2^ Cat. - Il Nike Giardini riconquista la vetta. Il Limina cade a Savoca con Malino protagonista. Continua l'ascesa dell'Atl. Francavilla. Vittoria verso la salvezza per il Calcio Furci.

SportJonico.it

lo sport della riviera jonica messinese

Sunday
Jun 24th
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home 2 ^ Categoria 2^ Cat. - Il Nike Giardini riconquista la vetta. Il Limina cade a Savoca con Malino protagonista. Continua l'ascesa dell'Atl. Francavilla. Vittoria verso la salvezza per il Calcio Furci.

2^ Cat. - Il Nike Giardini riconquista la vetta. Il Limina cade a Savoca con Malino protagonista. Continua l'ascesa dell'Atl. Francavilla. