Eccellenza 2010/11

SportJonico.it

lo sport della riviera jonica messinese

Tuesday
Aug 21st
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Eccellenza Archivio Eccellenza

Eccellenza 2010/11

Ecc. - Due giornate a Crisafulli (Spadaforese), una a Sturiale e Catania (Taormina).

Ecc. - Due giornate a Crisafulli (Spadaforese), una a Sturiale  e Catania (Taormina).

Resi noti i provvedimenti disciplinari del giudice Sportivo Pietro Accurso per quanto riguarda l’ultimo turno di campionato. Ecco le decisioni adottate dal Giudice Sportivo:

Due Giornate: Crisafulli (Spadaforese), Milia (S. Agata), Pettinato (Alcamo), Pinto (Gattopardo);

Una Giornata: Cannistraci e Aiello (S. Agata),  La Macchia F. (Spadaforese), Sturiale e Catania (Taormina), Vinci (Vittoria), Benedettino (Ragusa), Pacera (Kamarat), Ciaramella (Alcamo), Santanna (Biancadrano), Russello e Martorana (Ribera), Guarnotta e Curella (Gattopardo), Iurato (S. Croce), Scerra e Colo (Enna), Privitera (Giarre).

Allenatori: squalificati sino al 30 novembre gli allenatori Strano (Biancadrano) e Salomone (Gattopardo).

Ultimo aggiornamento ( Giovedì 23 Giugno 2011 07:05 )

Risultati e Marcatori dei Quarti di Finale di Coppa Italia Eccellenza.

Risultati e Marcatori dei Quarti di Finale di Coppa Italia Eccellenza.

Si sono giocate ieri le gare di ritorno dei Quarti di Finale di Coppa Italia  riservate alle formazioni di Eccellenza. Accedono alle semifinali l’Alcamo, Città di Vittoria, Valderice e il sorprendente Taormina. La compagine taorminese vince 3-1 in casa del Real Avola, grazie alle reti di Emanuele al 5’, di Trovato al 15’ e di Randazzo al 72’. Il gol avolese al 50’ di Unniemi.

Viene eliminato il Due Torri imbottito di giovani contro il Valderice non andando oltre il pareggio per 1-1: sono gli ospiti a portarsi in vantaggio al  22' con un diagonale di La Commare che trafigge in uscita Domianello . Il Due Torri trova  il pari al 47'. Punizione battuta da La Rosa, respinge il portiere, irrompe l'ottimo Fodale che scaraventa in rete.

Netta la vittoria del Città di Vittoria 4-1 ai danni del Trecastagni: apre le marcature al 20’ Cordaro, il raddoppio al 44’ di Caputa. Al 68’ arriva il 3-0 con Cordaro che mette a segno la sua  doppietta personale, al 77’ tocca a Pantè a portare sul 4-0 il punteggio. A cinque minuti dalla fine arriva il gol della bandiera del Trecastagni ad opera di Di Mauro.

Con un gol al 59’ di Gatto l’Alcamo elimina dalla competizione il Licata:  angolo di Ciaramella, e palla che arriva al centro dell'area dove viene agganciata e deviata in porta di testa da Papania. Sulla traiettoria si trova Gatto che proprio sulla linea di porta corregge in rete un pallone che sembrava comunque destinato a gonfiare la rete:

Ecco il tabellone delle gare dei Quarti di Finale di Coppa Italia Eccellenza

  • Alcamo-Licata 1-0 (andata 1-1).
  • Città di Vittoria-Trecastagni 4-1(andata 1-0).
  • Due Torri-Valderice 0-2 ( andata 0-2).
  • Real Avola-Taormina 1-3 (andata 0-0).

Ultimo aggiornamento ( Giovedì 23 Giugno 2011 07:05 )

Colpaccio del Taormina in casa del Real Avola: vince 3-1 conquista la semifinale di Coppa Italia.

Colpaccio del Taormina in casa del Real Avola: vince 3-1 conquista la semifinale di Coppa Italia.

