"Squalifica e multa" dal Tribunale Federale Territoriale al Presidente e alla Società del "Città di Roccalumera" per aver in panchina "un tecnico non regolarmente tesserato".

SportJonico.it

lo sport della riviera jonica messinese

Thursday
Mar 21st
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home 2 ^ Categoria "Squalifica e multa" dal Tribunale Federale Territoriale al Presidente e alla Società del "Città di Roccalumera" per aver in panchina "un tecnico non regolarmente tesserato".

"Squalifica e multa" dal Tribunale Federale Territoriale al Presidente e alla Società del "Città di Roccalumera" per aver in panchina "un tecnico non regolarmente tesserato".

E-mail Stampa PDF
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

Con specifico comunicato N. 337  il Tribunale Federale Territoriale guidato dal Presidente Ludovico La Grutta,  avv.ti Giovanni Bertuglia, Sandro Geraci, e dal Dott. Roberto Rotolo quest’ultimo con funzioni di Segretario, con la partecipazione del Rappresentante della Procura Federale Avv. Barbagallo Gianfranco, nella riunione del 5 Marzo 2019, accoglie parzialmente la richiesta di deferimento da parte della Procura Federale nei confronti  del Presidente Antonino Sterrantino del Città di Roccalumera squalificato  per due mesi, oltre un’ammenda di 300,00 Euro alla Società.

Il tutto risale alla scorsa stagione sportiva 2017-18 con il Città di Roccalumera in Seconda Categoria, il Presidente Sterrantino lo scorso 18 Gennaio 2019 è stato deferito dalla Procura Federale  con nota prot. 7251/180 “ per la violazione dei doveri di lealtà, correttezza e probità di cui all'art. 1 bis comma 1 e 5 C.G.S. in relazione all’art. 38 comma 1 N.O.I.F. e agli artt. 33 e 44 del Regolamento del Settore Tecnico – si legge nel comunicato - per non aver tesserato un allenatore iscritto al Settore Tecnico e per aver consentito o comunque non impedito al sig. Cacciola Carmelo di svolgere nella stagione sportiva 2017-2018 l’attività di tecnico della squadra militante nel campionato di Seconda Categoria, senza che il predetto fosse regolarmente tesserato per la medesima società;

Deferimento Società Città di Roccalumera: la Procura Federale ha deferito anche la Società si legge nella missiva “ per responsabilità diretta e oggettiva ai sensi dell’art. 4 comma 1 e 2 C.G.S. in relazione alle condotte poste in essere dal proprio Presidente Sig. Sterrantino Antonino Cosimo e dal Sig. Cacciola Carmelo.

All’udienza le due parti deferite non si sono presentate: “Nel’udienza dibattimentale le parti deferite – si legge nel comunicato - benchè regolarmente convocate, non hanno fatto pervenire nei termini memorie difensive o documenti a discolpa, né si sono presentate”.

La prima sentenza da parte della Procura Federale: “mesi sei di inibizione a carico del sig. Sterrantino Antonino Cosimo, Presidente della società Pol. D. Città di Roccalumera all’epoca dei fatti; ammenda di € 600,00 a carico della società Pol. D. Città di Roccalumera”.

L’indagine del Tribunale Federale Territoriale: “dai documenti prodotti che in occasione delle gare del campionato di Seconda Categoria stagione sportiva 2017-18, disputate dalla Pol. D. Città di Roccalumera, è stato indicato quale allenatore il sig. Cacciola Carmelo, tecnico non regolarmente tesserato per la società oggi deferita”.

Il Tribunale Territoriale ritiene fondato il deferimento: “avendo il Presidente della Pol. D. Città di Roccalumera Sig. Sterrantino Antonino omesso di ottemperare agli obblighi nascenti dalle indicate norme di disciplina e regolamentari. Ne deriva altresì la responsabilità diretta e oggettiva della Società deferita, nel cui interesse sono state espletate le attività come sopra contestate”.

La decisione del Tribunale federale Territoriale “ … trovare solo parziale accoglimento le richieste della Procura Federale… dispone…:

mesi due di inibizione a carico del sig. Sterrantino Antonino Cosimo, Presidente della società Pol. D. Città di Roccalumera all’epoca dei fatti;

ammenda di € 300,00 a carico della società Pol. D. Città di Roccalumera.

La presente delibera va notificata alle parti e alla Procura Federale. Le sanzioni adottate saranno esecutive a decorrere dalla data di comunicazione delle stesse alle parti in osservanza degli artt. 35 comma 4.1 e 38 comma 8 del C.G.S.

 



Video - Primo Piano


Trasmissione Sportiva

Top menu

Contattaci