, Silvestro, S. Brunetto, FF. Campo, G. Santoro, Alexandru, V. Vaccaro, Garofalo. All: Isidoro Orsina.

Espulsi: Agnone (Calcio Furci), Campo (Atl. Francavilla).

Arbitro: Naccari di Messina.

]]>
info@sportjonico.it (di "Mim. Rig.") 2^ categoria Sun, 19 Nov 2017 09:01:39 +0000
Il Città di Messina infligge la prima sconfitta (2-1) alla capolista Biancavilla: decide Cardia a 2' dalla fine. http://sportjonico.it/index.php?option=com_content&view=article&id=15318:il-citta-di-messina-infligge-la-prima-sconfitta-2-1-alla-capolista-biancavilla-decide-cardia-a-2-dalla-fine&catid=85:eccellenza&Itemid=319 http://sportjonico.it/index.php?option=com_content&view=article&id=15318:il-citta-di-messina-infligge-la-prima-sconfitta-2-1-alla-capolista-biancavilla-decide-cardia-a-2-dalla-fine&catid=85:eccellenza&Itemid=319 Per descrivere nel modo migliore le prestazioni che Francesco Cardia regala al Città Di Messina da inizio stagione servirebbero le capacità oratorie di Federico Buffa probabilmente, ma l’intensità, la tenacia, la voglia, la grinta ed il carattere del centrocampista di mister Furnari racchiudono come meglio non si potrebbe lo stato d’animo dei giallorossi, e questo è sotto gli occhi di tutti. Vince contro il Biancavilla il Città di Messina, vince contro quella che probabilmente è la squadra meglio attrezzata di questo girone, vince contro chi ancora non aveva mai perso, vince e va al secondo posto, in attesa dei risultati di domani

Pre-gara: Non cambia il modulo per mister Furnari, che sceglie il consolidato 3-5-2, cambia invece qualche interprete: Paterniti tra i pali, linea difensiva confermata con S.Leo, Filistad e Bombara, sugli esterni della linea mediana Silvestri sulla destra (rientro per il classe 99′ dopo l’infortunio di inizio stagione) e D.Leo a sinistra, in mezzo Calcagno, Cardia e Quintoni. Rientra dal 1′ Rasà in avanti affiancato da Genovese.

Primo Tempo: Ritmi lenti e poche occasioni per 23′, in una sfida dove almeno all’inizio prevale l’equilibrio, poi è Cardia ad inserirsi nella trequarti gialloblù e servire Genovese che prova un destro non proprio da impazzire che però Pappalardo non gestisce bene mettendo in corner. Dall’angolo scontro tra S.Leo e Messina dove avrà la peggio il giocatore del Biancavilla costretto ad uscire in barella. Poco dopo è Rasà a guadagnarsi un calcio di punizione dai 35 metri affidato al mancino di Quintoni, l’ex Messina pesca in area Cardia che però spara alto con il destro. Intorno alla mezz’ora gli ospiti producono il primo pericolo verso la porta di Paterniti, con Benfatta che approfitta dell’errore di lettura di Filistad su un cross dalla destra e incorna sfiorando il palo.

Prende campo la capolista che tuttavia non crea grossi pericoli in avanti, affidandosi a conclusioni dalla distanza, come quella di Nicolosi che al 38′ viene facilmente disinnescata da Paterniti. Allo scadere della prima frazione Genovese si invola sull’out mancino crossando per la corrente Silvestri che sul secondo palo cicca la conclusione spedendo sul fondo.

Secondo Tempo: Invariati i 22 con l’inizio della ripresa. La combinazione tra Rasà e Davide Leo favorisce il primo tentativo del Città nella seconda frazione, con lo scarico su Cardia che apre il compasso e consente a Silvestri di concludere verso la porta avversaria mandando sul fondo da buona posizione. E’ ancora il match winner di Scordia e cercare in verticale Rasà, che prima viene anticipato da Parisi, salvo poi intervenire al volo sulla corta respinta del classe 81′ per cercare il gol della settimana.

Mister Furnari prova a cambiare qualcosa, togliendo dal campo l’eccellente Calcagno e il timido D.Leo per Alessandro e Fragapane. Il Città si propone sulla destra e S.Leo recupera il pallone rinviato male dalla difesa del Biancavilla per appoggiare su Quintoni, che dal limite calcia debole e centrale. Poco dopo il neo-entrato Alessandro si incarica di un corner dalla destra, la sua sventagliata trova un clamoroso errore in uscita di Pappallardo che liscia il pallone, alle sue spalle S.Leo riesce a deviare di testa da pochi passi e portare in vantaggio i giallorossi.

Silvestri lascia in campo per Di Stefano e Rasà per Codagnone ma a 10′ dal termine è il Biancavilla a trovare il gol del pareggio grazie a Maimone che trova la deviazione giusta in area di rigore e trasforma il calcio di punizione calciato col mancino. Una doccia fredda per qualunque altra squadra, meno che per il Città di Messina, che non si scompone e continua a spingere in avanti. Entra Costa per Quintoni. L’atteggiamento della banda Furnari viene ripagato all’88′, con il gol fotocopia di Cardia che mette il jet-pack e trova un tocco che vale il 2-1 dei padroni di casa. Anche in questo caso la complicità di Pappalardo è evidente.

