La Spadaforese elimina dalla Coppa Italia il Città di Messina.

SportJonico.it

lo sport della riviera jonica messinese

Saturday
Jul 21st
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Eccellenza Archivio Eccellenza La Spadaforese elimina dalla Coppa Italia il Città di Messina.

La Spadaforese elimina dalla Coppa Italia il Città di Messina.

E-mail Stampa PDF

La squadra favorita per la vittoria finale nel campionato di Eccellenza, Città di Messina stecca la prima. Ad eliminare i ragazzi di Foti  dalla Coppa Italia è stata la Spadaforese. Dopo aver vinto la gara di andata la compagine tirrenica, nella ripresa si porta in vantaggio grazie alla rete di Cariolo mettendo una serie ipotetica al passaggio del turno, nonostante in un finale in cui i locali riescono a ribaltare il risultato che rimane sul punteggio di 2-1 al fischio finale dell’arbitro Mirrione.

Una gara caratterizzata da tre espulsi e nove ammoniti, iniziata male è finita peggio per il Città di Messina.  C'è voluto un gran finale in nove contro dieci e un Tindaro Calabrese in grande spolvero per lui 25 minuti in campo (un gol e un assist) per evitare l'onta della sconfitta casalinga. Brutti e inspiegabilmente nervosi nella prima frazione. Anche se, in questa circostanza, pesano e non poco, alcune decisioni del direttore di gara alquanto opinabili.  La Spadaforese ha ottenuto quello che alla vigilia poteva sembrare impensabile, si gode la qualificazione. Ha giocato secondo le proprie possibilità contenendo le sfuriate dei più quotati avversari cercando di fiondarsi in avanti con un Silvano Cariolo in forma smagliante pronto a castigare i giallorossi al primo errore, per lui due gol (l'altro l'ha messo a segno all'andata), e un palo sull'1-0.

Cronaca: La prima frazione di gara non riserva particolari emozioni: controtendenza la ripresa: dopo sei minuti di gara la Spadaforese si porta in vantaggio con il bomber Cariolo. Dagli sviluppi di un calcio di punizione di Foresta la palla va a stamparsi sul palo sulla ribattuta si butta come un rapace Cariolo che in spaccata mette alle spalle del neo acquisto Machmach. Pronta la reazione dei padroni di casa: al 54’ ci prova Bonsignore con un colpo di testa, due minuti più tardi sempre di testa è la volta di Cammaroto  che va a colpire la traversa. La Spadaforese si difende con ordine pronta ad rapide ripartenze che la portano vicino al raddoppio al 58’ con Cariolo che colpisce il palo.

Il Città di Messina continua nel suo pressing rendendosi pericoloso soprattutto su azione da calcio da fermo: 65’ Cammaroto, 78’ Camarda.  Al’84’ calcio di punizione calciata da Assenzio per testa di Calabrese che questa volta trova il varco giusto per mettere in rete. Raggiunto il pari, il Città di Messina cerca la vittoria, protagonista sempre Calabrese che fa fuori la retroguardia ospite ed serva un perfetto assist da mettere in rete per l’accorrente Pirrotta.  Pressing finale del Città di Messina per il gol-qualificazione che non arriva per il  triplice fischio finale del direttore di gara con la conseguente esultanza per i giocatori della Spadaforese per il passaggio del turno alla vigilia impensabile, invece, nel calcio nulla appare scontato.

Città di Messina 2 Spadaforese 1

Marcatori: 51’ Cariolo, 84’Calabrese, 88’Pirrotta.

Città di Messina: Machmach, Cucinotta (55’Cannavò), Mondello, Santamaria, Di Napoli , Panarello, Pulejo (17'Cammaroto), Assenzio, Bonsignore (60’ Calabrese), Camarda, Pirrotta . All. Foti.

Spadaforese: Caragliano, Cordima, Pagliarin, Polimeni, Giglio, Foresta, Cariolo (65’Vitale), Broccio, La Spada  (90’ Sindoni), Platania (67’Comandè), Durante.

Ammoniti: Santamaria, Di Napoli, Cammaroto, Assenzio, Polimeni, Durante, Broccio, Pagliarin e Caragliano.

Espulsi: 12'Di Napoli e Giglio, al 81’ Camarda

Arbitro: Mirrione di Barcellona. Assistenti: Pizzino di Messina e Cusumano di Barcellona

Ultimo aggiornamento ( Giovedì 23 Giugno 2011 06:47 )  



Video - Primo Piano


Trasmissione Sportiva

Top menu

Contattaci