La Jonica stoppata in casa (0-0) da un arcigno Fc Motta. Nel finale espulsi Ninkovic e mister Costantino.

SportJonico.it

lo sport della riviera jonica messinese

Saturday
Jan 18th
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

La Jonica stoppata in casa (0-0) da un arcigno Fc Motta. Nel finale espulsi Ninkovic e mister Costantino.

E-mail Stampa PDF
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

Il 2020 si apre come si era concluso il 2019, ovvero con un pareggio fra le mura amiche del Valerio Bacigalupo per la Jonica che impatta (0-0) contro un buon Motta nella prima giornata di ritorno, una frenata d’arresto che allontana ulteriormente i giallorossi non solo dalla vetta (-11), ma perdono contatto dal Milazzo (secondo) a +4, prossimo avversario dei ragazzi di mister Dario Costantino che adesso si deve anche guardare alle spalle dalla rincorsa dello Sporting Taormina e dal Motta (30 punti).

Una gara non certo spettacolare con la Jonica a cercare a fare la gara, di contro un Motta ben organizzato con ottime individualità ben disposto tatticamente chiuso nella propria metà campo, pronto a colpire per quelle poche volte che si è avvicinato in area giallorossa.

Una gara con un finale che ha visto nel giro di pochi minuti, l’espulsione di Nikonvic, siamo al 90’ grande agilità di gambe con il pallone fra i piedi dell’argentino che cade a terra, i padroni di casa reclamano il calcio di rigore, non è dello stesso avviso il direttore di gara che mostra il secondo giallo per simulazione e cartellino rosso per il numero 7 giallorosso.

Non è convinto della decisione dell’arbitro neanche mister Dario Costantino che forse protesta più del dovuto ed viene mandato anzitempo negli spogliatoi, poi al triplice fischio finale, espulso anche Lombardo.

Termina con il risultato ad occhiali una gara dove il pareggio alla fine è il risultato giusto, la Jonica ha avuto il predominio territoriale del campo, ma non è riuscita veramente con lucidità a trovare il varco giusto per portare a casa la vittoria, questa volta non ha portato fortunato, come ormai siamo abituati da mister Costantino, l’entrata in campo nella parte finale di gara del funambolo Alessio Savoca che nei precedenti incontri è stato decisivo a vincere o recuperare un risultato.

Mister Costantino a fine gara ha dichiarato: “Ancora solo un punto raccolto, nonostante una buona gara contro un arcigno avversario. Facciamo mea culpa delle occasioni sprecate e rimettiamoci a lavoro con la concentrazione e l'impegno di sempre”. Adesso testa alla prossima gara esterna sul campo del Milazzo,  una partita che vale molto più di semplici tre punti, una gara crocevia per il cammino giallorosso in campionato.

Jonica Fc   0      Fc Motta   0

Jonica Fc: Pontet, De Zan ( 68’  Lombardo), G. Savoca, Gallardo ( 82’ A. Savoca), Sanfilippo, Lucero, Ninkovic, Cardia (80’ Puglisi), Ortiz (90’ La Forgia), Scotti, Marchiafava ( 74’Saglimbeni). All: Dario Costantino.

Fc Motta: Tabascio, Tedeschi (62’ Nicolosi), Oliveri (47'Romano), Basile, Amore, Coniglio, Capilli, Regalino, Platania, Montalto, Garozzo. All:

Arbitro: Gaetano Milone di Barcellona P.G. Assistenti: Fabio Amata di Barcellona P.G. e Marco Chillè di Messina.

Ammoniti: Regalino(M), De Zan e Ninkovic (Jonica), Regalino, Oliveri, Amore (Motta)

Espulso: 90’ Ninkovic (doppio giallo per simulazione), 91’ Dario Costantino (Jonica) e 92’ F. Lombardo (Jonica).

La gara: Al Valerio Bacigalupo di Taormina di fronte la terza forza del campionato, i padroni di casa della Jonica e la compagine catanese del Motta (quarta in classifica dietro di un solo punto), per la prima gara del 2020 valevole per la prima di ritorno.  I giallorossi di casa si presentano al via con un 4-2-3-1 che vede il ritorno da titolare dell’attaccante Marchiafava.

L’avvio fa ben sperare, già al 3’ Ninkovic fa proseguire lungo la corsia laterale sinistra Marchiafava che pennella al centro un pallone per la testa di Ortiz, un’imbeccata insidiosa che viene neutralizzata da Tabascio in uscita che anticipa l’intervento dell’argentino. Al 10’ la Jonica va in rete con un colpo di testa di Lucero su un traversone dalla destra, ma il direttore di gara annulla per fuorigioco. La Jonica crea gioca, al 15’ il giovane scugnizzo napoletano Scotti si destreggia bene con una serie di dribbling in area, che risultano inefficaci per la debolezza della conclusione. Al 23’ la Jonica reclama un calcio di rigore su intervento  del numero sei avversario Coniglio su Sanfilippo, l’arbitro fa proseguire.

La gara ristagna a centrocampo, al 30’ un affondo pericoloso del Motta poteva portare la squadra ospite in vantaggio: azione che parte dal centrocampo con la sfera che arriva a Garrozzo che cambia gioco sul lato opposto sinistra-destra per Platania, il numero nove ospite mette in area un pallone appostato sul secondo palo intercetta la conclusione l’intervento di De Zan che manda in angolo.  Il Motta chiude ogni varco d’accesso nella propria area, ci prova da fuori Cardia facile preda di Tabascio, idem per Ninkovic su punizione defilata sulla destra.

Prima dell’intervallo ancora la Jonica cerca di sorprendere gli avversari un lungo lancio dalle retrovie con la sfera che arriva a Ortiz che addomestica il pallone in mezzo a tre difensori, ne salta uno, scarica su Scotti tiro da fuori che non crea pericoli a Tabascio.

La ripresa inizia con un tiro da fuori di Ninkovic sopra la traversa, la gara non riserva veri emozioni, sul taccuino una punizione di Ninkovic per il colpo di testa centrale non troppo forte di Cardia. Al 70’ dalla mediana lungo lancio di Cardia in area per Lucero che fa da sponda per Ortiz al centro area prova a girarsi ma spara alto sopra la traversa. La Jonica pressa al 37’  calcio d'angolo di Ninkovic, deviato da un difensore avversario ma verso la sua porta, portiere battuto ma pallone che fa la barba al palo terminando la sua corsa sul fondo. Altra opportunità per sbloccare il risultato al 89’ Lucero che incoccia un cross di Giuseppe Savoca dalla destra, la sua incornata è troppo centrale e Tabascio respinge. Al 90’ l’episodio già raccontato all’inizio, arriva il triplice fischio finale che decreta la parità con un finale che vede la  doppia espulsione di Ninkovic, secondo giallo per simulazione, e Costantino per proteste.

 




Trasmissione Sportiva

Top menu

Contattaci