2 ^ Categoria Joomla! - il sistema di gestione di contenuti e portali dinamici http://sportjonico.it/index.php?option=com_content&view=category&id=89&layout=blog&Itemid=364 Sat, 26 May 2018 08:20:39 +0000 Joomla! 1.5 - Open Source Content Management it-it Marco Calì sale sull'ottovolante: con la maglia della Nike Giardini vince il suo "ottavo campionato" con un record particolare....." http://sportjonico.it/index.php?option=com_content&view=article&id=16213:marco-cali-sale-sullottovolante-con-la-maglia-della-nike-giardini-vince-il-suo-qottavo-campionatoq-con-un-record-particolareq&catid=89:seconda-categoria&Itemid=364 http://sportjonico.it/index.php?option=com_content&view=article&id=16213:marco-cali-sale-sullottovolante-con-la-maglia-della-nike-giardini-vince-il-suo-qottavo-campionatoq-con-un-record-particolareq&catid=89:seconda-categoria&Itemid=364 “Re Leone” con il suo numero 32 colpisce ancora una volta, mette nella propria bacheca l’ennesimo campionato vinto, l’ultimo in ordine di tempo è arrivato due settimane fa con la maglia gialloblù della Nike Club Giardini.

Un successo arrivato nella sua Giardini, quindi dal sapore particolare vincere con la maglia del proprio paese dà emozioni indescrivibili, per lui è la terza volta che vince con “adosso” una maglia giardinese, forse è un record: per un giardinese vincere tre campionati con tre maglie diverse che rappresentano tre colori sociali di tre Società (Giardini Naxos, Sporting Club Giardini e Nike Giardini)  in determinati periodi della sua carriera da giocatore,  è il massimo per un atleta dalla mentalità vincente che non si esalta per le vittorie, ma non si deprime per le sconfitte, perché nel suo DNA scorre un’unica parola “vincere” al di là della categoria.

Stiamo parlando di Marco Calì che nella doppia veste di giocatore-capitano, nonché se lo possiamo dire ha agito in estate credendo fortemente nel progetto sposato insieme al Presidente Tino Sturiale e Alessandro Trimarchi, nelle vesti di “direttore sportivo” ha scritto un’altra pagina sportiva alla sua formidabile carriera sportiva determinata da numerosi “gol” oltre 220 che hanno fatto gioire i tifosi dalla sua Giardini, a Gaggi, a Trappitello ancora giovanissimo ha avuto l’onore di giocare come lui lo chiama “il maestro Graziano Peri”, Letojanni e Agostiniana, da tutto questo percorso nasce il nomignolo di “Re Leone” che mette il proprio sigillo alla stagione sportiva 2017-18 vincendo il campionato di Seconda Categoria con la maglia della Nike Giardini.

Diamo subito i primi numeri: con la Nike quanti campionati hai messo nel tuo palmares? “E’ l’ottava promozione in carriera, forse la più sudata ,perché impegnato doppiamente sia in campo che fuori”.

Diversi campionati vinti: ci puoi ricordare le squadre? “Giardini Naxos, Desport Gaggi, tre con il Trappitello, Città di Letojanni, Sporting Club Giardini  e Nike Club Giardini, ma anche tante finalissime play-off perse (ben 6) le ultime due dolorosissime con la maglia del Linguaglossa”.

Ovviamente ognuno ti ha lasciato un ricordo particolare? “Ovviamente si, quando si vince un campionato a prescindere dalla categoria l’emozione è sempre forte, perché vincere non è mai facile, poi in ogni piazza il sapore è particolare, perché ha la propria storia e tradizione, sicuramente quella che ricordo con piacere è il salto ottenuto in Promozione con il Trappitello, squadra di uomini veri e guidati da un vero guru quale Giancarlo Fichera”

Parliamo del campionato appena vinto.....un emozione particolare per te? “Sicuramente un’emozione unica, perché vincere nel proprio paese ha un sapore diverso, poi non era facile, perché il girone era tosto, però noi abbiamo dimostrato di avere più fame, il merito è di tutti i componenti della rosa , perché ognuno ha dato un contributo per questa vittoria”.

Questa vittoria rispetto alle altre ti ha visto nella doppia veste di capitano se possiamo dire artefice del progetto Nike iniziato in estate? “Innanzitutto ringrazio la società perché si è fidata di me, mi ha dato carta bianca su tutto, con Alessandro Trimarchi abbiamo scelto Andrea Cerra come allenatore, ed ogni giocatore nessuno escluso è stato voluto da noi, ci abbiamo sempre creduto, mai mollato, ed alla  fine il lavoro ha dato i suoi frutti.”

Da capitano.... hai preso per mano i tuoi ragazzi nel momento più difficile della stagione? “Diciamo che ci siamo presi per mano tutti insieme, perché solo noi sappiamo cosa abbiamo passato, ad inizio dicembre, però abbiamo azzerato tutto e siamo ripartiti più forti di prima, onorato di essere il capitano di un gruppo così , che prima di giocatori reputo amici.”

Quando si vince il merito è di tutti, ma se permetti mister Andrea Cerra  merita particolare menzione? “Il mister è colui che ci mette la faccia sempre o si vince o si perde, stavolta va osannato non solo per la bravura che ha dimostrato , ma perché a 32 anni si è dimostrato capace e competente, smentendo gli scettici che nutrivano dei dubbi”.

Tu come giocatore e Andrea Cerra come mister avete vissuto una bella esperienza a Linguaglossa con la delusione che tutti sappiano.....Giardini é stata una scommessa vincente? “Diciamo che è nato tutto da lì, Linguaglossa un paese che porto sempre nel cuore, perché in due anni insieme abbiamo perso due finalissime playoff, quindi non era facile, abbiamo scommesso insieme su Giardini, ci abbiamo messo sempre la faccia nei momenti brutti e belli, adesso ci godiamo la vittoria.”

Tutto sommato la stagione con la maglia del Nike e stata positiva al di là della vittoria del campionato? “E’ stata una stagione positiva, perché ricordiamo che siamo partiti da zero, società, allenatore con una  squadra nuova, quindi diciamo che è stato fatto un piccolo miracolo sportivo, la cosa che mi ha fatto piacere è aver richiamato un po’ di giardinesi al campo, oltretutto visto che la rosa è composta al 90% da gente locale”.

A proposito la prossima stagione indosserai la maglia della Nike? “Al momento non ci penso, ho staccato la spina perché per me è stata una stagione logorante a livello mentale, il 30 giugno sarò svincolato, quindi ascolterò tutte le proposte, ovviamente la Nike avrà la priorità, però solo con un progetto a vincere, è che migliori gli errori passati, perché a me sinceramente non importa la categoria, gioco solo per vincere, alla fine posso anche perdere ma solo dopo aver dato tutto me stesso, quindi per adesso meritato relax mentale”.

]]>
info@sportjonico.it (di "Mimmo Muscolino") 2^ categoria Wed, 09 May 2018 10:37:24 +0000
Finale Play-off: L'Antillese "esulta" a Savoca un poker che vale la Prima Categoria. http://sportjonico.it/index.php?option=com_content&view=article&id=16205:finale-play-off-lantillese-qesultaq-a-savoca-un-poker-che-vale-la-prima-categoria-&catid=89:seconda-categoria&Itemid=364 http://sportjonico.it/index.php?option=com_content&view=article&id=16205:finale-play-off-lantillese-qesultaq-a-savoca-un-poker-che-vale-la-prima-categoria-&catid=89:seconda-categoria&Itemid=364 Porta bene il Comunale di Rina per i colori gialloblù dell’Antillese: domenica 12 Maggio 2013 con un gol di Antonio Paratore al 73’ su calcio di rigore permette alla formazione allenata da mister Carmelo Di Bella di vincere 1-0 è di festeggiare il salto in Seconda Categoria con una giornata d’antcipo.

Dopo cinque anni la storia si ripete: sullo stesso terreno la compagine di casa dell’Akron Savoca e la formazione dell’Antillese, in palio il salto in Prima Categoria, di fronte ancora alcuni protagonisti di cinque anni fa , nelle file savocesi Danilo Lo Conti e capitan Nico Rovito, sul fronte opposto il portiere Carmelo Cardone, Nicola Cardone, Luca Crupi, Matthias Puglisi,  Gianluca Sturiale e G. Mastroeni. Risultato finale: 4-1 per l’Antillese che festeggia al termine dei 90’grazie ai gol di Sebastiano Mastroieni, Cristian Rizzo, Matthias Puglisi e Luca Crupi che due stagioni orsono indossavano la maglia biancoceleste savocese, un successo che vale la conquista della Prima Categoria arrivata dopo una lunga rincorsa che ha portato la squadra allenata dal duo Mastroeni-Sturiale (a -10 dai paly-off), alla fine la qualificazione alla lotteria dei play-off, terzo posto finale con la netta vittoria nella gara di semifinale (4-0) con l’Atletico Francavilla.

Domenica pomeriggio davanti ad un pubblico delle grandi occasioni, con oltre 200 persone arrivate da Antillo per sostenere i propri beniamini è arrivata l’apoteosi. Alla gioia antillese fa riscontro l’amarezza, la delusione da parte dei ragazzi di mister Peppe Mangiò che hanno toccato con un dito il sogno di fare ritornare dopo oltre 15 anni il Savoca in Prima Categoria, invece, ancora una volta “la maledizione play-off” ha colpito ancora l’Akron Savoca che nei suoi quattro anni di Seconda Categoria ha perso due semifinali play-off (Nuova Indipendente e Linguaglossa), tabù che sembrava superato con la decisiva vittoria nella semifinale di domenica scorsa (1-0) al Limina con la qualificazione alla finale da giocarsi sul terreno amico con due risultati in proprio favore ( per la miglior posizione in classifica 2^ contro 3^).

Ma non è stato sufficiente., la gara si è messa subito in salita con il vantaggio antillese al 20’: calcio d’angolo dalla destra di Matthias Puglisi al centro per Nicola Cardone che spizzica per Sebastiano Mastroieni semirovesciata dalla linea dell’area piccola che lascia di sasso Rosani per l’esultanza sotto la curva. La reazione savocese non si è fatta attendere ci sono volute alcuni interventi provvidenziali di Carmelo Cardone che però nulla ha potuto al 44’:  siamo alle battute finali della prima frazione, lungo lancio dalle retrovie una verticalizzazione che giunge a Dario Cannata sempre accerchiato dagli avversari in posizione centrale all’altezza della lunetta antillese, perfetto controllo con perfetta apertura sulla sinistra per l’accorrente Antonio Settimo perfetta coordinazione con un diagonale vincente …poi la lunga corsa ad esultare sotto la curva dei supporters di casa.  Si va all’intervallo sul punteggio di parità (1-1).

Facciamo un passo indietro, al fischio d’inizio di questa finale play-off tra due compagini della Valle dell’Agrò che hanno onorato una bella giornata di sport, sul campo dove insieme ai giocatori sono scesi al fischio d’inizio in segno di amicizia, fratellanza e sportività i primi due cittadini, il Sindaco Nino Bartolotta (Savoca) e Davide Paratore (Antillo), oltre ai due Presidenti, Massimo Santoro (Savoca) e Claudio Bongiorno (Antillese). Sportività anche sugli spalti in un Comunale preso d’assalto da tanti tifosi che hanno sostenuto, sofferto, gioito per l’arco dei 90’ che ha visto trionfare i colori gialloblù dell’Antillese e perdere ma a testa alta i ragazzi dell’Akron Savoca. Esemplare la dichiarazione di mister Peppe Mangiò: “Nello sport devi mettere in preventivo l'infortunio e la sconfitta... avete dato il cuore, le gambe e tutto ciò che avevate per questa maglia”.

Ritornando alla gara, nella ripresa l’Antillese spinge di più alla ricerca del gol che arriva al 55’ grazie ad un’ingenuità difensiva con il rapace Antonio Saglimbeni che imbecca in aerea tutto solo Rizzo, l’ex di turno che mette a segno la zampata vincente. Adesso la gara diventa intensa giocata a ritmi sostenuti con il Savoca che imprime un pressing che porta per ben due volte alla conclusione Rovito e Cannata che trovano la saracinesca di Cardone.

Forse nel maggior sforzo savocese arriva la doccia fredda per i ragazzi di mister Mangiò che vengono freddati da una magistrale punizione di Matthias Puglisi. Siamo al 75’ con l’Antillese sul 3-1 per l’Akron un brutto colpo, ma i savocesi non mollano continuano nella loro manovra ma non riescono a perforare la retroguardia ospite.

A cinque minuti dal fischio finale arriva il poker di Luca Crupi che porta il risultato sul 4-1, un po’ eccessivo nei numeri in una gara piuttosto equilibrata che possiamo dire è stata risolta da episodi.

Arriva il triplice fischio finale che dà il via ai festeggiamenti in casa gialloblù, per i savocesi un’ulteriore delusione per la terza finale play-off persa nella sua storia calcistica (Peloro , Letojanni e Antillese). Per la cronaca la gara è stata interrotta per quasi cinque  minuti per soccorrere il difensore antillese Gianluca Sturiale che aveva sbattuto  contro il muro nel tentativo di bloccare un attacco di De Luca, prontamente sono intervenuti i sanitari del 118 che sono entrati con tutta l’unità sul terreno di gioco, dopo un primo intervento si sono avviati verso l’Ospedale per ulteriori verifiche.

]]>
info@sportjonico.it (di "Mimmo Muscolino") 2^ categoria Mon, 07 May 2018 15:26:21 +0000
Cambia denominazione l'Asd Nike Giardini: la prossima stagione si chiamerà Asd Nike Torino Club. http://sportjonico.it/index.php?option=com_content&view=article&id=16201:cambia-denominazione-lasd-nike-giardini-la-prossima-stagione-si-chiamera-asd-nike-torino-club&catid=89:seconda-categoria&Itemid=364 http://sportjonico.it/index.php?option=com_content&view=article&id=16201:cambia-denominazione-lasd-nike-giardini-la-prossima-stagione-si-chiamera-asd-nike-torino-club&catid=89:seconda-categoria&Itemid=364 Nemmeno il tempo di festeggiare la “promozione” in Prima Categoria, l’Asd Nike Giardini, il sodalizio giardinese del Presidente Tino Sturiale cambia volto per la prossima stagione agonistica 2018-19.

Nel prossimo campionato di Prima Categoria sarà ai nastri di partenza con la nuova denominazione” Asd Nike Torino Club, grazie alla fusione di due Società quella dell’Asd Nike Giardini del Presidente Tino Sturiale e l’Asd Academy Torino Club di Fiumefreddo di Sicilia del Presidente Maurizio Perone.

Due progetti che si uniscono nell’intento di unire le forze nel motto …”il calcio è divertimento”,  ma soprattutto in un programma di crescita che ha portato i due sodalizi a condividere un percorso insieme: Nike Giardini con la prima squadra, l’Academy Torino Club con il settore giovanile e scuola calcio, ecco che l’idea nata qualche mese orsono ha trovato compimento la settimana scorsa con l’accordo tra le due Società con la nascita dell’Asd Nike Torino Club che prenderà parte al campionato di Prima Categoria,  avrà un settore giovanile d’avanguardia, oltre a prender parte ai campionati giovanissimi e allievi provinciali.

Il primo passo è stato ufficializzato, nei prossimi giorni sarà reso noto il quadro dirigenziale della nuova Società che inizierà a lavorare per la prossima stagione…..!!!

]]>
info@sportjonico.it (di "Mimmo Muscolino") 2^ categoria Thu, 03 May 2018 12:19:50 +0000
Il trio Crupi, Crementi-Puglisi domano con un secco 4-0 l'Atl. Francavilla, è va in finale play-off. http://sportjonico.it/index.php?option=com_content&view=article&id=16193:il-trio-crupi-crementi-puglisi-domano-con-un-secco-4-0-latl-francavilla-e-va-in-finale-play-off&catid=89:seconda-categoria&Itemid=364 http://sportjonico.it/index.php?option=com_content&view=article&id=16193:il-trio-crupi-crementi-puglisi-domano-con-un-secco-4-0-latl-francavilla-e-va-in-finale-play-off&catid=89:seconda-categoria&Itemid=364 Scende un poker sul manto sintetico del Comunale “C. Smiroldo” di Antillo nella semifinale play-off del campionato di Seconda Categoria: di fronte i padroni di casa dell’Antillese e l’Atletico Francavilla. Protagonisti della quaterna che fa volare i gialloblù nella finale play-off, il trio delle meraviglie antillese: Luca Crupi, Thomas Crementi e Matthias Puglisi.

