Antonio Balastro "ho scelto la Jonica per l'allegria e voglia di vincere dello spogliatoio".

SportJonico.it

lo sport della riviera jonica messinese

Monday
Sep 24th
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Calcio a 5 Antonio Balastro "ho scelto la Jonica per l'allegria e voglia di vincere dello spogliatoio".

Antonio Balastro "ho scelto la Jonica per l'allegria e voglia di vincere dello spogliatoio".

E-mail Stampa PDF
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

Non è facile per un allenatore trovare nel proprio organico un giocatore che sia allo stesso tempo “tecnico” e “tattico”. Ma non solo, riesce a trasmettere degli imput importanti ai propri compagni, questa è la sua filosofia data anche dall’esperienza maturata, nel corso della sua altalenante carriera , nel suo palmares diversi campionati vinti, l’ultimo due stagioni orsono con la maglia dell’Akron Savoca.

Dicevamo un giocatore importante per il suo carisma, ma con un “tallone d’Achille”, staccare la spina per diversi mesi per ritornare quando un progetto lo convince, vedi l’Akron Savoca, adesso da Gennaio 2018 si è fatto entusiasmare dal progetto  della Jonica Fc, alla fine ha ceduto alla corte spietata del coach Roberto Nicotra.

Stiamo parlando del pivot Antonio Balastro che dopo una parentesi di diversi mesi, ha deciso di dare il proprio contributo ad un gruppo già forte, con il suo arrivo si arricchisce della classica “ciliegina sulla torta”. E’ stato subito incisivo, già al debutto con un gol e diversi assist (Unione Comprensoriale), da quando ha deciso di lasciare il Calcio a 11 (ha giocato in Promozione con l’Interclub Barracca e Atletico Furci),  per il futsal, anche in questa occasione, ha accettato con entusiasmo della proposta del progetto savocese, in tre stagioni culminati  nella storia promozione in Serie C2,  ha realizzato ben 38 gol.

Adesso il suo ritorno con la maglia della Jonica, allora Antonio: Dopo un periodo di pausa come si vuol dire di “riflessione” sei ritornato a calpestare i green del futsal? “Dopo un periodo di pausa più che di riflessione ho deciso di rimettere le scarpette, invece di appenderle (risata generale)”

Come mai hai scelto la Jonica visto che sicuramente hai avuto altre proposte? “Ho scelto la Jonica sia per il gruppo, dove ci sono ragazzi che conosco da tempo ma anche per lo spirito che si vive all’interno dello spogliatoio di allegria e voglia di vincere... in primis”.

L’ultima stagione a tempo pieno come giocatore è stata la stagione della storica promozione dell’Akron Savoca in Serie C2……momenti bellissimi della tua carriera? “Ultima stagione si con L Akron Savoca, stagione bellissima ed emozionantissima per il risultato ottenuto a fine campionato con la promozione in C2 e dunque uno dei momenti più belli della mia carriera, oltre le 4 stagioni meravigliose e storiche con l’Atletico Furci di cui abbiamo ottenuto tre  promozioni consecutive partendo dalla terza categoria ed arrivando in promozione....”

E’ una coincidenza, ma anche la Jonica è quasi vicino al traguardo della promozione, ha influito nella tua scelta a Gennaio? “Diciamo che il mister Nicotra mi aveva cercato ad inizio stagione ma per vari impegni familiari e lavorativi non potevo prendere un impegno, a Gennaio anche per questo essendo vicino al traguardo mi ha convinto, anche se ancora è tutto da decidere, visto che il Real Taormina cammina a pari passo...”

Tra le diverse caratteristiche che possiedi, ottimo aspetto tecnico-tattico, ha un privilegio quello di essere un giocatore-spogliatoio”?Intanto grazie per il complimento sul mio aspetto tecnico-tattico (risata),  ma da quando sono ragazzino mi hanno sempre insegnato che si vince col gruppo dunque tenere stretto lo spogliatoio è FONDAMENTALE,se si rema tutti in un verso non c’è nessuno che ci può fermare...”