Città di Messina   2  Biancavilla    1

Marcatori: 22′ st S. Leo, 35′ st Maimone (B), 43′ st Cardia

CITTA’ DI MESSINA: Paterniti, Silvestri (30′ st Di Stefano), D. Leo (18′ st Alessandro), S. Leo, Filistad, Bombara, Cardia, Calcagno (18′ st Fragapane), Rasà (30′ st Codagnone), Genovese, Quintoni (41′ st Costa). A disposizione: Maisano, Ginagò. Allenatore: Giuseppe Furnari.

BIANCAVILLA:  Pappalardo, Orefice, Maimone, Strano, Diop, Parisi, Caruso (9′ st Scapellato), Baiocco, Messina (27′ st Scariolo), Nicolosi (17′ st Russo), P. Benfatta (9′ st Indelicato). A disposizione: S. Benfatta, Scalia, Faro. Allenatore: Gaspare Cacciola.

Arbitro: Alessio Marra di Mantova Assistenti:  Francesco Bentivegna e Pietro Bennici di Agrigento

Ammoniti: Calcagno (CdM), Scariolo (B), Cardia (CdM), Scapellato (B), Baiocco (B)

]]>
info@sportjonico.it (di "Città di Messina") Eccellenza Sun, 19 Nov 2017 07:18:05 +0000
La Tirrenia Calcio grazie ad un gol di Zurka piega la Messana. http://sportjonico.it/index.php?option=com_content&view=article&id=15314:la-tirrenia-calcio-grazie-ad-un-gol-di-zurka-piega-la-messana&catid=86:promozione&Itemid=352 http://sportjonico.it/index.php?option=com_content&view=article&id=15314:la-tirrenia-calcio-grazie-ad-un-gol-di-zurka-piega-la-messana&catid=86:promozione&Itemid=352 Gara difficilissima al Comunale di Giammoro per la Tirrenia contro una rediviva Messana  vogliosa di riscattare la batosta interna con l’Aci S.Antonio mentre i locali avevano l’imperativo della vittoria per agguantare l’altissima classifica.

Nella prima frazione ha nettamente avuto la meglio il bel gioco della squadra di Bitto che ha letteralmente messo sotto i rossi ospiti ma ha concretizzato poco rispetto alla mole di gioco espresso pur colpendo un palo con Zurka e la rete messa a segno dallo stesso classe ’99. Nella ripresa la Messana ha cercato con più insistenza il pareggio ma pur mantenendo una certa superiorità di possesso palla e tenendo in bilico il risultato, mai ha costretto l’attento Bucca ad interventi di spessore che s’è limitato a domare alcuni traversoni. Ora si aprono scenari davvero interessanti per i giallorossoblù che possono veramente rappresentare la squadra alternativa al Terme ed alla Jonica per la testa della classifica.

Si parte subito con un colpo di testa di Buda con la respinta di Bucca e questa rappresenta l’unico tentativo ospite del primo tempo. Dall’altra parte molto attivo Zurka ma anche Ruggeri ci prova spesso. Spinge molto il rientrate Laquidara mentre Mazzù, prese le misure, spegne il pericoloso Buda. Al quarto d’ora, brucia la prima vera occasione Zurka non riuscendo ad approfittare di una sporca respinta di Canale calciando fuori dai cinque metri. Subito dopo si libera del proprio controllore e in diagonale colpisce il palo a portiere battuto.

Canale si oppone quindi ad una punizione di Milanese mentre al 23’ però Zurka mette a segno la sua seconda e consecutiva rete stagionale approfittando di una respinta difensiva sulla conclusione di Ruggeri. La Messana non è in grado di reagire e i locali non trovano il modo di mettere al sicuro il risultato.

Ad inizio ripresa sembra più tonica la Messana ma a rendersi pericolosa è sempre la Tirrenia ancora con Zurka, Ruggeri e Schepisi con Canale che deve distendersi per deviare le pericolose conclusioni. Poi i nervosi ospiti riescono a coinvolgere Agolli che viene coinvolto da una simulazione di Buda e l’arbitro ci casca espellendo il locale.

Regge bene comunque la Tirrenia che chiude con la quinta vittoria interna stagionale e raggiunge una posizione di classifica davvero golosa. Il prossimo turno la squadra cara a Paolo Sciotto affronterà il derby a Torregrotta, partita dalle mille insidie così come tutti i derby ma che potrebbe consacrare Ruggeri e soci ad aspiranti antagonisti per il vertice.

TIRRENIA  - MESSANA 1 - 0

Reti: p.t.23’ Zurka.

TIRRENIA: Bucca, Mazzù, Laquidara, Biondo, Mandanici, Shpellzaj ,Ruggeri(st 38’Pitrone), Milanese, Schepisi, Aloe( st21’Buta), Zurka(st 23’Agolli). All. Bitto

MESSANA: Canale, Broccio, Mannino, Brancati, Arena D.(Saija), Alibrandi(Futia), Parachì, Costanzo, Arena A.(La Rocca),Buda, Crucitti. All. Lucà(squalificato)

Arbitro: D’Aquino di Catania.