Il risultato è molto pesante per i ragazzi di mister Orsina che hanno tenuto bene per i primi 45’ impegnando più di una occasione il portiere locale Carmelo Cardone. Possiamo dire una gara dai due volti, una prima frazione piuttosto equilibrata anche se sono gli antillesi ad andare all’intervallo in vantaggio per 1-0: a sbloccare il risultato è il capitano Luca Crupi che sottoporta devia in rete un perfetto assist di Thomas Crementi.

Prima di subire il gol, l’Atletico Francavilla  aveva fatto venire i brividi ai supporters di casa con Garofalo che chiama agli straordinari su punizione Cardone che devia in angolo, poi con Di Natale la cui conclusione lambisce di poco lo specchio antillese.

Forse sul momento migliore degli ospiti, arriva il colpo da biliardo di Luca Crupi che fa esplodere il Comunale. La reazione ospite non si fa attendere ma va a sbattere nella chiusura dei difensori locali che chiudono ogni accesso alla porta di Cardone.

Se il primo tempo ha visto un’ottimo Atletico, nella ripresa è l’Antillese ad avere le redini del gioco in mano, i padroni di casa imprimono un altro ritmo alla  gara che porta al raddoppio dell’attaccante Thomas Crementi abile a sfruttare un lungo lancio dalle retrovie che taglia in verticale il reparto difensivo, dopo il rimbalzo in area colpisce di testa mettendo fuori causa Indiana.

Da questo momento non c’è più gara, gli ospiti accusano il colpo, adesso è l’Antillese che sfiorano più di una volta il tris ma la traversa dice di no a Sturiale e Puglisi. Poi sale in cattedra Matthias Puglisi che sigla una doppietta che  arrotonda il risultato……..arriva il triplice fischio finale che fa volare l’Antillese in finale play-off dove troverà l’Akron Savoca, ultimo atto che vale la promozione in Prima Categoria che si deciderà domenica prossima sul terreno savocese. (foto di Arianna Trimarchi)

Pol. Antillese   4      Atletico Francavilla  0

Marcatori: 16’ Crupi, 63’ Crementi, 75’ e 89’ Puglisi

Antillese: Carmelo Cardone, Nipo, Di Bella, Sturiale, G. Mastroeni , Nicola Cardone (85’ Padiglione), Crupi (56’ Puglisi), Restifo, Saglimbeni (79’ Samuele Mastroeni), Sebastiano Mastroieni, Crementi (88’ Thomas Mastroeni). All. Gugliemo Mastroeni.

Atletico Francavilla: Indiana, G. Vaccaro, Campo, Silvestro, Di Natale (51’ Tosto), Brunetto, Mamazza (66’ Chisari ), Santoro , V. Vaccaro (81’ Camuglia), Garofalo  (82’ Fichera), Boemi. All. Orsina

Arbitro: Andrea De Francesco di Messina

]]>
info@sportjonico.it (di "Mimmo Muscolino") 2^ categoria Mon, 30 Apr 2018 20:31:19 +0000
Un gol di capitano Rovito fa volare l'Akron Savoca nella finale play-off: battuto (1-0) il Limina. http://sportjonico.it/index.php?option=com_content&view=article&id=16191:un-gol-del-capitano-rovito-fa-volare-lakron-savoca-nella-finale-play-off-battuto-1-0-il-limina&catid=89:seconda-categoria&Itemid=364 http://sportjonico.it/index.php?option=com_content&view=article&id=16191:un-gol-del-capitano-rovito-fa-volare-lakron-savoca-nella-finale-play-off-battuto-1-0-il-limina&catid=89:seconda-categoria&Itemid=364 Al terzo tentativo l’Akron Savoca centra la finale play-off di Seconda Categoria, ad aprire l’ingresso che vale il salto di categoria non poteva essere che lui, ovvero il capitano di tante battaglie, una sua zuccata su traversone millimetrico di Danilo Lo Conti dalla bandierina fa gonfiare la rete della porta difesa dall’ex di turno Giancarlo De Clò. Un gol che vale la qualificazione che viene festeggiato sotto a curva occupata dai “supporters” che hanno incitato i propri beniamini per tutta la gara, possiamo dire il “12” uomo in campo: “Ultras 12° Savoca“ un giorno all’improvviso…..mi innamorai di te!

Era il 35’ della prima frazione la gara si mette sui binari giusti per i ragazzi di mister Peppe Mangiò che posso contare su due risultati in proprio favore. Prima del gol del capitano poi costretto a dare forfeit a 10’ dalla fine (per crampi), i savocesi hanno avuto il pallino del gioco in mano sin da fischio d’inizio del direttore di gara Naselli (ottima la sua prestazione, anche  se i  liminesi hanno reclamato un calcio di rigore nel finale di gara), il primo pericolo verso la porta di De Clò è costruito su calcio di punizione dal limite: Cannata appoggia a Rovito che manda sopra la traversa.

Al 15’ incursione sulla sinistra di Danilo Lo Conti che mette in area un’insidioso cross che viene respinto da un difensore la sfera viene intercettata da Gianluca Lo Cascio ben appostato dal limite conclude di prima intenzione con super parata del sempre verde De Clò che devia sopra la traversa.  I pericoli savocesi arrivano da calci da fermo come al 21’ quando Bercolli al centro per Cannata  che trova nuovamente i guantoni del portiere liminese.  La formazione allenata da mister Ragusa si fa vedere al 25’ con una conclusione di Leo che sorvola fuori dallo specchio della porta difesa da Rosani. Al 34’ dalla bandierina Lo Conti pennella al centro per il perfetto stacco di testa di Cannata con la pronta risposta di De Clò che devia in angolo.

L’Akron si porta in vantaggio: Dalla bandierina sempre lui, ovvero Danilo Lo Conti che traccia una perfetta pennellata per la testa di Rovito che manda la sfera all’angolino alla sinistra di De Clò che questa volta si deve arrendere.  La reazione del Limina si fa subito sentire con un tiro senza pretese di Lorenzo D’Amico che da fuori tenta di sorprendere Rosani, ma la sfera termina lontano dallo specchio. Si arriva all’intervallo con l’Akron in vantaggio per 1-0.

Nella ripresa, viene fuori il Limina che sposta il proprio baricentro, ma è ancora Akron in apertura del tempo con un tiro di Rovito di poco fuori. Gli ospiti premono nella metà campo savocese, al 50’ Visalli dalla destra mette sul secondo palo dove c’è appostato Carpillo che colpisce debolmente la sfera. Al 60’ occasione sui piedi di Cannata che non riesce addomesticare un cross dalla sinistra di Santoro, tenta una semirovesciata mandando sopra la traversa.

Al 70’ gol annullato ai liminesi: il solito traversone dalla sinistra di Riccardo D’Amico con la sfera che arriva in area savocese dove M. Costa tenta di colpire di testa ma viene anticipato da Rosani i due cadono atterra, la sfera arriva a L. D’Amico  che sottoporta mette in rete, l’arbitro annulla per fallo sul portiere savocese.

Al 74’ il Limina sfiora il pareggio: punizione dalla mediana per il Limina, Carpillo fa partire un bolide centrale che viene sfiorato di quel tanto da Rosani che manda la sfera a sbattere sulla traversa, sulla ribattuta come un falco arriva M. Costa che si vede respingere la conclusione da un strepitoso portiere savocese.

Al 80’ il Limina reclama un calcio di rigore: sempre dagli sviluppi di un calcio piazzato, la sfera arriva in un’area affollata batti e ribatti con Rosani fuori causa conclusione di un attaccante ospite che viene respinto da un difensore (secondo gli ospiti con un braccio), ma non è dello stesso avviso il direttore di gara ben appostato sull’azione.

Per la cronaca, mister Ragusa nel tentativo di recuperare il risultato, al 60’ cambia in contemporanea tre pedine: fuori Lorenzo e Riccardo D’Amico e Occhino, dentro Cutroneo, Saglimbeni e Naccari.

Occasione savocese per chiudere la gara: Mancano poco meno di cinque minuti dalla fine con il Limina in pressing, ecco che da una ripartenza l’Akron ha la possibilità di raddoppiare, ma Cannata tutto solo con De Clò fuori causa, manda incredibilmente sopra la traversa. Scampato il pericolo, il Limina si tuffa nella metà campo savocese, ultima chance per andare ai tempi supplementari proprio al 92’ una punizione da posizione defilata sul versante destro, ecco che mister Ragusa tenta la carta di Carmelo Puglia, specialista sulle punizioni, nulla da fare la difesa savocese respinge l’ultimo assalto degli ospiti, siamo ormai nell’ultimo giro dei cinque minuti di recupero, ecco che arriva il triplice fischio finale che fa esultare i giocatori e la tifoseria savocese che volano in finale play-off dove affronteranno sempre sul campo amico l’Antillese che nell’altra semifinale ha calato un secco poker all’Atletico Francavilla.