Dopo lo 0-0 nella gara di andata la Valerio Bacigalupo , occorreva un pareggio con gol o una vittoria per i ragazzi di mister Santi Giuffrida per poter accedere nel “top four”  delle squadre siciliane.  Invece  nella partita più difficile, nel momento più difficile della stagione,  anche se i pronostici davano favorita la formazione del Real Avola, i taorminesi escono dal “Meno Di Pasquale “ di Avola con la qualificazione in tasca, superando per 3-1 i quotati avversari.

Primo Tempo: Partenza sprint del Taormina che già dopo 15’ di gara si trova in vantaggio per 2-0: al 5’ 5’ Taormina subito in vantaggio: Catania dalla sinistra mette in mezzo per  Emanuele che si fa trovare pronto e di piatto batte Tarantino.  Il Real Avola  non ha nemmeno il tempo di riorganizzarsi che gli ospiti raddoppiano:  15’ azione corale dei baincazzurri: triangolo Caruso-Catania.Trovato, che viene smarcato in area: il numero 3 peloritano prende la mira e con un secco  diagonale raddoppia. La reazione dei padroni di  casa si concretizza in qualche mischia in area e in uno sterile possesso palla. Da segnalare al 18’ un bel triangolo tra Intagliata, Unniemi ed Attilio che però si spegne sul fondo. È ancora Attilio allo scadere del primo tempo ad impegnare Sanfilippo con un colpo di testa che però sfiora lo specchio della porta.  E’ invece il Taormina a sfiorare la terza marcatura con un contropiede di  Emanuele che entra in area e tira a botta sicura, ma Tarantino salva in corner.

Secondo Tempo: La ripresa si apre col Real Avola più determinato  che si presenta con un attacco rinforzato dall’ingresso di Montalabano  e di Catania, infatti accorcia subito  le distanze: una punizione dalla fascia laterale sbuca in mezzo a una selva di  gambe e per poco non sorprende Sanfilippo, che però respinge sui piedi di  Unniemi che deve solo appoggiare in rete. Il goal ridà coraggio ai padroni di  casa, che però si scoprono alla ricerca del pari e rischiano in contropiede:  al 64’  il direttore di gara non considera come fallo da ultimo uomo l’intervento  di Tarantino che fuori area ferma Catania lanciato a rete: per l’estremo  difensore ospite solo cartellino giallo, poi i biancazzurri non sfruttano la  punizione. Al 67’ clamorosa occasione per Randazzo, messo in condizione di presentarsi a tu  per tu con Tarantino, ma l’attaccante peloritano angola troppo il diagonale che  si spegne di poco sul fondo. Al 68’ il Taormina vicinissimo alla terza marcatura: ancora un contropiede, questa  volta sui piedi di Trovato, che prova a piazzare il diagonale come nel primo  tempo, ma questa volta ha meno fortuna, perché la palla accarezza il palo e  finisce sul fondo. Ma all’ ennesimo tentativo al 72’ il goal arriva: tiro di Catania dalla distanza che Tarantino non trattiene,  sulla ribattuta si avventa Randazzo che chiude il discorso. Clamoroso ad Avola, Taormina 3, Real Avola 1.  Sussulto d’orgoglio dei padroni di casa  al 90’ vanno per due volte alla  conclusione da distanza ravvicinata. Sanfilippo si fa trovare pronto in  entrambi i casi.

Real Avola    1    Taormina    3

Real Avola: Tarantino, Mangiameli, Saraceno, Casisa (80’ Tamburella), Ulma
(46’ Catania), Ricca, Costa (46’ Montalbano), Cilio, Sirigu, Intagliata,
Unniemi. Allenatore: De Leo.
Taormina: Sanfilippo, Sturiale, Trovato, Dardanelli (75’ Clienti), Fichera,
Mannino, Catania (85’ D’Antonio), Filistad, Emanuele, Caruso, Randazzo (80’
Schiera). Allenatore: Santo Giuffrida.
Arbitro: Occhipinti di Ragusa
Marcatori: 5’ Emanuele (T), 15’ Trovato (T), 50’ Unniemi (R), Randazzo 72’ (T)

Intervista del dopo gara: “Finalmente siamo riusciti a buttarla dentro”. Mister Santo Giuffrida si gode  il successo inatteso ad Avola, ma non si esalta, perché sa che il calcio è una  macchina strana, che oggi ti fa volare e domani ti castiga:

“Ogni partita ha  una storia a parte – spiega infatti il mister – Domenica non meritavamo di  perdere, ma la palla non è voluta entrare; oggi dopo un quarto d’ora eravamo  avanti due a zero, e questo ci ha permesso di giocare come volevamo. E’ vero  che abbiamo avuto tante altre occasioni per arrotondare il punteggio e non le  abbiamo sfruttate, ma il calcio è così: se ogni occasione si facesse goal, le  partite finirebbero dieci a dieci”.

