Il Personaggio: Francesco Fiorentino, ex Atletico Roccalumera, oggi con il Real Rometta.

SportJonico.it

lo sport della riviera jonica messinese

Thursday
Nov 23rd
  • Cerca
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home L'Intervista della settimana Il Personaggio: Francesco Fiorentino, ex Atletico Roccalumera, oggi con il Real Rometta.

Il Personaggio: Francesco Fiorentino, ex Atletico Roccalumera, oggi con il Real Rometta.

E-mail Stampa PDF
Valutazione attuale: / 3
ScarsoOttimo 

Uno dei protagonisti di questo inizio di stagione del campionato di Seconda Categoria, è senz’altro l’attaccante, un tempo mediano, Francesco Fiorentino che in questa stagione indossa la casacca del Real Rometta. Un giocatore che ha alle spalle diverse esperienze calcistiche, il suo curriculum parla di Messina. Atletico Roccalumera, Polsportiva Mediterranea, Real Gabbiamo, oggi il Real Rometta.

Chi è Francesco Fiorentino? Cerchiamo di conoscerlo attraverso la sua carriera calcistica iniziata nel ruolo di mediano, dopo una pausa di riflessione ritorna sui campi di gioco nel ruolo di attaccante: la tua prima squadra?All’età di nove anni ho indossato la maglia delle giovanili del Messina. Dopo l’esperienza giallorossa mi trasferisco alla Polisportiva Mediterranea rimango fino all’ età di 14 anni giocando nel ruolo di mediano”.

Qui è successo qualcosa hai detto basta al calcio? “ All’età di 14 anni smetto di giocare, ma la voglia torna a farsi sentire a 18 anni e vado a giocare a Milazzo con la compagine del Real Gabbiano in terza categoria, era la stagione sportiva 2007-08, qui inizia la mia carriera di attaccante”.

Nel 2008-09 sulla tua strada arriva l’Atletico Roccalumera? Vado a Roccalumera al suo primo campionato di Terza Categoria, approdiamo in Seconda grazie alla vittoria nella finale play-off con l’Alì. Rimango a Roccalumera anche nella successiva stagione (09-10), dove stravinciamo il campionato di Seconda Categoria”.

Nel 2010-11 il passaggio al Saponara? Dopo due anni con la casacca dell’Atletico Roccalumera mi trasferisco a Saponara, sempre in Seconda Categoria, anche qui perdiamo in casa la semifinale playoff e l’ anno successivo(2011/2012) la finale sul campo del Furci.”

Dopo l’esperienza a Roccalumera arriva il Novara 1965? “ Nell’ultimo campionato ho giocato nel Novara 1965 dove il calcio locale è seguito con passione e ogni domenica assistono alla gara almeno 150 persone”

A Novara hai lasciato un buon ricordo? Certamente, il mio rregalo due derby con due gol (contro il Fondachelli) il Novara non vinceva da dieci anni.”

Adesso il Real Rometta? “ L’ obiettivo è la vittoria del campioato” ”

Come vedi il calcio di Seconda e Prima Categoria rispetto gli anni passati ? “Sicuramente con la crisi il livello si è abbassato ma ci sono squadre con obiettivi vincenti sia in prima che in seconda che giocano un bel calcio con ottimi giocatori”.

L’ allenatore che ti ha dato tanto? “ dal punto di vista calcistico sicuramente Carmelo Campailla che mi ha insegnato con molta "pazienza"come fare il ruolo di attaccante che si sacrifica per la squadra. Anche Francesco Boemi (Saponara) è una persona con la quale c è un rapporto di stima reciproca e di amicizia”

Il giocatore che ti ha dato tanto? “Giuseppe De Salvo (Roccalumera) e Nino De Tommas i(Saponara)- Due giocatori che ti possono fare gol in qualsiasi modo e in qualsiasi momento”

Il gol più bello e il gol più importante? “Il gol contro il Fondachelli nel derby (dribbling a rientrare sulla linea di fondo e tiro sul secondo palo)..il gol più importante "quello di domenica prossima"

Come vedi la stagione attuale? “Vedo favorita la Ramet che ha investito parecchio, subito dopo il mio Real Rometta e l’ Antillese.”

Un giocatore che vorresti giocare che non hai mai avuto l’ opportunità di giocare? “Più che un giocatore mi sarebbe sempre piaciuto giocare per il presidente Orlando Leo e sono stato molte volte vicino a giocare nel Nizza ma alla fine è sempre saltato il trasferimento.”

Una squadra che è nel tuo cuore e una in cui vorresti giocare prima che finisci la carriera? “ Una squadra nel mio cuore sicuramente l ‘Atletico Roccalumera e il Novara. La prima è fallita, vorrei giocare prima di finire la carriera sarebbe tornare a Novara.”

Il tuo sogno nel cassetto a livello Sportivo: “Ricambiare la fiducia di mister Ciappina che mi ha fortemente voluto al Real Rometta. C’ è un solo modo farlo e cioè vincere il campionato.

Come ti vedi a livello sportivo tra 10 anni? “Non mi vedo lontano dal campo e mi piacerebbe fare l’ allenatore”.

Di Giuseppe Carpo

 




Trasmissione Sportiva

Top menu

Contattaci