Akron Savoca    1    Limina  0

Marcatore: 35’ Rovito

Akron Savoca: Rosani , Lo Conti , Settimo , Moschella , Santisi, Lo Giudice , Lo Cascio  (76’ Santoro), Rovito (84’ Curcuruto), Cannata ( 92’ De Luca ), Bercolli , Famulari . All: Peppe Mangiò.

Limina: De Clò , Tamà , Visalli (85’ G.Puglia), Occhino (60’ Cutroneo ), Burgio  (92’ C. Puglia ), Miano , Leo , R. D’Amico (60’ Saglimbeni), Costa , L. D’ Amico  (60’ Naccari ), Carpillo. All: Filippo  Ragusa

Arbitro: Naselli di Catania

Ammoniti: 54’ Tamà, 61’ Leo, 69’ Carpillo (Limina), 70’ Cannata, 76’ Famulari (Akron Savoca).


]]>
info@sportjonico.it (di "Mimmo Muscolino") 2^ categoria Mon, 30 Apr 2018 18:09:52 +0000
La Nike Giardini esclusa dalla Coppa Trinacria: il Presidente Tino Sturiale " chiedo scusa ai ragazzi ..." http://sportjonico.it/index.php?option=com_content&view=article&id=16163:la-nike-giardini-esclusa-dalla-coppa-trinacria-il-presidente-tino-sturiale-q-chiedo-scusa-ai-ragazzi-q&catid=89:seconda-categoria&Itemid=364 http://sportjonico.it/index.php?option=com_content&view=article&id=16163:la-nike-giardini-esclusa-dalla-coppa-trinacria-il-presidente-tino-sturiale-q-chiedo-scusa-ai-ragazzi-q&catid=89:seconda-categoria&Itemid=364 Una settimana da ricordare per l’ambiente della Nike Giardini, dal trionfo della conquista della Prima Categoria (domenica 15 Aprile) sul terreno amico (1-1) con il Città di Calatabiano, un punto che al triplice fischio finale fa esplodere di esultanza i ragazzi di mister Andrea Cerra.

Per la prima volta in Prima Categoria la festa si è trasferita dal Comunale per le vie del paese, la promozione della Nike Giardini del Presidente Tino Sturiale è arrivata dopo una stagione, pur programmata non certo facile in un campionato equilibrato fino alla fine. Al termine delle 26^  giornate, con una giornata d’anticipo il verdetto del campo ha sancito “Campione” 2017-18 del campionato di Seconda Categoria – Girone D – il Nike Club Giardini.

Sulle ali dell’entusiasmo pochi giorni dopo il ritorno in campo per la gara di andata della semifinale della Coppa Trinacria contro la compagine ragusana del Chiaramonte. La squadra giardinese di capitan Marco Calì cala il tris: 3-1 con la doppietta di Patanè, il gol degli ospiti di Jammeh ad inizio ripresa, poi allunga Cantarella su calcio di rigore. Un 3-1 dà difendere nella gara di ritorno per approdare in finale con la vincente Calatafimi-Real Trabia, quindi tentare l’accoppiata campionato-coppa.

Invece, il giorno dopo è arrivata la doccia fredda da parte del Giudice Sportivo: Di accogliere il reclamo proposto dalla Società Chiaramonte, non addebitando alla stessa la relativa tassa; Di infliggere alla Società Nikeclub la punizione sportiva della perdita della gara per 0-3;

Di squalificare per una ulteriore gara i calciatori Cantarella Salvatore e Oliveri Sebastiano, Società Nikeclub; Di infliggere al sig. Allegra Mario Giuseppe, dirigente accompagnatore Società Nikeclub, l'inibizione a svolgere qualsiasi attività sportiva sino a tutto il 10/5/2018;

Di escludere la Società Nikeclub dal prosieguo della manifestazione giusto l'art. 5 del Regolamento della stessa pubblicato sul C.U. n. 179 del 28/11/2017.

Decisione presa in seguito al reclamo proposto dal Chiaramonte chiede l'assegnazione della perdita della gara alla Società Nikeclub avendo quest'ultima utilizzato nel corso della stessa i calciatori Cantarella Salvatore e Oliveri Sebastiano, già squalificati”.

Esaminati gli atti ufficiali ed effettuati i necessari accertamenti, si rileva che la Società Nikeclub ha effettivamente impiegato nella gara in epigrafe i calciatori Cantarella Salvatore (6/5/1997) e Oliveri Sebastiano (24/6/1996) in pendenza di squalifica non avendo ancora scontato quelle per una gara per recidiva in ammonizione comminate in relazione alla gara di Coppa Trinacria, Nikeclub/Resuttana S.Lorenzo del 7/3/2018, provvedimenti pubblicati sul C.U. nº319 del 9/3/2018;

Un brutto colpo per il Nike Giardini che si vede sfumare il sogno di poter alzare al cielo la “Coppa” ultima ciliegina di una splendida stagione…….

Il Presidente Sturiale chiede scusa: Una svista che è costa cara ai ragazzi di mister Cerra, si assume completamente la responsabilità il Presidente Tino Sturiale “non ci sono attenuanti mi scuso con tutti i ragazzi, con l’allenatore, gli sportivi e la città di Giardini – ci ha dichiarato un rammaricato Tino Sturiale -  per colpa mia non hanno potuto coronare un altro sogno, una svista non ci siamo accorti delle squalifica dei due giocatori che poi sono scesi in campo, ripeto mi assumo la mia responsabilità chiedendo scusa, non solo io ma l’intera dirigenza, di una svista che non ha permesso ai ragazzi che hanno dato l’anima per tutta la stagione che li ha portati in Prima Categoria dove la Coppa rappresentava la ciliegina sulla torta….

]]>
info@sportjonico.it (di "Mimmo Muscolino") 2^ categoria Tue, 24 Apr 2018 07:35:28 +0000
Si chiude con una sconfitta (3-0) la stagione del Calcio Furci sconfitto dal Mascali, http://sportjonico.it/index.php?option=com_content&view=article&id=16160:si-chiude-con-una-sconfitta-3-0-la-stagione-del-calcio-furci-sconfitto-dal-mascali&catid=89:seconda-categoria&Itemid=364 http://sportjonico.it/index.php?option=com_content&view=article&id=16160:si-chiude-con-una-sconfitta-3-0-la-stagione-del-calcio-furci-sconfitto-dal-mascali&catid=89:seconda-categoria&Itemid=364 Finisce in malo modo la stagione del Furci perdendo ancora una volta, è l’ottava partita consecutiva che non porta un risultato utile a casa.  Contro il Mascali, per la verità c’era riuscita per il primo tempo tenendo a freno le sfuriate della squadra di casa molta imprecisa sotto porta. Il Furci si è presentato con 11 uomini, mancavano diversi titolari, addirittura giocavano Carrolo  e Manganaro secondo e terzo portiere,  questo non fa di certo onore alla Società e al mister Ucchino che con tanti sacrifici erano riusciti a fare un’organico di 25 giocatori,

I ragazzi di oggi hanno fatto quello che hanno potuto fino alla fine  del primo tempo. Il secondo tempo dopo 15’, il Mascali passa in vantaggio con D’Allura con un rimpallo dentro area. Il Furci cerca di reagire ma la benzina stava finendo, anzi alcuni giocatori dells difesa non erano  al meglio delle condizioni fisiche hanno cercato di fare del loro meglio,

Il Mascali più esperto macina gioco a centrocampo senza mai rischiare mentre in difesa il suo portiere resta inoperoso per tutta la gara. Va ancora in gol con Sgrò al 70’ e al 90’per due indecisioni difensivi dei ragazzi di mister Ucchino. Finisce qua la stagione del Furci arrivato con 18 punti in classifica al penultimo posto. I padroni di casa fino a qualche settimana fa erano in lotta per entrare nei play-off.

Giovanile Mascali   3    Calcio Furci  0

Marcatori: 60’ D’Allura, 65’ e 90’ Sgrò.

Giovanile Mascali: Maccarone, Cliente, Raciti, G. La Guzza,Fichera, Mauro, Todaro, Toscano, Musumeci, Scuto, Mazza, Finocchiaro

Calcio Furci: Lundi, Ralli, Occhino, Giuffrida, Ingegneri, Gallina, Agnone, Fleres, Barrile, Carrolo, Manganaro. All: Ucchino.