Eppure sei cresciuto con il calcio a 11, anche lì momenti di pausa e poi ritorno, come mai il Calcio a 5? Sono cresciuto con il calcio a 11 anche lì periodo di pausa per motivi di studi, poi il rientro con il calcio a 5 ,perché mister Carciotto mi ha cercato è convinto anzi coinvolto in una sua idea pazza all’inizio ma che poi è risultata meravigliosa visto i risultati ottenuti in poco tempo.....”

Tu conosci sicuramente un giocatore di nome Salvo Balastro, una carriera tra Eccellenza e Promozione, chissà se un giorno anche lui sceglierà di cimentarsi nel calcio a 5, magari giocare nella stessa squadra, con la stessa mentalità vincente? “Lo conosco bene diciamo, giocatore e ragazzo di un altra dimensione e altra mentalità, gli auguro di andare avanti così nella sua carriera calcistica di calcio a 11 ,ma se deciderà anche lui tra molti anni di approdare al calcio a 5 spero di giocarci insieme e mai contro perché è un osso duro (risata), per la mentalità vincente è nel nostro Dna...”

La Jonica a un vantaggio di 5 punti sulla seconda, quando mancano quattro gare con all’orizzonte anche diversi scontri diretti, tu hai vissuto questo al tempo dell’Akron Savoca come si affronta questo periodo che vale un’intera stagione? “Abbiamo le ultime battaglie così le definisco, e nessuno vorrà  regalarci niente, per questo ricollegandoci al discorso di prima bisogna stare uniti e concentrati fino alla fine per poter raggiungere l obbiettivo”.

Tu qualche mese hai sposato il progetto della Jonica di mister Roberto Nicotra, trovi qualche similitudine con l’Akron di Arturo Carciotto? “Sono due progetti diversi, l’ Akron di mister Carciotto era una realtà nuova è creata da lui con ragazzi che si incontravano per la prima volta a giocare insieme, mentre mister Nicotra segue questo progetto ormai da tanto sempre con lo stesso gruppo unito e così adesso in questa stagione speriamo  di raccogliere insieme il succo di tanti sacrifici fatti in precedenza dal il mister e dal gruppo storico”.

Come tutti i giocatori anche tu avrai il tuo sogno nel cassetto? “Si, raggiungere anche quest’anno un’ altra promozione con questa avventura iniziata a Gennaio”.

Da circa 5 anni il futsal nella riviera jonica è in continua crescita….secondo te, oltre la buona volontà degli appassionati, ci sono ancora margini di sviluppo? “Il FUTSAL sta prendendo piede piano piano riuscendo a ottenere degli ottimi risultati nella riviera jonica, per questo non la vedo come una meteora che svanisce ma come un inizio per i giovani del comprensorio”.

Tu sei un giocatore tecnico……il gol che ricordi in modo particolare?Per il calcio a 11 un gol realizzato di testa contro il s. Alessio dove perdevamo 1-0 e poi abbiamo vinto 1-2 con il magico Atletico Furci partita importante per la vittoria del campionato, con il calcio a 5 un gol contro il Limina su punizione con tocco sotto che scavalca difesa e portiere”.

Hai pensato mai di allenare un giorno? “No ancora. Non ho pensato se mai un giorno allenerò, ma mai dire mai.

L’allenatore e un compagno di squadra  che ti ha lasciato qualcosa sia come uomo sia come giocatore? “L’allenatore Nello Miano che mi ha cresciuto da piccolo, come giocatore Lele Briguglio che oltre a essere mio cugino mi ha dato una grossa mano come inserimento nella mia prima esperienza in Promozione con Interclub”.

L’ultima domanda della nostra chiaccherata…….qualche ringraziamento in particolare? “Si ringrazio tutti i miei compagni attuali e vecchi per le belle esperienze vissute insieme e auguro a loro tanti successi in futuro, e in particolare la Jonica calcio a 5 per questa nuova possibilità di raggiungere un altro traguardo, grazie anche a te e buona giornata”.

 



Video - Primo Piano


Trasmissione Sportiva

Top menu

Contattaci