Un successo che scaraventa il Taormina tra le “top four” dell’Eccellenza siciliana: “Se si vanno a vedere le squadre che sono arrivate in semifinale –  osserva ancora Giuffrida – Ci sono tre squadre di vertice, e noi che in teoria  non c’entriamo niente. Adesso ci tocca il Vittoria, un altro avversario tosto.  Ma lo affronteremo a viso aperto, come abbiamo fatto sempre".

Ultimo aggiornamento ( Giovedì 23 Giugno 2011 07:05 )

Coppa Italia: Il Taormina oggi in campo cerca la qualificazione in casa del Real Avola.

Coppa Italia: Il Taormina oggi in campo cerca la qualificazione in casa del Real Avola.

Si disputano oggi pomeriggio le gare di ritorno dei quarti di finale di Coppa Italia Eccellenza. In campo le due messinesi Taormina e Due Torri.  Dopo il pareggio dell’andata (0-0) il Taormina rende visita al Real Avola. Il Due Torri invece riceverà la visita del Valderice che si presenta in campo con il vantaggio di due reti. Le altre due gare in tabellone sono Vittoria-Trecastagni ( 0-1) e Alcamo-Licata (1-1).

Real Avola – Taormina: Il Taormina  dopo lo 0-0 maturato all'andata al "Bacigalupo" deve necessariamente vincere o anche pareggiare, ma, a partire dal risultato di 1-1 in poi, per accedere alla semifinale. Il Real Avola è una delle maggiori candidate, insieme al Biancadrano, al salto di categoria in campionato, ma, in Coppa il Taormina si è sempre esaltato, offrendo ottime prestazioni. Filistad e compagni, tra l'altro, puntano a riscattare la sconfitta interna di domenica, per risollevare il morale e dimostrare che, quello col Caltagirone, è stato un incidente di percorso. Le numerose assenze penalizzano la squadra, ma, è sin troppo scontato che il Taormina punta ad approdare in semifinale regionale di Coppa che è, decisamente, un traguardo di prestigio.

Anche il Real Avola ci tiene alla qualificazione alle semifinale di Coppa come afferma  l’attaccante Attilio Sirugo “ Il pubblico dev'essere ancora una volta il nostro dodicesimo uomo in campo. Senza dubbio, per noi, stare a un solo punto dalla vetta è gratificante, ma in questa momento della stagione non dobbiamo assolutamente abbassare la guardia – sostiene Sirugo -  la gara di Coppa Italia è molto importante e vogliamo affrontarla nel migliore dei modi”.

L'incontro sarà diretto all'arbitro ragusano Simone Occhipinti con gli assistenti Antonio Blanco e Luca Angelo Regolo di Acireale.

Due Torri – Valderice: Il Due Torri, reduce dall'esaltante affermazione esterna in campionato sul campo del S. Agata, affronta l'impegno odierno con grande entusiasmo, ma, con uno schieramento "sperimentale" e molto rabberciato. Infatti, il tecnico Giuseppe Raffaele non potrà utilizzare Russo e Campo, entrambi squalificati, Raffa e Porzio, infortunati, e sono in forte dubbio, perchè alle prese con lievi indolenzimenti e problemi muscolari anche il portiere Durante, il difensore Spinella, i centrocampisti Cipriano e Guido e l'attaccante Mincica.

Tuttavia, oggi, il Due Torri affronterà il Valderice con grande intensità e determinazione per cogliere il successo e confermare la splendida organizzazione di gioco di Balastro e compagni e confermare la grande mentalità vincente di questa società. Certamente, rimontare il 2-0 rimediato in terra trapanese non sarà per nulla facile, ma, i "baby" che saranno utilizzati ci proveranno di sicuro.

Le gare di ritorno dei Quarti di Finale 24 Novembre 2010 ore 14.30.

