Eccellenza 2010/11

SportJonico.it

lo sport della riviera jonica messinese

Friday
May 25th
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Eccellenza Archivio Eccellenza

Eccellenza 2010/11

Santo Giuffrida (Taormina): "Dobbiamo stare attenti nei minuti finali..."

Santo Giuffrida (Taormina):

E’ un Santo Giuffrida parecchio arrabbiato quello che si affaccia nella sala stampa antistante gli spogliatoi: “Dobbiamo imparare a essere più attenti nei minuti finali – sbotta – nelle ultime due settimane allo scadere abbiamo perso tre punti uno col Ragusa, due con la Spadaforese. Non so cosa subentri, una specie di paura di fare risultato – prosegue il mister – adesso  ci lecchiamo le ferite per questo pareggio, arrivato con una palla buttata in mezzo e dopo le tante occasioni sprecate da noi sotto rete. Ecco, forse il problema è lì, dovevamo chiudere la gara prima, ma è sempre così: creiamo, creiamo, poi magari sulla palla decisiva sull’ultimo passaggio, siamo superficiali. Speriamo che questo andazzo cambi, che la fortuna giri un po’ dalla nostra parte perché non ce ne sta andando bene una”.

Sul risultato continuano a pesare anche le tante, troppe assenze per infortunio: “Facciamo di necessità virtù, ma è storia vecchia, ormai – conclude mister Giuffrida – appena mancano uno o due pedine, tutto diventa più difficile. Onore comunque a chi va in campo cerca di fare del proprio meglio, sempre”.

Ciro Russo sperava che il suo eurogoal potesse valere tre punti. Invece in carniere ne resta solo uno: “Peccato, perché la squadra ha giocato bene, e non meritavamo questo risultato che per noi è come una sconfitta – commenta l’ attaccante biancazzurro – Il loro goal ci ha beffati perché è arrivato proprio alla fine, dopo una partita dominata da noi. Il mio goal? Non lo so nemmeno io come mi è venuto: mi è arrivata questa palla dalla destra, io ci ho provato al volo, mi é andata bene”.

Ultimo aggiornamento ( Giovedì 23 Giugno 2011 07:16 )

Ennesimo pareggio casalingo per il Taormina fermato 1-1 dalla Spadaforese.

Ennesimo pareggio casalingo per il Taormina fermato 1-1 dalla Spadaforese.

Reduce dalla beffa di Ragusa, il Taormina deve vincere per tenere a distanza di sicurezza la zona “calda” della classifica. Ma è un Taormina rabberciato dai soliti, troppi infortuni, e contro una Spadaforese neanche lontana parente della squadraccia battuta all’andata 2-1. Così finisce con un pareggio che sta stretto agli uomini di Giuffrida. E infatti parte meglio la squadra ospite, che con un tiro-cross di D’Arrigo che cerca di sorprendere Sanfilippo fuori dai pali, ma il pallonetto finisce sul fondo non di molto. La risposta del Taormina è in una scudisciata dai trenta metri di Emanuele che obbliga Gambuzza alla respinta in angolo.

La partita langue, con il Taormina che esercita una sterile supremazia territoriale. Si registra un goal annullato a Borbone per carica al portiere, ma nel finale per due volte gli ospiti mettono alle corde Sanfilippo, prima con uno stop e tiro di Fugazzotto parato, poi con una conclusione di La Spada che obbliga il numero 1 peloritano alla respinta in tuffo, e poi a recuperare la palla, accartocciandovisi sopra, sul tentativo di tap-in dello stesso La Spada.

L’avvio della ripresa è da sbadigli. Occorre aspettare il ventesimo per vedere una sgroppata di Cirino Russo che però al momento di mettere in mezzo “serve” di fatto il portiere ospite Gambuzza. L’occasione risveglia il Taormina, che prima con Borbone tenta la girata dentro l’area, palla smorzata da un difensore che finisce in bocca al portiere. Poi Cirino Russo s’inventa un eurogoal: riceve palla su un cambio gioco dalla destra, e al volo d’esterno insacca nel “sette” opposto. La reazione ospite si concretizza poco dopo la mezz’ora con un tiro del neo entrato Alessandro che Sanfilippo blocca in tuffo.

