La matricola Real Avola impone lo 0-0 al Città di Messina.

SportJonico.it

lo sport della riviera jonica messinese

Saturday
Jul 21st
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Eccellenza Archivio Eccellenza La matricola Real Avola impone lo 0-0 al Città di Messina.

La matricola Real Avola impone lo 0-0 al Città di Messina.

E-mail Stampa PDF

Termina in parità tra le due pretendenti alla vittoria finale: la terribile matricola Real Avola e la corazzata Città di Messina. Un risultato ad occhiali, senza l’emozione del gol, ma piacevole giocato sul neutro  “Angelino Nobile” di Lentini con le due formazioni  che si sono affrontate senza esclusioni di colpi con l’unico obiettivo di brindare il debutto in campionato con una vittoria. Entrambi gli allenatori devono fare a meno degli degli squalificati Ulma, Casisa e Marziano (Real Avola), Santamaria e Panarello (Città di Messina). La prima frazione di marca ospite con i ragazzi di Saro Foti utilizzando perfettamente il contropiede e con le ripartenze di Cannavò e Pirrotta, hanno messo in difficoltà la retroguardia locale. Al rientro in campo, invece, sono i rossoblu di casa più incisivi e determinati assoluti padroni della zona nevralgica di centrocampo.

Cronaca: partenza lanciata del Real Avola che dopo tre minuti costruiscono la prima  palla gol  con l’attaccante Sirugo nominato  “Attila” dai tifosi locali,  che fa fuori come birilli due difensori messinesi, appena in area viene messo giù con il direttore di gara che indica di continuare tra le proteste dei tifosi. La prima vera palla gol giunge al 30’ con Costanzo su assist di Intagliata, spedisce il pallone sopra la traversa. Sterile reazione della Città di Messina con Cannavò che prima ci prova al 32’  la cui conclusione viene intercettata in recupero dal difensore Mangiameli e 36’ con un tiro da fuori trova pronta la risposta di Tarantino.

Nella ripresa un Real Avola più vivace che alza il baricentro con Nastasi e Cilio che prendono per mano la squadra imprimendo un pressing asfissiante con il Città di Messina che regge abbastanza bene le iniziative locali. Al 47’, una bella girata di Vaccaro, ben imbeccato al limite dell’area ospite dal preciso cross di Intagliata con il pallone che termina alto. Al 50’ è ancora Intagliata passaggio filtrante per Costanzo che non trova il guizzo vincente. Il Città di Messina non sta certamente a guardare facendosi vedere in area avversaria con un colpo di testa del neo entrato Tindaro  Calabrese. Le squadre si allungano si assiste ad continui capovolgimenti di fronte. A dieci minuti dalla fine il Città di Messina sfiora il colpaccio: punizione dalla distanza di Camarda,  Tarantino respinge con la sfera che arriva sui piedi di Calabrese  a pochi passi dalla linea bianca  non riesce a concretizzare in rete.  Nei minuti finali ultimi assalti del Real Avola prima con Arena che un bolide dalla distanza e con un colpo di testa di Costanzo che trova sempre l’attenta parata di Paterniti. Si conclude con uno risultato ad occhiali al triplice fischio finale, tutto sommato un pari giusto con le due formazioni che saranno sicuri protagonisti in campionato.

Real Avola 0  Città di Messina 0

Real Avola: Tarantino, Mangiameli, Saraceno, Nastasi, Unniemi, Ricca, Vaccaro (18’ st Arena), Cilio, Costanzo, Intagliata, Sirugo (40’ st Messina) All. De Leo.

Città di Messina: Paterniti, Cucinotta, Mondello, Librizzi (29’ st Cappello), Di Napoli, Cammaroto, Pirrotta (42’ st Pulejo), Assenzio, Bonsignore (15’ st Calabrese), Camarda, Cannavò. All. Foti.

Ammoniti: Librizzi, Cappello, Camarda, Ricca, Mangiameli e Arena.

Arbitro: Fichera di Catania.  Assistenti Nigito e Peluso di Ragusa.

Ultimo aggiornamento ( Giovedì 23 Giugno 2011 06:48 )  



Video - Primo Piano


Trasmissione Sportiva

Top menu

Contattaci