Ammoniti: Milanese, Mandanici(Tirrenia), Buda, Mannino, Costanzo(Messana)

Espulso: Agolli (Tirrenia)

]]>
info@sportjonico.it (di "Nino La Rosa") Promozione Sun, 19 Nov 2017 06:23:06 +0000
Catania S. Pio X, cambio in panchina: il nuovo tecnico è Saro De Cento. http://sportjonico.it/index.php?option=com_content&view=article&id=15284:catania-s-pio-x-cambio-in-panchina-il-nuovo-tecnico-e-saro-de-cento&catid=85:eccellenza&Itemid=319 http://sportjonico.it/index.php?option=com_content&view=article&id=15284:catania-s-pio-x-cambio-in-panchina-il-nuovo-tecnico-e-saro-de-cento&catid=85:eccellenza&Itemid=319 Il Catania S.Pio X comunica di aver sollevato dall’incarico di allenatore, oggi giovedì 16 novembre 2017, Carlo Platania e di aver affidato la guida tecnica a Rosario De Cento.

La società ringrazia e, con affetto, augura le migliori fortune a Platania, motivando la scelta della volontà di cessare il rapporto in virtù di una necessaria scossa all’ambiente dopo gli ultimi risultati negativi, in particolare quelli maturati nell’arco di quattro giorni contro il S.Agata tra campionato e Coppa Italia che hanno registrato un passivo di nove gol, ed alla vigilia di una serie di scontri diretti per la salvezza.

Il Catania S.Pio X accoglie De Cento, noto nell’ambiente come “sergente di ferro”, confidando nella sua esperienza e professionalità. Verrà presentato questo pomeriggio al “Comunale-Seminara” di Barriera alla presenza dei dirigenti e del Presidente Piero Doccula.

«Dispiace per il mio predecessore Platania, innanzitutto. Sono pronto a buttarmi in questa nuova avventura a capofitto per fare risultato sin da subito. Ho accettato la chiamata della S.Pio X in quanto società ben strutturata e organizzata, lontano da ogni improvvisazione che spesso caratterizza il nostro calcio - . Si presenta così De Cento, sessant’anni a dicembre e tante panchine: Scordia, Palagonia, Ramacca, Atletico Catania, Giarre, Paternò, Leonzio e Taormina -. Lavorerò sulla tensione e sul nervosismo che pare affliggano questa squadra: è normale quando non arrivano i punti».

]]>
info@sportjonico.it (di "Giuseppe Signorino") Eccellenza Thu, 16 Nov 2017 12:15:29 +0000
La Messana nel mirino del Giudice: squalifica per tre giocatori, allenatore e due dirigenti. Multata la Jonica. http://sportjonico.it/index.php?option=com_content&view=article&id=15273:la-messana-nel-mirino-del-giudice-squalifica-per-tre-giocatori-allenatore-e-due-dirigenti-multata-la-jonica-&catid=86:promozione&Itemid=352 http://sportjonico.it/index.php?option=com_content&view=article&id=15273:la-messana-nel-mirino-del-giudice-squalifica-per-tre-giocatori-allenatore-e-due-dirigenti-multata-la-jonica-&catid=86:promozione&Itemid=352 Provvedimenti Disciplinari del campionato di Promozione – Girone C – relativi all’ultimo turno disputato Domenica 12 Novembre valevole per la

Giocatori Squalificati

Una Giornata: Maugeri (Città di Mascalucia), Mirabella (Aci S. Antonio), D’Antone (Giardini Naxos), Angrisani, Libro e Cardia (Messana),  Sardo (Sporting Viagrande), La Spada (Real Rometta), Catania Pappalardo (Sporting Trecastagni), Marchiafava e Smiroldo (jonica), Di Stefano (Torregrotta)

Squalifiche Allenatori

Michele Lucà (Messana) – fino al 20 Dicembre 2017 - Per contegno offensivo e minaccioso nei confronti dell'arbitro.

Francesco Insanguine (Lineri Misterbianco) – fino al 30 Novembre 2017 - Per contegno irriguardoso nei confronti di un A.A.

Squalifiche Dirigenti

Stefano Barresi (Terme Vigliatore): squalificato fino al 5 Dicembre 2017 - Per grave contegno irriguardoso nei confronti di ufficiali di gara.

Francesco De Luca (Messana): squalificato fino al 30 Novembre 2017 - Per contegno irriguardoso nei confronti dell'arbitro.

Giuseppe Bagnato (Messana): squalificato fino al 20 Novembre 2017 - Nella qualita' di addetto al servizio d'ordine, si rendeva colpevole di grave condotta scorretta.

Multe alle Società

Jonica Fc - 100,00 Euro: Per avere inserito in distinta, quale dirigente, persona non avente titolo, in quanto non risultante nell'organigramma della Società.

Messana – 50,00 Euro: Per non avere, proprio dirigente, adempiuto ai propri doveri di addetto al servizio d'ordine

]]>
info@sportjonico.it (di "Redazione") Promozione Wed, 15 Nov 2017 19:30:38 +0000