Ma il finale è tutto biancazzurro: ci prova due volte Emanuele nel giro di un minuto, prima al volo su assist di Borbone, poi con un rasoterra dal limite, in entrambi i casi senza fortuna. E poi, a sorpresa, passa la Spadaforese: punizione dalla destra, palla in mezzo e Alessandro di testa trova il varco giusto: 1-1. I padroni di casa non ci stanno: Stracuzzi di testa inzucca centrale per la parata del portiere, poi Cirino Russo tenta il bis con un tiro-cross dalla destra che Gambuzza salva in angolo. L’ultima occasione è sul piede di Caruso, tiro che esce di poco.

Taormina     1     Spadaforese    1

Marcatori: 70’ Russo, 82’ Alessandro.

Taormina: Sanfilippo, Sturiale, Laquidara, Mannino, Stracuzzi, Filistad, Emanuele, Catania (60’ Cricchio), Russo, Caruso, Borbone. Allenatore: Santo Giuffrida.

Spadaforese: Gambuzza, Chimirri, Cucé, Broccio, Giglio, Mento, La Macchia (63’ Pagliarin), D’Arrigo, Fugazzotto, La Spada, Vitale (73’ Alessandro). Allenatore: Santino Errante.

Arbitro: Madonia di Palermo.

Ultimo aggiornamento ( Giovedì 23 Giugno 2011 07:16 )

Un turno a Trovato (Taormina) e Camarda (Città di Messina).

Un turno a Trovato (Taormina) e Camarda (Città di Messina).

Comunicati le decisioni del giudice sportivo Piero Accursi relative all’ultimo turno di campionato di Eccellenza. Tra i provvedimenti disciplinari adottati figura il giocatore Trovato (Taormina) che dovrà osserva un turno di stopo, stesso dicasi per Camarda (Città di Messina. Ecco nel dettaglio le decisioni adottati dal Giudice Sportivo:

Tre Giornate:Pizzitola (Akragas);

Due Giornate:Dama (Vittoria), Lasmè (Biancadrano), Pecorino (Acicatena);

Una Giornata:Camarda (Città di Messina), Durante (Spadaforese), Trovato (Taormina), Fornaio (Acicatena), Patelmo (Enna), Ricca (Real Avola), Anastasi e Licciardello (Biancadrano), La Mattina e Spina (Akragas), Brancacci (Caltagirone), Ciscardi e Patti (Vittoria), Vitale (Folgore), Aiello e Milazzo (Ragusa).

Ultimo aggiornamento ( Giovedì 23 Giugno 2011 07:15 )

Mister Santino Giuffrida (Taormina): "Abbiamo una rosa ristretta. Le assenze ci penalizzano"

Mister Santino Giuffrida (Taormina):

Piove sul bagnato per il Taormina di mister Santino Giuffrida, che non solo perde a tempo scaduto una partita che sembrava ormai incanalata sullo 0-0, ma che si vede sottrarre dall’espulsione per doppia ammonizione anche Davide Trovato. Per una squadra arrivata a Ragusa con soli 16 giocatori della prima squadra, costretta a imbottire la rosa di juniores per arrivare a 18, una brutta tegola:

“Speriamo di recuperare qualcuno da qui a domenica – afferma infatti il tecnico biancazzurro – il problema è sempre lo stesso, una rosa troppo ristretta. Basta che manchino uno o due giocatori importanti e andiamo in difficoltà. Figuriamoci quando ne mancano cinque”.

Per quanto riguarda la partita col Ragusa, resta l’amaro in bocca per come la sconfitta è arrivata: “Nel primo tempo – ammette Giuffrida – loro hanno avuto un maggiore dominio territoriale. Ma nella ripresa siamo venuti fuori con personalità, sfiorando anche il goal in almeno tre circostanze. Purtroppo, l’ espulsione di Trovato ci ha costretti a rivedere tutto l’assetto tattico, e poi sull’ennesimo mischione, loro hanno trovato il goal della vittoria. Ma ai miei ragazzi non ho proprio nulla da rimproverare: rimaneggiati com’eravamo, abbiamo giocato alla pari con un avversario di alta classifica”.

I mugugni dalla dirigenza arrivano anche dal direttore sportivo Salvatore Puglisi: “Non parlo mai degli arbitri – sbotta – Ma qualche parola per il direttore di gara di domenica  la devo spendere. Ci sarebbe molto da dire, ad esempio, sul rigore che per fortuna il Ragusa ha sbagliato, concesso per un tocco di mano su cui non poteva esserci volontarietà”.

