Riccardo Donato si laurea campione italiano juniores sulle strade di Giardini Naxos.

SportJonico.it

lo sport della riviera jonica messinese

Friday
Jan 19th
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home CICLISMO Riccardo Donato si laurea campione italiano juniores sulle strade di Giardini Naxos.

Riccardo Donato si laurea campione italiano juniores sulle strade di Giardini Naxos.

E-mail Stampa PDF
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

La maglia tricolore della categoria Juniores 2011 va a Riccardo Donato che al termine dei 123 Km  del circuito siciliano Giardini Naxos-Mascali-Giardini Naxos taglia per primo il traguardo superando in volata Valerio Conti. Dopo 03:08:43 di gara i 123,5 Km del tracciato giardinese corso alla media dei 39,265 su 160 partenti sono arrivati al traguardo solamente 79 corridori a testimonianza del selettivo percorso scelto dagli organizzatori che ha indotto ben 81 corridori al ritiro.

I big alla partenza: Tutti presenti i grandi favoriti della vigilia, da Cigala della Aspiratori Otelli a Martinelli della Feralpi, a Bonifazio della Team Pbr. Tra tanti big, diversi outsider che sognano di poter conquistare la maglia tricolore riservata alla categoria juniores; tra questi anche Nicola Genovese della Dynatek Sicilia, che guida la pattuglia degli otto siciliani in gara (con lui, Longhitano, Caracciolo, Schipelliti, Calabrese, Ambrogio, Santoro e Cataudella): «Gioco in casa, mi auguro di fare bene – spiega Genovese –. Vincere è possibile, sto attraversando un buon momento di forma, conquistare il tricolore sarebbe la ciliegina sulla torta. Ci credo anche perché il circuito è buono per le mie caratteristiche, un circuito adatto ai velocisti». A seguire la corsa anche un ospite d’eccezione, Rino De Candido, commissario tecnico della nazionale juniores che tra i ragazzi in gara sceglierà gli otto-dieci atleti che parteciperanno ai campionati europei in programma nelle Marche, a Offida.

Start: I ciclisti lasciano la Consolare Valeria, oggi Statale 114, e s’introducono nel circuito di Mascali che percorreranno per nove volte prima di dirigersi di nuovo verso l’arrivo, sempre a Giardini Naxos, contrada Recanati. Il gruppo pedala compatto, e affronta la salita che porta verso Nunziata disturbato solo da un po’di brecciolino lungo il margine destro della strada.

Prima fuga:  Il primo tentativo di fuga si registra al km 15: lo prova il ciclista con la pettorina numero 100 Lorenzo Friscia dell’Aquila Ganzaroli, ma è una fuga di breve durata: il gruppo lo riprende dopo soli 3 chilometri.

Seconda fuga: In quattro tentano la seconda fuga sono Christian Scerbo della Brugherio, Stefano Debellis della team Danieli, Nicola Campigli della Berti Mobili Benassi e Simone Sterbini della Fassa-Bortol, che staccano il gruppo al chilometro 29, e dopo averne percorsi altri 5 mantengono un vantaggio di 28’’   fino a raggiungere il minuto e 16’’ al km 47;  Al km 53 cambia la formazione dei quattro in fuga: si arrende Christian Scerbo, che perde contatto, mentre sui fuggitivi recupera Claudiu Mitrofan della Fdb.

Il Gruppo prende i fuggitivi: Al km 70, finisce la fuga di Debellis, Campigli, Sterbini e Mitrofan: il gruppo all’inseguimento rientra prepotentemente sui fuggitivi, trascinato da un plotone di 17 ciclisti che danno vita a un’azione di forza. Tra loro ci sono Andrea Garosio della Capriolo e Stefano Nardelli della Montecorona, dati nel novero dei favoriti.