  • Alcamo-Licata (1-1).
  • Città di Vittoria-Trecastagni (1-0).
  • Due Torri-Valderice (0-2).
  • Real Avola-Taormina (0-0).

Ultimo aggiornamento ( Giovedì 23 Giugno 2011 07:04 )

Seconda sconfitta casalinga per il Taormina: a tre minuti dalla fine il gol del K.O.

Seconda sconfitta casalinga per il Taormina: a tre minuti dalla fine  il gol del K.O.

A tre minuti dalla fine l’Aquila Caltagirone espugna il Valerio Bacigalupo di Taormina, grazie ad un calcio di rigore realizzato da Santangelo che infligge la seconda sconfitta stagionale ai ragazzi di mister Santino Giuffrida. Rinviato il ritorno alla vittoria per i biancazzurri taorminesi che non vincono in casa dal 2 ottobre scorso quando hanno battuto per 1-0 il Ragusa.

Nelle successivie partite due pareggi (Acicatena e Santa Croce) e due sconfitte (Palazzolo e Aquila Caltagirone), su dodici punti a disposizione sono arrivati due soli punti in classifica. Molte le attenuanti per i risultati negativi al Bacigalupo, molti infortuni hanno condizionato le scelte di Mister Giuffrida che proprio nella gara odierna poteva contare sul rientro di Stracuzzi (che inizia in panchina) gli consente di poter schierare una formazione accettabile. Ma è in avanti, con il perdurare degli infortuni di Varrica e Borbone, che il tecnico ha i maggiori problemi, e si ritrova quindi costretto a schierare il duo Clienti-Prestipino.

Cronaca: Parte subito in avanti il Taormina con Prestipino la cui conclusione velleitaria dalla distanza finisce a lato di poco con il portiere ospite che fa buona guardia. Al 13’ lancio per Catania che si coordina per il cross, ne esce una traiettoria che si spegne sull’esterno della rete all’altezza dell’incrocio dei pali. Due minuti più tardi ci prova Emanuele  la cui girata debole e facile da parare per Parlabene.  Il Taormina continua nel suo pressing al 18’ Prestipino controlla e tiro con Parlabene deve bloccare in tuffo. Appena il Taormina abbassa i ritmi di gioco al 26’ si vede l’Aquila Caltagirone con Famà recuperata palla si accentra, poi conclude verso Sanfilippo che deve accosciarsi per bloccare. Al 35’ bel diagonale di Sturiale con il portiere ospite para senza alcuna difficoltà.   Gli ospiti nel finale tentano di sorprendere i locali con due incursioni al 36’ Brancacci devia verso Sanfilippo un cross dalla destra, anche in questo caso la palla è centrale e il portiere blocca e al 39’ tiro dalla distanza di Greco, troppo debole, Sanfilippo può bloccare in tuffo. Nei minuti finali della prima frazione di gara due grosse opportunità per il Taormina per portarsi in vantaggio al 42’ bella combinazione dei padroni di casa con palla allargata verso Emanuele, il cui diagonale si stampa sulla traversa. Passano pochi minuti percussione di Emanuele, palla che arriva a Prestipino la cui girata è angolata ma debole e Parlabene può recuperare la posizione e bloccare in tuffo.

Al ritorno in campo parte con maggiore furore l’Aquila Caltagirone: al 58’ con una conclusione di Pardo alta da buona posizione e al 75’ ancora Pardo  non raccoglie un cross pericoloso dalla sinistra. Risponde al 76’ il Taormina con Trovato che pennella per la testa di Prestipino che di testa in mezzo all’area di rigore si divora un goal mandando la sfera a lato. Al 79’ rischia però il Taormina in contropiede, con una triangolazione che libera al tiro Fiore, che però da due passi ciabatta a lato. Ancora pericolo per Sanfilippo su un colpo di testa di Brancacci centrale, ma il goal arriva due minuti dopo: Trovato sbaglia l’intervento, Pardo va in fuga, Sturiale lo contiene in area. L’arbitro vede fallo e fischia rigore ed espulsione. Dagli 11 metri Santangelo non sbaglia per il vantaggio ospite. Inutile l’assedio nei minuti finali del Taormina alla ricerca del pareggio che non arriva per il triplice fischio finale.