Arbitro: Barbagallo di Catania,

]]>
info@sportjonico.it (di "Mi.Rig.") 2^ categoria Mon, 23 Apr 2018 19:32:52 +0000
Tino Sturiale: "Grazie a tutti" per un sogno che è diventato realtà, la Prima Categoria con la Nike Giardini". http://sportjonico.it/index.php?option=com_content&view=article&id=16141:tino-sturiale-qgrazie-a-tuttiq-per-un-sogno-che-e-diventato-realta-la-prima-categoria-con-la-nike-giardiniq&catid=89:seconda-categoria&Itemid=364 http://sportjonico.it/index.php?option=com_content&view=article&id=16141:tino-sturiale-qgrazie-a-tuttiq-per-un-sogno-che-e-diventato-realta-la-prima-categoria-con-la-nike-giardiniq&catid=89:seconda-categoria&Itemid=364 La Prima Categoria era stata programmata, già nell’estate 2017 consci che il traguardo non era facile da raggiungere, diverse le compagine sulla linea di partenza pronte a scattare, anzi ad iniziare il cammino che doveva portare a tagliare il traguardo primaverile dopo 26 giornate di campionato, obiettivo raggiunto con una giornata d’anticipo per la compagine della Nike Giardini che nel momento cruciale della stagione ha fatto lo scatto definitivo che ha portato i ragazzi di mister Andrea Cerra a trionfare nel campionato di Seconda Categoria – Girone D: 49 punti, frutto di 15 vittorie, 4 pareggi e 4 sconfitte con 45 gol fatti (secondo miglior attacco dietro all’Antillese con 56)  e 21 reti subiti (miglior reparto difensivo). Con Salvatore Cantarella, l’uomo in più con i suoi 12 gol, sempre decisivi per costruire mattone su mattone il trionfo finale che è arrivato domenica pomeriggio sul terreno amico del Comunale giardinese nell’incontro, anzi nel derby con il Città di Calatabiano passato in vantaggio dopo 10’ con Brian.

Un punto per la gloria per la Nike, ecco che la gara si mette in salita, nulla è scontato come l’intero campionato emozionante, ricco di sorprese, ma soprattutto dove ha regnato il massimo equilibrio. Ma quando una squadra possiede dei giocatori di categoria superiore, non solo dal punto di vista tecnico, ma quando una squadra è unita, ha spirito di sacrificio, guidati da un giovane allenatore, reduce da due stagioni dall’esperienza di Linguaglossa, dove ha visto sfumare il sogno in dirittura d’arrivo, insieme all’amico, compagno e giocatore, nonché colui che ha creduto sin dall’inizio al progetto estivo, ovvero il capitano Marco Calì, ma non solo quando a vestire la maglia giallo-blù ci sono giocatori dal calibro come il vice capitano Alessandro TrimarchiFilippo Lojacono, il portiere Paolo Di Pietro, Carmelo D’Allura, Gianluca Manitta, il già citato Salvatore Cantarella, Corica, Riccina solo per citarne alcuni, il traguardo non può sfuggire, ecco che ha mettere il sigillo alla prima storia promozione della giovane Società del Presidente Tino Sturiale, non poteva non essere lui, un giardinese doc, Alessandro Monforte: siamo al 65’ decide di cambiare il passo alla partita, improvvisa accelerazione con conclusione finale che fa gonfiare la rete avversaria……..un gol pesante che al triplice fischio finale vale il biglietto dalla porta principale della Prima Categoria.

Un sogno diventato realtà………adesso si può festeggiare la meravigliosa stagione, anche se non è stato facile, è arrivato il momento di raccogliere i frutti di un’annata fantastica. Chi sono i protagonisti che hanno scritto una pagina sportiva giardinese che hanno scritto il proprio nome nel palmares dei campionati vinti di Seconda Categoria:

Staff dirigenziale e tecnico: Tino Sturiale (Presidente), Gabriele  Cacciola e Giuseppe Belfiore (Vicepresidenti), Giuseppe Leotta (Segretario), Salvatore Puglisi (Direttore Generale), Mario Allegra, Davide Gambacurta, Dario Nucifora, Saro Cannata e Andrea Cerra.

I protagonisti in campo: Paolo Barresi, Marco Calì, Rosario Campagna, Salvatore Cantarella, Alessandro Cernuto, Cristian Corica, Carmelo D’Allura, Nicola De Martino, Paolo Di Pietro, Filippo Lo Iacono, Alessandro Lombardo, Gianluca Manitta, Alessandro Monforte, Gianluca Nocera, Sebastiano Oliveri, Rudy Patanè, Giuseppe Pantè, Emanuele Riccina, Fabio Sciacca, Davide Spartà e Alessandro Trimarchi.

Non sta nelle pelle il Presidente Tino Sturiale:un sogno che si realizza con un gruppo di ragazzi quasi tutti di Giardini, è meraviglioso, una grande vittoria per tutti noi, la gran parte alla prima esperienza, un grazie di cuore va hai giocatori che sono stati veramente fantastici, sin dal primo momento hanno creduto nel progetto, ma un grazie particolare va senz’altro ad una persona, quella che ci ha creduto di più in questa meravigliosa avventura il capitano Marco Calì. Per il momento ci godiamo la vittoria che ci dà ancor più convinzione per la prossima stagione nel continuare in un progetto sempre più ambizioso”.

La vittoria del campionato arriva in una giornata primaverile, ma le basi sono state gettate ad inizio estate, da un ragazzo che dopo una lunga carriera coronata da tanti gol (oltre 200 r eti) , tanto da essere chiamato dai suoi tifosi “Re Leone”, ha costruito la “favola” Nike Giardini con umiltà, con  la sua pacatezza soprattutto nei momenti più difficile della stagione è stato il punto di riferimento della squadra, anzi come lui stesso ha sempre affermato: un gruppo di amici, di fratelli che va oltre il pallone.

Su questi principi è arrivata la ciliegina della “Prima Categoria”, significativa un’affermazione del capitano:” a volte i sogni possono diventare  realtà….vincere un campionato nel proprio paese…..ringrazio tutti quanti che hanno creduto in questo progetto, che mi hanno seguito, creduto, ascoltato, perché senza di voi cari compagni tutto ciò sarebbe rimasto ancora un sogno”.

Queste sono le parole di Marco Calì, un 33enne che mette nel suo palmares la sua ottava promozione personale con coincide con una persona che è stata sempre presente nella sua vita di calciatore, che adesso stanno vivendo la stessa emozione, ovvero mister Saro Cannata che è stato vicino al progetto Nike nelle vesti di direttore  tecnico: “ è un giorno storico per la Nike Giardini che trova la Prima Categoria. Un plauso particolare va ai calciatori e a mister Cerra che ci hanno sospinti in questa splendida avventura”.

Una giornata che i protagonisti non dimenticheranno, dopo i rituali festeggiamenti in campo e negli spogliatoi, la sfilata per le vie del paese……..!!! (foto di Salvatore Grasso).


]]>
info@sportjonico.it (di "Mimmo Muscolino") 2^ categoria Wed, 18 Apr 2018 10:17:04 +0000
Nike Giardini promosso in Prima Categoria, Città di Roccalumera retrocede in Terza Categoria, Antillese, Savoca, Francavilla e Limina ai play-off. http://sportjonico.it/index.php?option=com_content&view=article&id=16118:nike-giardini-promosso-in-prima-categoria-citta-di-roccalumera-retrocede-in-terza-categoria-antillese-savoca-francavilla-e-limina-ai-play-off&catid=89:seconda-categoria&Itemid=364 http://sportjonico.it/index.php?option=com_content&view=article&id=16118:nike-giardini-promosso-in-prima-categoria-citta-di-roccalumera-retrocede-in-terza-categoria-antillese-savoca-francavilla-e-limina-ai-play-off&catid=89:seconda-categoria&Itemid=364 La penultima giornata del campionato di Seconda Categoria – Girone D – ha dato i suoi verdetti definitivi, rimangono solo in sospeso le posizioni play-off che si decideranno domenica prossima con l’ultimo turno.