Ultimo aggiornamento ( Giovedì 23 Giugno 2011 07:15 )

Il Taormina sconfitto a Ragusa: beffato al 92' da un gol di Aiello.

Il Taormina sconfitto a Ragusa: beffato al 92' da un gol di Aiello.

Quando sembra ormai sancito il risultato ad occhiali ed la divisione della posta al 92’ arriva la beffa per il Taormina nell’ultimo assalto del Ragusa. La beffa arriva a tempo scaduto, dopo che il Taormina aveva prima sofferto, poi convinto. Vince però il Ragusa, grazie al goal “trovato” letteralmente al 92’, dopo che gli stessi iblei nel primo tempo avevano sbagliato un rigore, e dopo che il Taormina era rimasto in inferiorità numerica per l’espulsione di Trovato.

La gara: Si parte, e parte forte il Ragusa che, però, si scopre incapace di pungere. Sterile dominio territoriale del padroni di casa, che produce solo qualche mischia che la difesa del Taormina, pur sotto pressione, riesce a neutralizzare. Poi, alla mezz’ora, l’episodio che potrebbe cambiare la partita: un traversone dalla fascia carambola sul braccio di Mannino e per il pessimo arbitro Morabito di Acireale è rigore. Sul dischetto si presenta La Vaccara che però si fa ipnotizzare da Sanfilippo, che respinge. Sembra la replica della gara in casa del Città di Messina: Milazzo di testa angola troppo il tiro. Al  41’ennesima mischia nell’area del Taormina, palla per La Vaccara che tenta la girata, Sanfilippo respinge in angolo, ma si va al riposo sullo 0-0.

Ripresa con un Taormina più ordinato, che prova anche ad affacciarsi dalle parti di Muratore. Per mezz’ora regna sovrano l’equilibrio, al 74’ occasionissima per il Taormina: Muratore sbaglia il rinvio, la palla arriva a Borbone che tenta il pallonetto dalla distanza, a porta vuota: la palla accarezzala parte alta della traversa e finisce sul fondo. Al 76’ Davide Trovato, ben servito sulla sinistra, entra in area e tenta il diagonale, Muratore devia in angolo. Al  79’ bella azione in velocità Randazzo-Borbone-Randazzo, con la conclusione di quest’ultimo che viene bloccata da Muratore L’esuberanza dell’undici di Giuffrida, però, viene spento al  80’quando il Taormina rimane in dieci: il direttore di gara punisce per la seconda volta Davide Trovato con il cartellino giallo, mandandolo anzitempo negli spogliatoi Con l’avversario in dieci, il Ragusa tenta in forcing, ma non riesce a produrre altro che mischie furibonde in area dalle quali la difesa del Taormina in qualche modo riesce a uscire. Al 92’ arriva la beffa per il Taormina: mischia in area biancazzurra, la palla schizza fuori verso Aiello che indovina la conclusione giusta per battere Sanfilippo: 1-0.

RAGUSA 1   TAORMINA          0

Marcatore: 92’ Aiello.

Ragusa: Muratore, Conti (70’ Liguanti), Milazzo, Chiaramonte, Dindigni, Sapienza, Maltese (65’ Gona), Pellegrino, La Vaccara, Arena, Aiello. Allenatore: Corrado Vaccaro

Taormina: Sanfilippo, Sturiale, Trovato, Mannino, Stracuzzi, Filistad, Emanuele, Catania, Borbone (82’ Russo), Caruso, Randazzo (80’ Laquidara). Allenatore: Santo Giuffrida.

Arbitro: Morabito di Acireale.

Espulso: all’80’ Trovato del Taormina.

Ultimo aggiornamento ( Giovedì 23 Giugno 2011 07:15 )

Per la trasferta di Ragusa il Taormina con gli uomini contati.

Per la trasferta di Ragusa il Taormina con gli uomini contati.

Per la trasferta sul campo del Ragusa il tecnico del Taormina ha gli uomini contati, appena 16 i giocatori a disposizione tanto che il trainer deve attingere dalla  juniores. Un momento delicato per la compagine taorminese  in emergenza per la gara valida  per la  quarta giornata di ritorno del girone B del Campionato di Eccellenza, domani pomeriggio in casa del Ragusa.