Taormina    0   Aquila Caltagirone   1

Marcatore: 87’ Santangelo su rigore.

Taormina: Sanfilippo, Sturiale, Trovato, Dardanelli, Fichera, Filistad, Catania, Caruso, Prestipino, Emanuele, Clienti (82’ D’Amico). Allenatore: Santo Giuffrida.

Aquila Caltagirone: Parlabene, Famà (46’ Maddione), Martini, Santangelo, Alma A., Sciacca, Greco (90’ Testa), Fiore, Pardo, Brancacci, Alma G (84’ Nobile). Allenatore: Ivan Di Dio

Arbitro: Azzaro di Ragusa

Espulso:  41’ Sturiale (Taormina).

Ultimo aggiornamento ( Giovedì 23 Giugno 2011 07:04 )

Ecc- - Una giornata a Pirrotta (Città di Messina).

Ecc- - Una giornata a Pirrotta (Città di Messina).

Il Giudice Sportivo della Figc Sicilia ha respinto il reclamo del Biancadrano riguardo la gara contro il Real Avola finita sul punteggio di 1-1. La società catanese aveva proposto “la ripetizione della gara in oggetto viziata da non corrette decisioni  assunte dall'arbitro ed in particolare dall'errore tecnico dovuto alla mancata espulsione per doppia ammonizione di un calciatore della Società Real Avola.

E’ stato accolto invece quello contro il Santa Croce gara del 31 ottobre finita sul punteggio di 1-1. Nel ricorso il Biancadrano segnala la posizione irregolare del calciatore Sella Carlo, schierato dalla Società Santa Croce sebbene squalificato”. Il Giudice Sportivo accoglie il reclamo infliggendo la perdita della gara per 0-3 , di infliggere al dirigente accompagnatore della Società Santa Croce, Sciacchitano Andrea, la sanzione dell'inibizione fino al 15 dicembre 2010 e al calciatore  Sella Carlo, una ulteriore giornata di squalifica.

Per quanto riguarda gli altri provvedimenti ecco nel dettaglio i provvedimenti adottati:

Ammende Giocatori espulsi dal campo:

Due Giornate: Giuseppe Centorbi ( Città di Villabate);

Una Giornata:Cristaldi (Belpasso), Pirrotta (Città di Messina), Scimemi (Folgore), Sparta (Trecastagni).

Squalifica per IV Ammonizione:

Marino (Alcamo), Iovino (Valderice), Zito (Città di Villabate), Tarantino (Parmoval).

Ammende Allenatori:

Michele Cataldi (Città di Messina) squalificato fino al 25 Novembre 2010 “Per proteste nei confronti dell'arbitro” e Salvatore Bongiovanni (S.Agata)”Per grave condotta scorretta”.

Ammende Dirigenti:

  • Vito Denaro (Folgore Selinunte) squalificato fino al 15 dicembre 2010 “Nella qualita' di addetto al servizio d'ordine, assumeva contegno offensivo e minaccioso nei confronti degli ufficiali di gara”
  • Antonino Pratella (S. Agata Calcio) squalificato fino al 5 Dicembre 2010 “.Per grave contegno irriguardoso nei confronti dell'arbitro, a fine gara”
  • Antonino Raffaele (Due Torri)e Sebastiano Cutuli (Trecastagni) inibiti fino al 30 Novembre 2010 “Per contegno irriguardoso nei confronti di un A.A”.

Ammende Società:

  • 250,00 Euro al Due Torri:”Per presenza di persone non autorizzate all'interno del recinto di giuoco; nonchè per avere, propri sostenitori, attinto ripetutamente con sputi un A.A”
  • 200,00 Euro al Città di Villabate: “Per manifestazioni di intemperanza, da parte dei propri sostenitori nei confronti di un A.A.; nonchè per avere, persona non identificata introdottasi all'interno del recinto di giuoco, colpito con uno schiaffo un calciatore avversario”.
  • 100,00  Euro al Belpasso: “Per avere, persona non identificata, assunto contegno offensivo nei confronti degli ufficiali di gara e di Organi Federali”.
  • 50,00  Euro Castellamare e Folgore Selinunte: “Per non avere, addetto al servizio d'ordine, adempiuto ai propri doveri.