Nike Giardini promosso in Prima Categoria: Il primo verdetto maturato dopo 25 giornate è la “promozione” in Prima Categoria del Nike Club Giardini, gli è bastato non perdere la gara casalinga con il Città di Calatabiano per tagliare il  traguardo del salto di categoria che è arrivato a metà della ripresa quando uno dei protagonisti della stagione ha siglato il gol del pareggio, ovvero Alessandro Monforte ( era stato Simon Brian a portare in vantaggio gli ospiti intorno al 10’ del primo tempo), poi il triplice fischio finale che ha dato il via ai festeggiamenti prima sul terreno di gioco del Comunale giardinese, poi negli spogliatoi, infine per le vie del paese. Un cammino vincente fatto di 15 vittorie, 4 pareggi e 4 sconfitte,  miglior difesa del torneo (21 reti subiti), secondo miglior attacco insieme all’Akron Savoca (45 reti fatti). Primo posto con 49 punti con quattro punti di vantaggio sulla coppia Antillese-Savoca. Adesso i ragazzi di mister Andrea Cerra si concentreranno per la semifinale di Coppa Trinacria per mettere a segno una storica doppietta campionato-coppa.

Decise le squadre play-off: La penultima giornata ha sancito anche le quattro formazioni che hanno ottenuto il pass play-off: Antillese, Akron Savoca, Atletico Francavilla e Limina. Negli ultimi 90’ si decideranno le posizioni definitive tranne per l’Atletico Francavilla (osserva un turno di riposo), attualmente quarto con 43 punti, posizione che dipenderà dal risultato di Antillo, le altre hanno la possibilità di migliorare o confermare l’attuale posizione.  Sarà determinante per il secondo posto e la quinta posizione la gara Antillese-Limina (la prima seconda in classifica 45 e Limina quinto con 42, in caso di vittoria dei liminesi che vale l’aggancio sarà decisiva la differenza reti.

Al risultato di Antillo guarda con particolare interesse l’Akron Savoca che occupa la seconda posizione insieme all’Antillese, imperativo per i ragazzi di mister Mangiò i tre punti da conquistare davanti ai propri sostenitori contro il Fiumedinisi. Diciamo tutto è da decidere, è difficile fare pronostici ed eventuali previsioni, il tutto sarà deciso al termine dei 90’. Nell’ultimo turno l’Antillese ha vinto di misura sul difficile campo della Fasport Itala che ha perso l’ultima chance di restare in scia del quinto posto, grazie alla rete di Antonio Saglimbene dopo dieci minuti di gara. Goleada dell’Akron Savoca sul campo del Calcio Furci, apre dopo pochi minuti Dario Cannata, poi il raddoppio di Stefano Famulari,  nella ripresa lo stesso Famulari sigla il 3-0, poi arrivano i gol di Lo Cascio e Lo Monaco. Parità lo scontro diretto tra Limina e Atletico Francavilla, sono gli ospiti a sbloccare il risultato al 75’ con Alexandru, allo scadere l’esperto Ciccio Carpillo con una punizione dal limite riporta in parità i padroni di casa.

Il Città di Roccalumera retrocede in Terza Categoria. Anche per quanto riguarda la retrocessione, la penultima giornata ha dato la matematica certezza della retrocessione della squadre del Presidente Antonio Sterrantino in Terza Categoria, ultimo posto con 12 punti, a -6 dal Calcio Furci.   Fatale la sconfitta sul campo della Robur (3-1) maturata nei primi 45’, al rientro in campo il Città di Roccalumera in distinta con soli 10 giocatori non si è presentato in campo (causa diversi infortunati), l’ultimo epilogo di una stagione partita con certe ambizioni, ma conclusa amaramente. Il gol roccalumerese è stato siglato da Peppe Carpo, era stata la Robur ha portarsi in vantaggio con Tamà, il raddoppio ad opera di Ciorcalan (18’), il 3-1 lo sigla Tommaso Cirino. La squadra roburina guidata da mister Alessio Camarda si congeda con una vittoria nell’ultima gara casalinga della stagione in decima posizione con 23 punti con una salvezza conquistata con diverse settimane d’anticipo dopo una partenza non certo felice.

Ben cinque reti tra Fiumedinisi e Itala: Gara senza obiettivi per le due formazioni che hanno ottenuto anzi tempo la permanenza in Seconda Categoria. I  tre punti sono andati ai ragazzi di mister Matteo Frazzica che vincono con un seccco 4-1: apre dopo pochi minuti Giandolfo, il raddoppio di Di Blasi (22’), nella ripresa accorcia il capitano italese Sorrenti, il 3-1 lo mette a segno Scarcella, chiude il tabellino il neo entrato Gregorio. Per il Fiumedinisi si tratta della sesta vittoria casalinga, per l’Itala la decima sconfitta esterna.

]]>
info@sportjonico.it (di "Mimmo Muscolino") 2^ categoria Mon, 16 Apr 2018 15:06:11 +0000
Manita dell'Akron Savoca al Calcio Furci, i furcesi nonostante la sconfitta conquistano la salvezza. http://sportjonico.it/index.php?option=com_content&view=article&id=16116:manita-dellakron-savoca-al-calcio-furci-i-furcesi-nonostante-la-sconfitta-conquista-la-salvezza-&catid=89:seconda-categoria&Itemid=364 http://sportjonico.it/index.php?option=com_content&view=article&id=16116:manita-dellakron-savoca-al-calcio-furci-i-furcesi-nonostante-la-sconfitta-conquista-la-salvezza-&catid=89:seconda-categoria&Itemid=364 Chiude con una sconfitta l’ultima gara casalinga della stagione il Calcio Furci sul  terreno amico del “Luigi Papandrea”, nonostante la sonora sconfitta (5-0) ad opera dell’Akron Savoca in lotta per il secondo posto finale, conquista con un turno d’anticipo la matematica salvezza.  Al Furci bastava un punto, ma i ragazzi di mister Ucchino  non sono riusciti nell’intento, grazie alla contemporanea sconfitta del Città di Roccalumera in quel di Letojanni,  si presenta in casa della Robur in dieci uomini è sul risultato di 3-1 si ritira dalla gara, è retrocede in Terza Categoria.

L’Akron Savoca è arrivato in quel di Furci con l’unico obiettivo i tre punti che sono arrivati (quinta vittoria consecutiva per i ragazzi di Mangiò) che permette ai savocesi di restare in seconda posizione in coabitazione con l’Antillese nel rush finale della conquista della piazza d’onore in ottica play-off (consente di disputare le gare sul terreno amico).

La gara: In una partita dove entrambe le squadre cercavano la posta piena per le rispettive ambizioni, il Calcio Furci si presentava privo di Cutruneo e Giuffrida per  squalifica e del capitano Agnone per indisponibilità, quindi una squadra molto rimaneggiata che facilita la vittoria dei ragazzi di mister Mangiò che si impongono con un secco 5-0, due gol nella prima frazione e tre nella ripresa.

Parte bene il Savoca che già a 6’ va in gol con Dario Cannata che fa partire un gran bolide all’incrocio dei pali dentro l’area per Lundi non c’è niente da fare. I savocesi continuano nel loro pressing  è il giovane Famulari sigla il raddoppio.. Il gioco per tutto il primo tempo è nelle mani del Savoca che gioca bene a centrocampo con Bercolli e compagni senza mai rischiare niente.  Nel secondo tempo lo stesso copione con l’Akron che conduce le redini del gioco, va  ancora a segno con  Famulari, Lo Cascio e Lo Monaco. Per il Furci non c’è niente da fare, la squadra di Ucchino cerca in tutti i modi di difendersi, ma il Savoca è un’altra storia.

Calcio Furci  0      Akron Savoca  5

Marcatori: 6’ Cannata, 39’ e 52’ Famulari, 60’ Lo Cascio, 86’ Lo Monaco.

Calcio Furci: Lundi, Proteggente, Occhino, Spadaro, Ingegneri (72’ Ralli), Carnabuci, Fleres, Giannetto, Rapisarda, D’Urso (65’ Caminiti), Bitto. All.: Ucchino.

Akron Savoca: Rosani, Maimone, Lo Conti, Moschella, Santisi, Lo Giudice, Lo Cascio, Rovito (62’ Lo Monaco), Cannata, Bercolli, Famulari. All.: Mangiò.

Arbitro: Fragalà di Acireale.

