Troppi ripescaggi in Promozione: livello mediocre del campionato.

SportJonico.it

lo sport della riviera jonica messinese

Thursday
Oct 18th
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Promozione Archivio Promozione 2012/13 Troppi ripescaggi in Promozione: livello mediocre del campionato.

Troppi ripescaggi in Promozione: livello mediocre del campionato.

E-mail Stampa PDF
Valutazione attuale: / 2
ScarsoOttimo 

Il campionato di Promozione si è buttato alle spalle il 2012 con la 1ª giornata dopo il giro di boa posta in archivio. Cosa ha espresso il girone d'andata? Ha rispettato i pronostici? Ma soprattutto è andato secondo le aspettative? Per cercare di dare una risposta a tutti i quesiti tentiamo di analizzare la situazione alla luce di quanto espresso finora da tutte le protagoniste.

Innanzitutto bisogna sottolineare la modestia assoluta del torneo, sia sotto l'aspetto tecnico che organizzativo. A contribuire alla totale modestia del campionato, i molti ripescaggi effettuati dal Comitato Regionale: ben dodici. Francamente troppi e i risultati sono sotto gli occhi di tutti. Molte squadre si sono rivelate non idonee a sostenere il peso dello stesso torneo, senza contare l'ingloriosa fine di società in organico, quali la Scommettendo e il triste calvario dell'Enna.

Analizzando il Girone C, erano partite a spron battuto le due formazioni di Belpasso che, via via, perso lo smalto iniziale, hanno ceduto il passo a formazioni che hanno avuto più continuità. In primis il S. Sebastiano di Calascibetta che soltanto nel recupero contro il Randazzo ha conosciuto l'amaro della prima sconfitta. Lo stesso S. Sebastiano, con una partita ancora da recuperare contro il Pistunina, guida la classifica con 31 punti a pari merito dello Sporting Viagrande che, dopo un inizio balbettante, si è ripreso alla grande, lanciando la sfida per la vittoria finale.

Dietro le due battistrada, a sorpresa, due squadre ripescate: il Randazzo di Egidio Petrullo e il Real Giarre di Maurizio Romeo, rispettivamente a 29 e 28 punti. Così come il Pistunina di Nello Miano, ma con una partita in meno. A seguire, immediatamente a ridosso della zona play off, la Real Belpassese (27 punti) che non ha retto allo stress di primo della classe e il Belpasso (25 punti) che ha già osservato il proprio turno di riposo dopo la cancellazione della Scommettendo. Il Belpasso, tra l'altro, ha sostituito l'allenatore Enzo D'Ignoti con Carmelo Impellizzeri che riprende il proprio ruolo dopo avere avuto le funzioni di ds.

A metà classifica, senza infamia e senza lode, la Fiumefreddese con 22 punti. Dopodichè cominciano le dolenti note. Sono sette le squadre in lotta per evitare i quattro posti dei play out e l'unica retrocessione rimasta. Per le retrocessione diretta, ammesso che riesca a concludere il campionato, è prenotata l'Enna che ha appena un punto, dietro a Real S. Venerina (9 punti), Nicosia (10), Sportinsieme (15), Riviera dello Stretto, Troina e Agira con 16 punti.


 



Video - Primo Piano


Trasmissione Sportiva

Top menu

Contattaci