Ultimo aggiornamento ( Giovedì 23 Giugno 2011 07:04 )

L'Enna vince (2-1) il recupero con il Real Avola.

L'Enna vince (2-1) il recupero con il Real Avola.

Si è  disputato il recupero del campionato di Eccellenza con la vittoria a  sorpresa dell'Enna che ha battuto 2-1 (Uniemmi, Nasonte, Alessandro) il Real Avola.

Nel girone B d'Eccellenza balza così in vetta il Biancadrano (gli adraniti hanno avuto altri due punti dal giudice con lo 0-0 di Santa Croce, che s'è tramutato in 0-3 a tavolino per una posizione irregolare di un giocatore ibleo) che precede di 3 punti il duo siracusano Real Avola e Palazzolo, mentre con questa vittoria l'Enna fa un grande balzo nella classifica e lascia il penultimo posto.

Il Ragusa esonera Lucenti: In questo girone salta la panchina del Ragusa col presidente Giuseppe Rimmaudo che dopo i quattro ko in trasferta, ha esonerato Gaetano Lucenti che sarà sostituito dal Corrado Vaccaro.

Città di Messina: tre giocatori lasciano. Sempre nel girone B, il Città di Messina dopo aver affidato la prima squadra, al tecnico Gaetano Accetta, dopo una serie di confronti con i giocatori della «rosa»: Tindaro Calabrese, Mirco Camarda e Michele Di Napoli non si sono presentati.

Dopo il recupero della gara Enna – Real Avola 2-1, ecco la nuova classifica del campionato di Eccellenza, Girone B: Biancadrano 24, Real Avola e Palazzolo 21, Città di Messina 17, Città di Vittoria 17, Ragusa 16, Taormina 16, Santa Croce ed Enna 11; Aquila Caltagirone 10, Belpasso 10, Giarre 10, Acicatena 10, Trecastagni 10, Spadaforese 8, Paternò (- 2) 0.

Ultimo aggiornamento ( Giovedì 23 Giugno 2011 07:03 )

Un Taormina decimato pareggia 1-1 sul campo del Giarre.

Un Taormina decimato pareggia 1-1  sul campo del Giarre.

Il Taormina esce indenne dal “Regionale” di Giarre, dopo il vantaggio di Peppe Stracuzzi al 22’ al rientro in squadra dopo un lungo infortunio arriva dopo quattro minuti  il pareggio dei gialloblu giarresi con Patti. Succede tutto nella parte centrale del primo tempo tra un  Taormina  a pezzi, a caccia della vittoria dopo quattro gare senza successi e il Giarre che cerca la vittoria per avvicinarsi nei quartieri alti della classifica. La compagine taorminse scende in campo senza l’ attacco titolare (fuori sia Borbone che Varrica), con Dardanelli squalificato e Mannino e Mondello indisponibili, mister Giuffrida deve inventarsi Fichera esterno destro in difesa Clienti ala, e portare in panchina una nidiata di 93. In queste condizioni, comunque, la formazione peloritana tiene bene il campo, anche se è il Giarre a fare la partita per tutti i 90’senza riuscire a trovare il colpo vincente.

Cronaca: Sono i padroni di casa che partono subito forte al 10’ la prima occasione: cross dalla destra con intervento di Bonanno di testa che finisce a lato non di molto. Passano cinque minuti tocca a Leone  che entra bene in area, poi però tira altissimo. La foga iniziale giarrese viene smorzata al primo affondo dei taorminesi al 22’ punizione dalla sinistra che imbecca Stracuzzi. Il capitano, alla sua prima presenza in campionato dopo il lungo infortunio, di testa non lascia scampo a Bonaccorsi. Pronta la reazione dei padroni di casa con un colpo di testa al 25’ di Leone che, ostacolato da un difensore, manda a lato. Era il preludio al pareggio che arriva dopo un minuto: cross in area di rigore , Sanfilippo sbaglia l’uscita e Patti ha buon gioco a scavalcarlo con un colpo di testa per il goal dell’1-1.