]]>
info@sportjonico.it (di "Mi.Rig.") 2^ categoria Mon, 16 Apr 2018 11:43:04 +0000
2^ Cat. - Recuperi: Vince l'Akron ad Itala, in rimonta il Limina supera la Robur, Briguglio decide Città di Roccalumera - Calcio Furci. http://sportjonico.it/index.php?option=com_content&view=article&id=16099:2-cat-recuperi-vince-lakron-ad-itala-in-rimonta-il-limina-supera-la-robur-briguglio-decide-citta-di-roccalumera-calcio-furci&catid=89:seconda-categoria&Itemid=364 http://sportjonico.it/index.php?option=com_content&view=article&id=16099:2-cat-recuperi-vince-lakron-ad-itala-in-rimonta-il-limina-supera-la-robur-briguglio-decide-citta-di-roccalumera-calcio-furci&catid=89:seconda-categoria&Itemid=364 Turno infrasettimanale per il campionato di Seconda Categoria per i recuperi della 22^ Giornata, gare non disputate causa maltempo. I verdetti maturati al termine dei 90’ hanno ridisegnato la nuova classifica sia per quanto riguarda le prime posizioni che in fondo alla graduatoria.

Tre vittorie su altrettante gare con l’Akron Savoca che va ad espugnare il campo dell’Itala (4-2) è balza in seconda posizione (42 punti), agganciando Antillese e Atletico Francavilla. Vittoria in rimonta anche per il Limina (3-2) sulla Robur, un successo che porta i ragazzi di mister Filippo Ragusa a quota 41 punti (quinto posto), in piena lotta per il posto d’onore dietro ai “campioni” della Nike Giardini che domenica scorsa sul campo del fanalino di coda del Città di Roccalumera hanno conquistato con due giornate d’anticipo il traguardo della “Prima Categoria”.

Restando a Roccalumera, il Città del Presidente Sterrantino nei minuti finali ha conquistato l’intera posta in palio nello scontro diretto per la salvezza con il Calcio Furci. A 5’ dalla fine un’azione personale di Briguglio che parte dal centrocampo senza trovare resistenza degli avversari si presenta davanti a Lundi che lo supera con una stoccata che vale ancora la speranza di agguantare i rivali furcesi che adesso sono distanti di sei punti, con due gare alla fine.

L’Akron Savoca passa in quel di Itala con una prestazione super del bomber Dario Cannata che dà l’imput ai savocesi di ribaltare lo svantaggio. Erano stati i padroni di casa, ormai salvi, a sbloccare il risultato con Konatè, la reazione savocese non si fa attendere prima pareggia, poi ribaltata il risultato con la  doppietta di Dario Cannata.

I locali non mollano è ristabiliscono la parità con J. Caminiti. I ragazzi di mister Mangiò, cambiano il ritmo alla gara per conquistare l’intera posta in palio, ecco che salgono in cattedra due giovani Stefano Famulari che riportano in vantaggio i savocesi e Marco Lo Monaco per il gol della sicurezza per il 4-2 finale.

Da Itala a Limina, per l’altro recupero della giornata, dove i padroni di casa sbloccano il risultato al 20’ con R. D’Amico, poi subiscono uno-due di Viki  Ciocarlan, prima dell’intervallo i liminesi siglano il 2-2 con Occhino. Alla mezz’ora della ripresa arriva il gol-vittoria di Andrea Leo che regala tre preziosi punti alla propria squadra che rimane in scia del terzetto che lo precede in graduatoria.

GUARDA LA NUOVA CLASSIFICA

]]>
info@sportjonico.it (di "Mimmo Muscolino") 2^ categoria Thu, 12 Apr 2018 15:24:49 +0000
Nel finale di gara Briguglio fa gioire il Città di Roccalumera: 1-0 al Calcio Furci. http://sportjonico.it/index.php?option=com_content&view=article&id=16098:nel-finale-di-gara-briguglio-fa-gioire-il-citta-di-roccalumera-1-0-al-calcio-furci-&catid=89:seconda-categoria&Itemid=364 http://sportjonico.it/index.php?option=com_content&view=article&id=16098:nel-finale-di-gara-briguglio-fa-gioire-il-citta-di-roccalumera-1-0-al-calcio-furci-&catid=89:seconda-categoria&Itemid=364 Perde ancora una volta il Calcio Furci di mister Ucchino, nella partita di recupero contro il Città di Roccalumera, gara valevole per il campionato di Seconda Categoria – Girone D. Una gara delicata per entrambe le formazioni, in palio la salvezza, per i padroni di casa era imperativo la vittoria per poter ancor sperare, mentre i furcesi, conquistare un punto per la certezza matematica.

Al dire il vero la partita è stata ben giocata dal Furci che stava portando a casa quel punto della matematica salvezza, condannando alla retrocessione il  Roccalumera che ha sua volta non ha tirato un solo tiro in porta fino all’85’ quando Briguglio partito da centrocampo se né andato in porta senza che nessuno lo ostacolasse portando  in vantaggio la squadra di casa, con il risultato che rimane fino al triplice fischio finale che rimette in gioco i roccalumeresi nella lotta salvezza. Che dire il Calcio Furci fino a quel momento meritava la vittoria sfiorata tante da Cutroneo e Rapisarda, però  molto  imprecisi nella scelta  del tiro in porta.

Adesso il distacco tra le due squadre è di soli sei punti, rimangono le ultime due partite, il Furci (18 punti) deve stare attento nelle prossime due gare (Savoca in casa e Giovanile Mascali fuori casa) per conquistare quel punto salvezza, ovviamente deve  cambiare il trend delle ultime giornate (cinque sconfitte consecutive),  per evitare in caso di doppio successo di essere agganciato dal Città di Roccalumera (12 punti), con la conseguenza affrontare lo spareggio-salvezza per evitare il ritorno in Terza Categoria.

Primo Tempo: Al 16’ è Cutroneo che se ne va sulla sinistra scambia con Rapisarda si presenta davanti a Trimarchi tira debolmente, è un difensore salva. Al 10’ è la volta di Rapisarda che scatta al limite del fuorigioco si presenta davanti a  Trimarchi ma si fa anticipare da un difensore. Il primo tiro in porta dei padroni di casa  è di Peppe Carpo che tira da fuori area la passa di un metro dal palo sinistro di Lundi. All 30’  è ancora Rapisarda che si libera bene in area ma tira addosso al portiere. Al 31’ è ancora Rapisarda in sospetto fuorigioco si mangia il gol dell’1-0 solo davanti a Trimarchi che gli va incontro il pallonetto va fuori di poco. Si conclude il primo tempo giocato con molti sbagli a centrocampo con leggera supremazia degli uomini di Ucchino.

Secondo Tempo: Al 47’ ’ è Briguglio che impegna il portiere Lundi a una difficile parata a terra su una punizione da fuori aerea. Al 51’ Catania prende il posto di Carnabuci, il Furci rimane in dieci per l’espulsione di Giuffrida per doppia ammonizione. Mister Ucchino opera cambio tattico  sostituisce Rapisarda con Carlo Ralli. Anconra una volta è Cutroneo che si invola verso la porta avversaria tira a colpo sicuro il pallone esce di poco con il portiere in uscita. Al 65’ viene  ristabilità la parità dei giocatori in campo, in seguito all’espulsione di Puliattti (doppia ammonizione), subentranto al posto di De Allegri.

Il gol che riapre i giochi salvezza: All’85’ è il Roccalumera  che passa con Briguglio che s’invola solitario verso Lundi è lo fa secco. Ultimo sussulto di un secondo tempo  giocato sotto tono da prendere per buono solo il gol di Briguglio che fa sorridere la squadra del Presidente Sterrantino dopo cinque sconfitte consecutive.

Città di Roccalumera   1     Calcio Furci  0

Marcatore: 85’ Briguglio

Città di Roccalumera: Trimarchi, Sparacino, Saccà, Carpo, Puglisi, Di Bella, Campagna, Palella, Briguglio, De Allegri.

Calcio Furci: Lundi, Proteggente, Occhino, Spadaro, Ingegneri, Carnabuci (51’ Catania), Fleres, Agnone, Rapisarda (55’ Ralli), Cutroneo, Giuffrida. All: Ucchino.

Arbitro: Doddis di Messina.

Espulsi: 55’ Giuffrida (Calcio Furci) doppia ammonizione, 65’ Puliatti (Città di Roccalumera) per doppia ammonizione.

