Zerbo, Graziano, Ventura e D'Agosta: i super cannonieri di Promozione.

SportJonico.it

lo sport della riviera jonica messinese

Monday
Jul 23rd
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Promozione Archivio Promozione 2010/11 Zerbo, Graziano, Ventura e D'Agosta: i super cannonieri di Promozione.

Zerbo, Graziano, Ventura e D'Agosta: i super cannonieri di Promozione.

E-mail Stampa PDF

Attaccanti, cannonieri, bomber, goleador, capocannonieri:  questi alcuni termini per indicare un giocatore che segna numerose reti nel corso di una stagione o nel corso della sua carriera calcistica. Giocatori che con il loro “gol” fanno esultare le proprie tifoserie, oltre ad trascinare con le loro marcature la propria squadra alla vittoria. Nel campionato di Promozione stagione 2010-11 nei quattro gironi siciliani si sono laureati “capocannonieri” quattro goleador di razza: Gaetano Zerbo (San Giovanni Gemini), Massimiliano Graziano (Città di Bagheria), Alessio Ventura (Atletico Catania) e Fabio D’Agosta (Comiso).

Girone A: Classe 1982, Gaetano Zerbo è stato in questa stagione il trascinatore del San Giovanni Gemini. «Venti gol? Un bel bottino che dedico a tutto l'ambiente che è molto caloroso e segue la squadra con grande passione. Il loro calore è stata la nostra forza». Non è arrivata, però, la promozione in Eccellenza, sfumata nella finale play off persa contro la Palermitana: «È stata una stagione speciale. Il gol più bello l'ho segnato al Campofranco. Da queste parti è una sfida molto sentita dai tifosi. Il più fortunato, forse, quello siglato al Dattilo».
Un bottino non indifferente, quello stagionale per l'attaccante palermitano ambidestro, che è una garanzia di affidabilità nei campionati dilettantistici. «Ho giocato nel Villabate, Altamura, Terrasini. Lo scorso anno ero al Ribera, stagione straordinaria condita da 20 gol».

La classifica marcatori.

  • 20 reti: Zerbo (San Giovanni Gemini)
    18: Marrone (Dattilo)
    15: Argento (Cianciana 2000)
    14: Tummarello (Città di Terrasini), Melillo (Riviera Marmi Custonaci)
    13: Scillufo (Atletico Campofranco), Rustico (Campobello di Mazara)

Girone B: Un percorso d'eccellenza per il bomber del Città di Bagheria, Massimiliano Graziano. Il suo curriculum è di tutto rispetto: «Ho scelto il lavoro al calcio. Sono tornato a Palermo per rilevare un'attività commerciale di famiglia. Non ho voluto aspettare la fine della mia carriera. E devo dire che, da quando ho maturato questa decisione di vita importante, ho ottenuto successi importanti. Mi esprimo decisamente meglio». Cresciuto nel Ribolla, allenato da Rosario Greco, Graziano è passato all'Alessandria, dove ad allenarlo era un certo Roberto Pruzzo: "Da un bomber così ho imparato tutti i segreti". E, poi, arrivò la parentesi con il Torino, allenato da Giacomo Ferri. Tutte firme d'autore. Due anni nell'Imolese, quattro nel San Lazzaro, uno nella Centese».Il calcio è ora un divertimento puro: «Spero di divertirmi a suon di gol ancora per molto tempo».
Classifica marcatori
:

20 reti: Graziano (Città di Bagheria)
16: La Vardera (Palermitana)
13: Giaconia (Atletico Caltavuturo)
12: Reina (Sporting Arenella Palermo)
11: Brusca (Audace Città di Monreale), Biondo (Mazzarrà), Hien Sansan (Vigor Vespri Sicilia

Girone C: Per ogni gol stagionale Alessio Ventura ha riservato una dedica speciale alle quattro nipotine Virginia, Sofia, Carola e Greta. «Per il gol più importante - ricorda l'attaccante dell'Atletico Catania, promosso in Eccellenza - segnato al Villafranca la dedica è stata collettiva. In quella gara abbiamo conservato grazie a quel pareggio il vantaggio di tre punti sui messinesi».
Stagione intensa e brillante quella per l'attaccante atletista: «È stata trionfale direi. Abbiamo vinto perché l'Atletico ha avuto un gruppo stupendo. Puoi avere i più forti giocatori in squadra ma se non c'è l'unione non si va da nessuna parte». Ventura riserva un pensiero anche al tecnico Richichi: «Andrà avanti, ne sono convinto. La sua forza si basa sul rapporto che costruisce con i giocatori. E' un motivatore nato che cura molto la tattica di squadra»

Classifica Marcatori:

  • 18 reti: Ventura (Atletico Catania)
  • 17: Di Blasi (Villafranca)
  • 16: Carbonaro (Atletico Riposto), Piuma (Spar)
  • 15: Garozzo (Fiumefreddese), Ardizzone (Spar Calcio)
  • 14: Sciuto (Troina)

Girone D: È uno dei giocatori più amati a Comiso, Fabio D'Agosta. Il «cecchino» infallibile ha chiuso la stagione con 21 reti all'attivo. «Dal punto di vista personale mi reputo soddisfatto, perché in questi due anni ho raggiunto diversi obbiettivi - ammette D'Agosta - l'anno scorso la vittoria nei play off e quindi il salto in Eccellenza col Santa Croce. Quest'anno, invece, ho guadagnato il titolo di capocannoniere del campionato e ho migliorato il mio score personale rispetto allo scorso anno». La stagione a Comiso è stata da incorniciare, nonostante lo sfortunato epilogo finale: «Abbiamo concluso al terzo posto, perdendo la finale del girone solo ai calci di rigore. Ma non dimentichiamoci che siamo stati per due mesi in testa alla classifica con un gruppo di giocatori giovanissimi. Due i gol più belli, segnati allo Sporting e alla Leonzio».

Classifica Marcatori:

  • 21 reti: Fabio D'Agosta (Comiso)
  • 20: Corallo (Or.Sa. Ragusa)
  • 18: Arpidone (Leonfortese), Ousmane (Sporting Battiati)
  • 16: Ascia (Atletico Gela), Cinnirella (Comiso), Di Blasi (Enzo Grasso), Costanzo C. (Leonzio)
  • 15: Messina (Leonzio)
  • 14: Brugaletta (Comiso), Catinello (Enzo Grasso)
 



Video - Primo Piano


Trasmissione Sportiva

Top menu

Contattaci