Infermeria piena per mister Giuffrida, che deve fare i conti con le assenze pesanti, oltre che del lungodegente Fichera, anche di Cricchio, Costanzo, Cariotti e Dardanelli. Per la gara contro il Ragusa che dopo la sconfitta di domenica scorsa contro il Palazzolo in cerca di riscatto,  mister Giuffrida ha convocato 16 giocatori ai quali saranno saranno aggregati due ragazzi della juniores per raggiungere quota 18.

Portieri: Sanfilippo, Andolina.

Difensori: Contiguglia, Filistad, Laquidara, Stracuzzi, Trovato.

Centrocampisti: Caruso, Catania, Emanuele, Mannino, Schiera.

Attaccanti: Borbone, Franco, Randazzo, Russo.

In casa del Ragusa non giocherà contro il Taormina El Elamroui che è stato squalificato per un turno e Vaccaro dovrà trovare un partner per Calogero La Vaccara. Sarà Arena probabilmente a giocare sulla fascia mentre tutti gli altri saranno confermati.


Ultimo aggiornamento ( Giovedì 23 Giugno 2011 07:14 )

Il Città di Vittoria vince la Coppa Italia Eccellenza: 3-2 all'Alcamo.

Il Città di Vittoria vince la Coppa Italia Eccellenza: 3-2 all'Alcamo.

Il Città di Vittoria scrive il suo nome nell’Albo d’Oro della Coppa Italia Eccellenza 2010/11.  Con un gol al 4’ del primo tempo supplementare di Dama nella finalissima di oggi pomeriggio in quel di Licata contro l’Alcamo, il Città di Vittoria si aggiudica l’incontro per 3-2 dopo che i tempi regolamentari si erano conclusi sul punteggio di 2-2, grazie al pareggio del Vittoria giunto al 90’ con Alderuccio.  Ad contendersi a Licata la finale regionale della Coppa Italia,  l’Alcamo per il girone occidentale ed il Città di Vittoria per quello orientale, la vincente  approda ai sedicesimi di finale nazionale  per accedere alla promozione in serie D.

Albo d’Oro Coppa Eccellenza: 2003 Alcamo, 2004 Giarre, 2005 Orlandina, 2006 Akragas, 2007 Alcamo, 2008 Palazzolo, 2009 Città di Bagheria, 2010 Campobello di Licata. In precedenza, la Coppa era unica con le squadre di Promozione, appaiata al Memorial Orazio Siino, altro grande dirigente e progenitore del calcio isolano.

La partita: A dettare subito il ritmo del gioco sono i bianconeri dell’Alcamo che spinge sull’acceleratore andando vicinissimo al vantaggio al 7’ con D’Anna che a tu per tu con il portiere avversario Alonso fallisce incredibilmente la ghiotta occasione. Dopo un minuto è sempre D’Anna protagonista questa volta il suo colpo di testa su assist di Venuti  finisce di poco fuori. Il gol sembrava nell’aria, ma a segnare è la compagine del Città di Vittoria che al primo vero affondo in area avversaria trova il guizzo vincente con Truglio abile ad sfruttare un rimpallo ed superare Chimenti. L’Alcamo non ci sta è si propone  in attacco rendendosi pericoloso al 24’ con Domicoli il cui tiro scagliato dal vertice sinistro dell’area di rigore sorvola di poco la traversa e al 32’ con Perricone da ottima posizione aggancia la sfera ma conclude a lato. Al 43’ l’Alcamo va vicinissimo al pareggio: D’Anna mette al centro Nobile nel tentativo di proteggere l’uscita del proprio portiere tocca la sfera spiazzando Alonso in un classico autogol, invece, il pallone lambendo il palo va fuori. Oltre il gol del vantaggio, il Città di Vittoria si rende periocolo al 25’ sugli sviluppi di un calcio d’angolo tiro angolato di Leone che si spenge sull’esterno della rete.