Nuovo attacco: Nuova azione d’attacco nel gruppo dei battistrada al km 89 di gara, quando ne mancano poco più di 30 all’arrivo: Federico Capretti della Contri Autozai Tagliaro, Giacomo Forconi della Campi Bisenzio e Gianmarco Cenci della Mengoni Campocavallo forzano il ritmo e riescono a sgranare il gruppo di testa. Li inseguono altri tre atleti, con un distacco di appena 25’’: si tratta di Nicola Campigli, Michele Maggi della Cycling Team Naizzoli e Riccardo Donato della Work Service Brenta. Il resto del gruppo è a 52’’.

Traguardo volante: A tagliare per primo il traguardo volante è Giacomo Forconi. dopo, intorno al km 93, il sestetto al comando si ricompatta, con Campigli, Donato e Maggi che rientrano su Capretti, Forconi e Cenci. Quest’ultimo si stacca però dopo pochi chilometri, in testa restano in cinque. Il resto del gruppo è a 46’’.

Conti all’attacco: Azione tambureggiante di Conti, che forza il ritmo, rientra di prepotenza sui sei di testa, e facendo l’andatura spezza il gruppetto dei battistrada, trascinando con sé Riccardo Donato. Il loro vantaggio è di 37’’ su un’altra coppia, formata da Capretti e Forconi, quando mancano 27,5 km all’arrivo.

Volata finale: Fuori dal circuito di Mascali la corsa accelera bruscamente e scivola via veloce verso il traguardo di Giardini Naxos con le posizioni invariate e il gruppo che recupera sulla coppia Capretti-Forconi. Restano avanti Donato e Conti, con un vantaggio di 10’’ a poche centinaia di metri dall’arrivo. Sul traguardo arriva prima Donato, che alza le braccia staccando in volata Conti. Terzo è Simone Consonni, della Aurea Zanica, che in volata riesce a precedere il resto del gruppo.

Riccardo Donato – neo campione italiano: “ È veramente un sogno speravo di far bene, ma un risultato del genere era troppo grande per poterlo immaginare. Sono stato fortunato a trovarmi nel gruppo di testa, e bravo nell’indovinare la fuga giusta e a quel punto ho capito che potevo giocarmi tutte le mie carte. Dedica a tutta la squadra e allo staff tecnico che ci segue in maniera meticolosa, e alla mia famiglia che mi segue sempre. Un circuito durissimo, un gran caldo che abbiamo sofferto tutti, già nel primo giro ho consumato due borracce d’acqua: una tortura, ma alla fine vincere vale tutta la fatica spesa. Un po’di paura l’ho avuta quando il gruppo ha provato a rientrare negli ultimi minuti, perché sapevo che se si fosse arrivati a un arrivo in volata sarebbe stato tutto più difficile. Ma è andata bene”.

Valerio Conti piazza d’onore:  “Complimenti a Riccardo che è stato più veloce. Avrei dovuto sfruttare forse meglio la salita che, però, non  era abbastanza selettiva. Sono stato bravo a rientrare sui fuggitivi, ma la salita è stata troppo breve per staccare anche Donato, che poi all’arrivo ha saputo fare meglio”.

Simone Consonni medaglia di bronzo: Forse ci si poteva organizzare meglio con la squadra, ma è andata così, va bene. Il rammarico c’è perché non sono riuscito a staccare il gruppo compatto, ma in volata sono riuscito ad avere la meglio su Martinelli, quindi va bene cosi”.

La classifica finale del Campionato italiano su strada juniores, “Trofeo Naxos”:

  • 1) Riccardo Donato     3h08m43s
  • 2) Valerio Conti                st
  • 3) Simone Consonni     a 11’’
  • 4) Davide Martinelli          st
  • 5) Niccolò Bonifazio        st
  • 6) Federico Zurlo            st
  • 7) Luca Pacioni             st
  • 8) Giacomo Peroni         st
  • 9) Andrea Canovi           st
  • 10) Marco Chianese       st

 




Trasmissione Sportiva

Top menu

Contattaci