Luciano Dardanelli (Taormina): "Creamo molto ma non siamo concreti sotto porta ".

SportJonico.it

lo sport della riviera jonica messinese

Saturday
Nov 18th
  • Cerca
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Eccellenza Archivio Eccellenza Luciano Dardanelli (Taormina): "Creamo molto ma non siamo concreti sotto porta ".

Luciano Dardanelli (Taormina): "Creamo molto ma non siamo concreti sotto porta ".

E-mail Stampa PDF

Non è bastato l’impegno personale di Luciano Dardanelli per portare punti da un “Bacigalupo” sempre più stregato. E’ arrivata una sconfitta per mano del Real Avola che lascia l’amaro in bocca anche perché il Taormina, anche in inferiorità numerica, non ha demeritato:

“E’ capitato spesso quest’anno, di creare tante occasioni, ma di essere poco concreti – osserva il forte centrocampista peloritano – Serve maggiore esperienza: come oggi, ad esempio, dove in qualche situazione siamo stati ingenui. Continuiamo a fare buone prestazioni, ma mancano i risultati. Adesso bisogna cominciare a fare punti” Magari già a partire da mercoledì’, quando si andrà in casa di un Paternò che si è parecchio rafforzato:

“Sembrava aspettasse noi per rifarsi la squadra – commenta Dardanelli - dovremo cercare di fare punti lì perché poi abbiamo due gare in casa ma contro Vittoria e Adrano. E’ vero però anche che contro le squadre migliori ci troviamo anche meglio, perché ci lasciano giocare. Speriamo solo di essere fortunati e portare a casa qualche punto in più”.

Mister Santo Giuffrida invece ha il dente avvelenato in particolare contro chi, con un fallo tanto ingenuo quanto cattivo, ha lasciato in dieci la squadra nel momento in cui stava tentando la rimonta: “Se Trovato ha davvero fatto quello che ha fatto si è meritato la squalifica – sbotta – Un giocatore di Eccellenza non deve permettersi di fare certi gesti. Chi ha sbagliato deve pagare: certe cose io non le accetto, e se davvero Trovato ha colpito l’ avversario a palla lontana, non posso che biasimarlo per quello che ha fatto e per il danno che arrecherà alla squadra”.

In quanto alla partita, il mister allarga le braccia rassegnato: “Le partite nascono in un modo e a volte i cambiamenti sono un rimedio peggiore del male –spiega – Oggi la squadra non mi è piaciuta, mi aspettavo qualcosa in più. E’ vero che non meritavamo di perdere, ma alla fine è il campo che decide il risultato. E’ un momento no, andiamo sempre sotto per errori dei singoli, magari altre volte siamo riusciti a recuperare, ma oggi no. Rimbocchiamoci le maniche e cerchiamo di tornare a fare risultato a partire da mercoledì: quella di Paternò è una gara fondamentale per questo Taormina”.

Ultimo aggiornamento ( Giovedì 23 Giugno 2011 07:08 )  



Video - Primo Piano


Trasmissione Sportiva

Top menu

Contattaci