B/2 - Il ritorno del "libero volante": al suo ingresso Palabucalo "in delirio".

SportJonico.it

lo sport della riviera jonica messinese

Tuesday
Sep 25th
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home VolleyFemminile B/2 - Il ritorno del "libero volante": al suo ingresso Palabucalo "in delirio".

B/2 - Il ritorno del "libero volante": al suo ingresso Palabucalo "in delirio".

E-mail Stampa PDF
Valutazione attuale: / 2
ScarsoOttimo 

Certe emozioni non si possono descrivere, li può carpire solo chi viene colpito dall’attimo emozionale nei momenti particolari che sono indescrivibili, ma che restano sicuramente nella mente, nei ricordi di chi ha vissuto una gioia immensa , forse inaspettata di vedere attorno a lei tanto affetto e amore.

Chissà cosa avrà pensato nel momento in cui coach Nino Gagliardi si è rivolta al “libero volante”: adesso tocca a te……..siamo al terzo set della gara Villa Zuccaro Farmacia Schultze – Sifi Kondor Catania, con il punteggio di due set a zero per la squadra di casa, con le atlete biancoceleste sul terzo parziale 24-12, con un Palabucalo gremito è festante che esplode in un lungo applauso, mentre la Curva Conti con gli “Eagles” intona il suo nome:  il libero volante dopo un paio di mesi di assenza (infortunio al ginocchio con conseguente intervento chirurgico) rimette piede sul parquet, fino al quel momento aveva sofferto, aveva gioito, aveva incitato e sostenuto le compagne al raggiungimento dell’obiettivo della vittoria, adesso quella adrenalina vissuta in panchina, cambia location non più la panca ma il parquet amico di tante battaglie ricco di bei ricordi, tocca a lei al numero 16  biancoceleste avere nelle proprie mani il primo match-point vincente della gara.

Il “libero volante” va alla battuta proprio sotto la curva dei tifosi che l’acclamano, battuta dell’ultimo punto che arriva subito dopo su errore degli avversari che mandano fuori: è l’apoteosi di una gara vinta “magnificamente” con un delirio indescrivibile.

La gioia del “libero volante”, è indescrivibile si legge nell’espressione del suo volto, l’emozione è tanta (scappa anche qualche lacrimuccia), non poteva mancare l’abbraccio di due “compagne particolari” il capitano Rania e  della veterana Diomede“ abbiamo vinto anche per te”.

Il “libero volante” la romana – santateresina trattiene a stento le lacrime, pur “zoppicando” partecipa allo show classico di ogni fine gara, un rapporto viscerale tra le “beniamine” e la tifoseria guidata dai sempre insuperabili “Eagles”, in quel momento in un colpo mette  alle spalle “l’infortunio” i momenti difficili, il presente è solo gioia, ritorna a condividere il successo con la compagne e i tifosi, è pura “adrenalina.”

Non è finita, un’altra sorpresa è in arrivo per il “libero volante” quando lo speaker annuncia “il premio Limone Gioielli” va a Federica Pietrangeli, lei è incredula ma la gioia è tanta……….un premio dato non per i suoi 40 secondi sul parquet, ma un segno di gratutidine, di affetto,  di amore, di passione, di riconoscenza per la grinta, la determinazione,  per il ruggito del “libero volante” un incitamento per la sua guarigione: ben tornata Federica Pietrangeli.

 



Video - Primo Piano


Trasmissione Sportiva

Top menu

Contattaci