Un Mongiuffi nervoso perde malamente conro il Peloro.

SportJonico.it

lo sport della riviera jonica messinese

Tuesday
Jun 19th
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home 3^ Categoria Archivio 3^ Categoria Un Mongiuffi nervoso perde malamente conro il Peloro.

Un Mongiuffi nervoso perde malamente conro il Peloro.

E-mail Stampa PDF

MESSINA - Doveva essere una partita verità per il Mongiuffi , d opo i due pareggi interni contro il Furci e il Savoca.  Invece la gara contro la Peloro, nei primi venti minuti la formazione di mister Marino controllava il gioco dei padroni di casa, anchee se con qualche e piccola disattenzione della retroguardia del Melia. Ptroprio la difesa, sempre attenta e precisa nelle precedenti uscite, commette errori che verranno pagati, poi,  a caro prezzo.

La prima fase della partita è equilibrata,  giocata da ambedue le formazioni, anche  se già , sin dalle prime battute si intravedovano segni d nervosismo nella  compagine del Mongiuffi. L squadra del  Peloro sembra piu spigliata in campo e cerca costantemente d imbastire azioni per scardinare la difesa ospite  e ci riesce intorno al 25'  siglando la rete del momentaneo vantggio. Il Melia nn ci sta e prova a reagire. Ma gli attacchi sembrano sterili, subita la rete i  ragazzi di mister Marino perdono la calma e iniziano a commettere ingenui falli che inevitabilemnte portano a delle ammonizioni chee peseranno non poco nell ‘economia della gara.

Il primo a pagarne le spese: Smiroldo che finisce sul taccuino dell’  arbitro. Il Melia prova ugualmente a ritrovare la calma con  Marcello Longo che  da vero leader della squadra  incitava i compagni a giocare  con tranquillità.  La riscossa parte proprio da una  azione personale di Marcello Longo, fermato  fallosamente dalla difesa locale, dal fallo   nasce l’ azione del pareggio ospite. Punizione battuta da Raneri in  profondità, la difesa della Peloro intercettava l’esecuzione appoggiando  all’ indietro verso il proprio portiere, la sfera veniva intercettata da Francesco Bartolotta che anticipa l’ estremo difensore locale mettendo in rete   in rete la  palla dell'1 -1 provvisorio. La partita sembrava essere favorevole agli ospiti ,  anche perché, subita la rete era la Peloro a essere nervosa, ma il Melia non né  apporfittava  e stupidamente Smiroldo prendeva  i l secondo giallo e lasciando i propri compagni in 10.  Il Melia, nonostante un uomo in meno riesce a tenere  ugualmente fino alla fine del primo tempo.

Nella ripresa il Melia prova a riorganizzarsi  in campo cercando di  sopperire all’ assenza di Smiroldo.  Un aiuto gli viene dato dai padroni di casa  che al 50’  rimangono in 10 per l’espulsione di un proprio difensore,  per un fallo laterale non concesso, protesta vibratamente nei confronti del direttore d gara e si fa cacciare dal campo.  La Peloro complice la giornata non positiva della retroguardia del Mongiuffi  si portava in vantaggio. Sembra piovere sul bagnato ,quando  il capitano Longo, si fa male e deve abbandonare il terreno di gioco,  sostituito da un inesistente e inconcludente  Lotar Santoro.  Da questo momento  finiscono le poche sortite offensive del Melia che prova quanto meno a non subire piu di tanto anche perchè nel frattempo un ancora piu nervoso Raneri dopo la caccia all’ uomo si fa espellere.  Da questo momento  in poi,  solo una squadra era  in campo,  la Peloro che costruisce in sequenza palle gol in grande quantita e solo la mira errata e qualche buon intervento di Curcuruto salvano il gia pensate passivo di  4 -1. La giornata  no del Melia, come detto dovuta al nervosismo, ha provocato  una profonda delusione a tutto l‘ambiente.

Ora tocca  al  mister Marino riportare il sereno nello spogliatoio cercando d individuare quali sono stati gli errori d una squadra che tutto sommato ha  disputato un buon campionato , anche se poteva dare qualcosa in piu in fatto di reti realizzate. Nulla è ancora perduto, c’è ancora  tutto un girone di ritorno per dimostrare il vero valore della squadra che ha ottimi elementi in rosa per conquistare il traguardo prefissato ad inizio stagione vale a dire i play-off ma deve, obbligatoriamente ripartire a testa bassa allenandosi duramente ,per dimostrare gia da domenica in casa contro il Riviera Sud, caricato a mille dopo aver battuto la capolista Furci,che il Melia è una squadra viva, si è tratto solo di una giornata negativa, se pur disastrosa , non puo fermare la rincorsa ai play off.

Mongiuffi: Curcuruto, Santoro A., Bucceri,  Puglia, Smiroldo, Buciunì, Raneri, Taormina, Longo, Bartolotta, Aitinieri. All. Marino.

 



Video - Primo Piano


Trasmissione Sportiva

Top menu

Contattaci