Pistunina - Randazzo: si rigioca in campo neutro ed a porte chiuse.

SportJonico.it

lo sport della riviera jonica messinese

Friday
Jun 22nd
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Promozione Archivio Promozione 2012/13 Pistunina - Randazzo: si rigioca in campo neutro ed a porte chiuse.

Pistunina - Randazzo: si rigioca in campo neutro ed a porte chiuse.

E-mail Stampa PDF
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

La gara Pistunina – Randazzo sospesa al 20’ del secondo tempo sarà rigiocata a porte chiuse su campo neutro. Come si ricorderà la gara giocata il 4 Novembre scorso è stato sospesa a metà del secondo tempo sul punteggio di 1-1. Cosà è successo in tale circostanza come viene riportato dal referto dell’arbitro:

"Al 18' del 1° tempo, dopo l'allontanamento del dirigente accompagnatore della Società Pistunina, sig. Pinizzotto Alessandro e dell'allenatore della Società Randazzo, sig, Petrullo Egidio Maria, scoppiava una rissa che coinvolgeva dirigenti e calciatori delle due squadre; tra i "protagonisti" della rissa  l'arbitro individuava i calciatori De Salvo Giuseppe e Angerame Mirko (Pistunina) e Santoro Giuseppe e Licciardello Lucio (Randazzo);  successivamente veniva aperto un cancello dal quale invadevano il campo un  paio di tifosi della Società Pistunina; al 20' del s.t. l'arbitro decideva di sospendere definitivamente la gara";

Su tali fatti la Società del Randazzo fa reclamo chiedendo l'assegnazione  della perdita della gara per 0-3 alla Società Pistunina evidenziando il clima  ostile e intimidatorio, indotto dai tesserati della Società consorella, nel  quale si è svolta la gara; evidenzia poi l'aggressione subita dal proprio  allenatore che ha dato origine alla rissa generalizzata che ha portato alla sospensione della gara, nonché l'invasione del campo, a seguito dell'apertura  dei cancelli, di persone che hanno portato a nuove aggressioni nei confronti  di propri calciatori, due dei quali costretti a ricorrere alle cure mediche;  chiede, infine, l'autorizzazione a procedere per vie legali nei confronti dei responsabili, qualora identificati;

Il reclamo presentato dalla Società Randazzo non è stato accolto per la seguente motivazione: va rilevato come il direttore di gara, prima di decidere la sospensione definitiva della gara, non ha adottato tutti i provvedimenti del caso atti a riportare l'ordine in campo e ciò nonostante il mancato emergere  di situazioni di pericolo per la propria incolumità che peraltro non vengono  evidenziate né nel proprio rapporto nè in quelli degli AA.AA.;

Quindi la decisione intrapresa del Giudice Sportivo “ di annullare la gara Pistunina - Randazzo, disponendone la ripetizione in campo neutro ed a porte chiuse; Di infliggere alla Società Pistunina l'ammenda di Euro 300,00. per quanto  addebitabile ai propri sostenitori;

 



Video - Primo Piano


Trasmissione Sportiva

Top menu

Contattaci