Il Giudice Sportivo assegna al Pompei (3-0) la gara sospesa con il Piedimonte. Alla Società etnea 300,00 Euro di multa.

SportJonico.it

lo sport della riviera jonica messinese

Sunday
Nov 18th
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home 1^ Categoria Il Giudice Sportivo assegna al Pompei (3-0) la gara sospesa con il Piedimonte. Alla Società etnea 300,00 Euro di multa.

Il Giudice Sportivo assegna al Pompei (3-0) la gara sospesa con il Piedimonte. Alla Società etnea 300,00 Euro di multa.

E-mail Stampa PDF
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

Si è pronunciato il Giudice Sportivo in merito alla gara Piedimonte Etneo – Pompei del campionato di Prima Categoria valevole per la 19^ Giornata sospesa al 40’ del secondo tempo sul punteggio di 1-0 in favore degli ospiti. Il Giudice ha deliberato  alla Società Piedimonte Etneo la punizione sportiva della perdita della gara per 0-3 e l'ammenda di Euro 300,00 e  alla Società Pompei l'ammenda di Euro 80,00.

Dopo questa decisione la nuova classifica:  Sporting Taormina 51, Aci S. Filippo 47, Acicatena Calcio 33, Città di Villafranca 32, Valdinisi e Piedimonte 30, S. Domenica Vittoria 29, Russo Calcio 24, Atletico Messina 20, Pisano e Aci Bonaccorsi 19, Randazzo 17, Pompei 13, S. Alessio 2.

Cosa è successo al 40’ della ripresa:…… dopo i provvedimenti disciplinari di espulsione assunti dall'arbitro a carico dei calciatori Grosso Gabriele (Pompei) e Pagano Salvatore (Piedimonte Etneo), gli stessi si colpivano in modo violento con calci e pugni; a tal punto alcuni calciatori di entrambe le Società partecipavano ad una mass confrontation colpendosi con calci e pugni; tra questi l'arbitro identificava Ferrara Gianfilippo, Di Mauro Paolo, Di Benedetto Carlo Salvatore e Mirabelli Loris (Piedimonte Etneo) e Quartarone Daniele e Bonamonte Antonio (Pompei);

All'atto di notificare i consequenziali provvedimenti disciplinari, alcuni sostenitori della Società Piedimonte Etneo si introducevano sul terreno di gioco e staccavano le bandierine d'angolo per colpire i calciatori avversari;

A tal punto l'arbitro, constatata l'assenza di qualsiasi misura d'ordine predisposta dalla Società Piedimonte Etneo, la presenza di persone non autorizzate, in possesso di oggetti contundenti, all'interno del terreno di gioco ed il venire meno delle condizioni atte a garantirne l'incolumità, notificava ai dirigenti l'espulsione di tutti i suddetti calciatori decidendo di sospendere definitivamente la gara in quanto la Società Piedimonte Etneo non aveva più il numero minimo di calciatori per poterla proseguire;

Condivisa la decisione dell'arbitro; Sancita la responsabilità delle Società Piedimonte Etneo in relazione a quanto addebitabile ai propri calciatori, ai propri sostenitori e per la mancata predisposizione delle misure d'ordine incombenti sulla stessa in quanto Società ospitante;  Sancita, inoltre, la responsabilità delle Società Pompei in relazione a quanto addebitabile ai propri calciatori;

Si delibera:  Di infliggere alla Società Piedimonte Etneo la punizione sportiva della perdita della gara per 0-3 e l'ammenda di Euro 300,00;  Di infliggere alla Società Pompei l'ammenda di Euro 80,00.

 



Video - Primo Piano


Trasmissione Sportiva

Top menu

Contattaci