Raggiunto il pareggio, il Giarre  continua nel suo pressing sfiorando il vantaggio dopo due minuti con Santo Torre  che dal vertice dell’area piccola tenta il diagonale, ma la palla attraversa tutto lo specchio della porta e finisce sul fondo. Altra opportunità per il Giarre al  30’ con la sfera colpita da un colpo di testa di Parisi ferma la sua corsa sul palo, poi si accende una mischia fermata dall’arbitro che fischia fallo in attacco. Prima dello scadere ci sono ancora due occasioni per il Giarre, che prima si vede regalare dall’arbitro una punizione a due in area: sul tiro di Privitera, palla sulla barriera, poi Bonanno manda a lato; poi su punizione dal limite ci prova Torre, palla che sibila di poco sul fondo.

Nella ripresa, noia per metà tempo, poi al 68’ buona palla per Patti che dal vertice dell’area tenta il rasoterra, ma Sanfilippo è sulla traiettoria e manda in corner. Al 71’ quindi ci prova da lontano il neo entrato Napoli, ma alza la mira; lo stesso Napoli ci prova otto minuti dopo, la conclusione esce ancora sul fondo alla destra di Sanfilippo. Il Giarre insiste in avanti, al 81’ Patti cerca Torre, tiro dal limite da buona posizione, ma sbilenco; lo stesso numero 10 ci riprovaSanfilippo si deve distendere per respingere. qualche minuto dopo, questa volta

Giarre   1   Taormina 1

Marcatori: 22’ Stracuzzi, 26’ Patti.

Giarre: Bonaccorsi, Spataro, Balsamo, Caggegi, Privitera, Parisi, Bonanno (82’ Sangrigoli), Patti, Leone (67’ Napoli),  Torre, Gentile. Allenatore: Gaetano Mirto

Taormina: Sanfilippo, Fichera, Trovato, Caruso, Stracuzzi, Filistad, Catania, Mannino, Clienti, Prestipino (89’ D’Antoni), Emanuele, Randazzo (71’ D’Amico). Allenatore: Santo Giuffrida.

Arbitro: Caruso di Messina

Ammoniti: Bonanno (Giarre), D’Amico, Filistad, Trovato, Catania, Clienti (Taormina).

Interviste del Dopo Gara:
Giuseppe Stracuzzi (Taormina): Il Capitano è tornato. Dopo essere rimasto fuori per quasi tutto il girone d’ andata, Stracuzzi è di nuovo in campo, e tocca proprio a lui segnare la rete  che illude per 4’ il Taormina di fare il colpaccio a Giarre. E dopo il goal, il  gesto “liberatorio” di togliersi la polvere di dosso. E qualche sassolino dalle  scarpe: “Qualcuno fuori dall’ambiente insinuava che non fossi più utile alla  causa del Taormina, voci che mi hanno dato fastidio – sbotta – Grazie a Dio
è  sempre il campo, poi, a dare le risposte, e spero oggi di aver fatto capire che  in questo gruppo c’è ancora posto per me”. “Fa piacere aver fatto un buon risultato – continua Stracuzzi – ci mancava  gente importante, ma è andata bene. Siamo contenti per questo punto rimediato a  Giarre, che è sempre un campo difficile”.
Santo Giuffrida (Allenatore Taormina): Si accontenta del punto anche mister Santo Giuffrida, che oggi ha dovuto  davvero fare i salti mortali per schierare una formazione degna di questo nome:  “Prendiamo questo punto e mettiamolo in cascina in attesa di tempi migliori –  spiega il tecnico biancazzurro – Oggi eravamo in emergenza, non è facile  giocare con giocatori fuori ruolo, e poi su un terreno di gioco disastroso come  quello del Regionale il livello tecnico va a farsi benedire. Spero che, se non  fra sette, almeno tra quindici giorni potrò avere più giocatori a disposizione,  perché è anche con la panchina che si vincono le partite…”  “La gara di oggi – conclude il mister – E’ stata comunque una bella gara, con  un Giarre che ha fatto molto bene nel primo tempo. Nella ripresa siamo stati  bravi noi a concedere di meno. Ma va bene così, questa è una squadra che
sta  crescendo”.


Ultimo aggiornamento ( Giovedì 23 Giugno 2011 07:03 )

Altri articoli...
Pagina 9 di 18



Video - Primo Piano


Trasmissione Sportiva

Top menu

Contattaci