Nella ripresa l’Alcamo sin dalle prime battute chiude nella propria metà campo il Città di Vittoria con protagonista Alonso che al 55’ devia in angolo un bolide di Di Giuseppe. Al 58’ un colpo di testa di Perricone poco sopra la traversa, al 63’ un difensore del Vittoria salva sulla linea una punizione di Pettinato. Al 64’ arriva il pareggio dell’Alcamo: azione propiziata da D’Anna che appoggia per Di Giuseppe lancio lungo in profondità per la testa di Venuti che trova il guizzo vincente per battere Alonso. La gara diventa spettacolare con continui capovolgimenti di fronte: al 68’ Chimenti compie un miracolo su tiro ravvicinato di Leone.  Risponde il duo D’Anna – Venuti con l’attaccante bianconero da ottima posizione manca il bersaglio alzando troppo la sfera. All’ 83’ arriva il vantaggio dell’Alcamo sugli sviluppi di un calcio di punizione calciato da Calascibetta con la palla che arriva a Piccolo piazzato sul secondo palo di testa batte Alonso. Sembrava fatta quando mancavano sette minuti dal termine, invece, al 90’ arriva il pareggio del Città di Vittoria su colpo di testa di Alderuccio che trasforma in rete un calcio d’angolo di Leone. Si va ai tempi supplementari. Al 4’ arriva il vantaggio del Città di Vittoria: dagli sviluppi di una punizione la palla arriva a Leone di prima mette al centro per Dama che trova il guizzo vincente per superare Chimenti. Nei minuti restanti l’Alcamo le tenta tutte per ristabilire la parità alla fine deve arrendersi al Città di Vittoria.


Alcamo – Vittoria  2 – 2 ( 2-3 d. t.s.)

Marcatori: 18’ Truglio, 64’ Venuti, 83’ Piccolo, 90’ Alderuccio, 4’ p.t.s. Dama
Alcamo: Chimenti, Piccolo, Daidone (87’ Bono), Di Giuseppe V. (83’ Calascibetta), Perricone, Pettinato, D'Anna, Nasca, Domicoli (84’ Scrozzo), Papania, Venuti- All. Ciaramella.

Città di Vittoria: Alonso, Lo Giudice (13’ Maniscalco), Vinci, Raciti, Alderuccio, Nobile, Privitera, Truglio (73’ Dama), Leone, Patti, Romeo. All. Campanella.

Arbitro: Francesco Raciti di Acireale. Assistenti: Alfonso Saieva di Agrigento e Carlo Bellini di Palermo.
Ammoniti: Piccolo, Nasca e Venuti (Alcamo), Alonso e Privitera (Vittoria).


Ultimo aggiornamento ( Giovedì 23 Giugno 2011 07:14 )

Davide Trovato (Taormina): "Era importante tornare a vincere in casa."

Davide Trovato (Taormina):

Da possibile assente a match-winner. Davide Trovato, uscito acciaccato da Trecastagni e in forse fino all’ultimo minuto, scende in campo contro l’Enna e risolve la partita realizzando una punizione e favorendo un autogoal: “Domenica scorsa sono stato sfortunato, costretto a uscire dopo 10 minuti – spiega il difensore biancazzurro – Oggi invece mi è andato tutto bene.

Il primo goal è stata una punizione perfetta, aiutata dalla barriera che si è aperta un po’ permettendomi di calciare proprio dove volevo. Il secondo è stato un cross in mezzo, con il difensore che per anticipare un mio compagno ha insaccato alle spalle del suo portiere”. “Era importante tornare a vincere, e tornare a farlo in casa, dove non accadeva da un po’ – prosegue Trovato – E soprattutto era importante mettere in cascina altri punti per conquistare al più presto la salvezza”.

“Venivamo da un momento poco positivo per tante cose: non avevamo l’organico per affrontare sei partite in un mese, e affrontando le squadre più forti del campionato – spiega invece mister Giuffrida – Abbiamo ritrovato Davide Trovato, che dall’inizio del campionato gioca recuperando all’ultimo momento per problemi alla caviglia. Si è allenato poco e male, ma è un grande professionista e quando va in campo dà sempre il meglio”.

“Se ci riesce di poterci allenare tutti, bene e senza problemi fisici, la squadra non può che crescere – conclude il mister – Domenica è stata una vittoria importante perché arrivata in una giornata in cui ci sono stati molti pareggi. Ma non guardavo la classifica prima, e non la guardo adesso: l’importante è che si riesca a recuperare tutti i giocatori per poter affrontare tutte le partite al meglio”.

Ultimo aggiornamento ( Giovedì 23 Giugno 2011 07:14 )

Altri articoli...
Pagina 4 di 18



Video - Primo Piano


Trasmissione Sportiva

Top menu

Contattaci