Il Presidente del Taormina Gullotta: "Fare sport in Sicilia è molto difficile".

SportJonico.it

lo sport della riviera jonica messinese

Friday
Jun 22nd
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Eccellenza Archivio Eccellenza 2013-14 Il Presidente del Taormina Gullotta: "Fare sport in Sicilia è molto difficile".

Il Presidente del Taormina Gullotta: "Fare sport in Sicilia è molto difficile".

E-mail Stampa PDF
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

In attesa che il suo Taormina scenda in campo per la semifinale play-off contro Siracusa o Misterbianco, il Presidente Giuseppe Gullotta parla del movimento sportivo siciliano in un’intervista rilasciata qualche settimana a Luca Macaluso per TrinacriaNews:

Quali sono le basi per portare avanti, al giorno d’oggi, una società sportiva? “Sicuramente le basi variano dalla categoria e dal tipo di campionato che si decide di affrontare. La base fondamentale ovviamente è quella economica, ma è anche vero che senza un buon progetto, potrebbe non bastare, quindi di conseguenza uno staff dirigenziale che operi con competenza e passione, e sappia appunto gestire la base economica al meglio”.

Cosa significa, secondo Lei, fare sport in Sicilia? “Secondo me fare sport in Sicilia in questo momento è molto difficile, credo che la nostra regione sia tra quelle che soffrono maggiormente l’attuale crisi italiana e di conseguenza andare ad investire soldi nello sport è più svantaggioso rispetto al passato. Ormai una grande percentuale delle persone che decidono di fare sport in Sicilia lo fanno per pura passione più che per investimento vero e proprio”.

Crede che lo sport siciliano venga ben valorizzato? “Per quanto riguarda la valorizzazione dello sport siciliano, io posso parlare del mio settore ovvero quello calcistico, perché onestamente sconosco questo argomento negli altri sport. Anche qui a malincuore devo dire che senza alcun dubbio nel mio ambito lo sport siciliano venga poco valorizzato. Malgrado grandi realtà come Catania, Palermo, Trapani e Messina ancora i giovani hanno davvero poche possibilità di sbocco e valorizzazione. Principalmente il problema di puntare poco sui giovani è la vera e propria pecca del nostro calcio, ma in Sicilia le strade sono davvero poche. Penso che per dare un cambiamento sostanziale a questa situazione, si debba proprio puntare molto sui giovani.

Che messaggio vuole mandare agli sportivi siciliani? “Ai ragazzi siciliani voglio dire che se hanno intenzione di fare questo nella vita, si dedichino con sacrificio e determinazione a quello che è il loro sogno. Sono sicuro che l’impegno, la professionalità e la determinazione alla fine pagheranno gli sforzi. Lo sport è sicuramente l’ambito in cui il motto “volere è potere” vale di più. Colgo l’occasione per ringraziare la redazione di TrinacriaNews24.it perchè è sempre piacevole condividere le proprie opinioni”.

 



Video - Primo Piano


Trasmissione Sportiva

Top menu

Contattaci