]]>
info@sportjonico.it (di "Mi.Rig.") 2^ categoria Thu, 12 Apr 2018 14:32:23 +0000
Crolla nella ripresa il Calcio Furci. l'Itala cala il poker che vale la matematica salvezza. http://sportjonico.it/index.php?option=com_content&view=article&id=16094:crolla-nella-ripresa-il-calcio-furci-litala-cala-il-poker-che-vale-la-matematica-salvezza-&catid=89:seconda-categoria&Itemid=364 http://sportjonico.it/index.php?option=com_content&view=article&id=16094:crolla-nella-ripresa-il-calcio-furci-litala-cala-il-poker-che-vale-la-matematica-salvezza-&catid=89:seconda-categoria&Itemid=364 L’Itala nella ripresa cala un poker al Calcio Furci è conquista matematicamente la salvezza. Devono aspettare ancora (manca un punto per arrivare all’obiettivo salvezza)  i furcesi  alla loro quinta sconfitta consecutiva con una gara da recuperare (Mercoledi 11 Aprile sul campo del Città di Roccalumera), proprio al Comunale roccalumerese  il Furci  penultimo in classifica affronterà  il Roccalumera, ultimo in classifica distaccato di nove punti in classifica è mercoledi c’è il recupero Città di Roccalumera – Calcio Furci,  poi restano solo due partite di campionato.

Tutto può succedere nel pallone, manca solo un punto per la matematica salvezza per la squadra di Ucchino. Invece, la squadra di Geraci, un successo che vale non solo la matematica salvezza con il sorpasso in classifica proprio ai danni dei furcesi arrivata in anticipo, adesso in campo per il recupero con l’Akron.

La gara: Nel primo tempo il Furci con in porta Carrolo al posto di Lundi, oltre all’assenza di Cutroneo, riesce nell’intento di portare un punto da Itala.  Per tutto il primo tempo non c’è stato molto da sottolineare solo due tiri in porta per l’Itala è grande possesso palla. A sua volta Il Furci cerca di controllare la manovra degli e difendersi bene dagli attacchi dei padroni di casa.

Crollo nella ripresa dei furcesi: Al rientro in campo inizia bene l’Itala che attacca da tutte le parte,  trova il gol al 60’,  un tiro dalla destra con il pallone che passa sotto il corpo di Carraolo è un gioco da ragazzi metter dentro sulla linea da Caminiti. Passa ancora qualche minuto è arriva il secondo  gol, il portiere sbaglia il rinvio ed è il capitano Sorrenti mette dentro a porta sguarnita. Il Furci non si dà pace, non reagisce ed è ancora l’Itala che si porta sul 4-0 con Sorrenti e Caminiti, diciamo marcature arrivate per la  molta leggerezza da parte di tutta la squadra che reagisce solo nel finale con la rete di Rapisarda di testa. Arbitraggio ottimo.

Itala       4     Calcio   Furci 1

Marcatori: 60’ e 78’ Sorrenti, 69’ e 85’ Caminiti, 89’ Rapisarda.

Itala: Cocuzza, Ciuperca, Praticò, Freni, Roma, Kanoutè, Konatè, Di Leo, Caminiti, Fleres, Sorrenti. All.: Geraci.

Calcio Furci: Carrolo, Ralli, Occhino, Spadaro, Ingegneri, Giannetto, Fleres, Agnone, Rapisarda, Proteggente, Barrile. All.: Ucchino.

Arbitro: Papaserio di Catania.

]]>
info@sportjonico.it (di "Mi.Rig.") 2^ categoria Tue, 10 Apr 2018 15:22:36 +0000
2^ Cat. - Sette giornate a Trimarchi (Fiumedinisi), 4 turni a Peditto (Fasport). Multa alla Nike Giardini. http://sportjonico.it/index.php?option=com_content&view=article&id=16078:2-cat-sette-giornate-a-trimarchi-fiumedinisi-4-turni-a-peditto-fasport-multa-alla-nike-giardini-&catid=89:seconda-categoria&Itemid=364 http://sportjonico.it/index.php?option=com_content&view=article&id=16078:2-cat-sette-giornate-a-trimarchi-fiumedinisi-4-turni-a-peditto-fasport-multa-alla-nike-giardini-&catid=89:seconda-categoria&Itemid=364 Un po’ di lavoro per il Giudice Sportivo del Comitato Siculo riguardante il Girone D del campionato di Seconda Categoria.

Giocatori Squalificati

Sette Giornate: Roberto Trimarchi (Fiumedinisi) “Per condotta scorretta; nonchè per avere spintonato l'arbitro e assunto contegno offensivo nei confronti dello stesso, dopo l'espulsione”.

Quattro Giornate: Peditto Lorenzo (Fasport) “Per grave condotta scorretta; nonchè per contegno offensivo e minaccioso nei confronti dell'arbitro, dopo l'espulsione”.

Due Giornate: Cantarella (Nike Giardini).

Una Giornata: Restifo (Antillese), La Fauce (Città di Calatabiano), Rocco Burgio (Limina),

Squalifica Dirigenti

Vincenzo Sturiale (Antillese) fino al 15 Aprile 2018 “Per contegno irriguardoso nei confronti dell'arbitro”.

Carmelo Laganà (Robur) fino al 10 Aprile 2018 “Per proteste nei confronti dell'arbitro”.

Ammende Società

120,00 Euro Nike Giardini “Per lancio di un petardo in prossimità dell'arbitro e per reiterato lancio di fumogeni all'interno del terreno di giuoco.

]]>
info@sportjonico.it (di "Redazione") 2^ categoria Thu, 05 Apr 2018 18:50:11 +0000
Un gol ad inizio ripresa di Pantè fa volare la Nike Giardini (1-0) all'Antillese. http://sportjonico.it/index.php?option=com_content&view=article&id=16059:un-gol-ad-inizio-ripresa-di-pante-fa-volare-il-nike-giardini-1-0-allantillese-&catid=89:seconda-categoria&Itemid=364 http://sportjonico.it/index.php?option=com_content&view=article&id=16059:un-gol-ad-inizio-ripresa-di-pante-fa-volare-il-nike-giardini-1-0-allantillese-&catid=89:seconda-categoria&Itemid=364 Al Comunale di Giardini andava in scena una gara del campionato di Seconda Categoria – Girone D – di fronte la prima della classe i padroni di casa del Nike Giardini e l’immediata inseguitrice la Polisportiva Antillese, in palio non solo tre punti, ma una fetta importante per la vittoria finale.

Le due squadre si presentano al fischio d’inizio con un distacco di tre punti (Nike 42 e Antillese 39), con i padroni di casa infallibili negli scontri diretti sul terreno amico, di contro gli ospiti forti di una striscia positiva di ben sette vittorie consecutive con un’attacco mitraglia (26 gol fatti e 4 subiti).

La gara non è stata spettacolare, molto tattica decisa ad inizio della ripresa da una stoccata vincente di Pantè, il giocatore che partito dalla panchina, è stato messo in campo al 33’ del primo tempo da mister Cerra al posto di Barresi (costretto a lasciare per un infortunio), è diventato il protagonista assoluto della vittoria dei gialloblù giardinesi che volano in alto ….”eccola qua la capolista se ne va…” cantano a fine gara negli spogliatoi i ragazzi del Presidente Tino Sturiale,  ormai ad un passo dal traguardo del salto di Categoria quando mancano  tre giornate alla fine:  sei punti di vantaggio …….su nove disponibili.

Il gol che vale un’intera stagione: Siamo al 59’ con il Nike Giardini in pressing dalla sinistra Lele Riccina pennella un perfetto traversone dove si avventa con estrema decisione Pantè che gonfia la rete dell’estremo difensore antillese Cardone.

La reazione degli ospiti: L’Antillese reagisce, i padroni di casa abbassano il baricentro, costretti anche dall’espulsione di Cantarella a difendersi in inferiorità numerica. Proprio alla fine della gara i padroni di casa rischia di subire il pareggio dell’Antillese con un bolide di Thomas Crementi, ecco che entra in scena Paolo Di Pietro a dire no con i suoi guantoni all’attaccante antillese.

Nike Club Giardini 1         Antillese 0

Marcatore: 59’ Pantè.

Nike Club: Di Pietro, Trimarchi, Campagna (72’ Sciacca), Corica, Barresi  (33’ Pantè), Manitta, Lo Iacono (57’ Spartà), Cantarella, Riccina, Monforte (72 Cali), D’Allura. All. Cerra.

Pol. Antillese: Cardone, Nipo, Di Bella, Sturiale, Lo Conti, Cardone, Puglisi, Restifo, Saglimbeni (77’ Mastroieni), Rizzo, Crementi . All. Sturiale.

Arbitro: Comito di Messina.

]]>
info@sportjonico.it (di "M.M.") 2^ categoria Sun, 01 Apr 2018 20:42:21 +0000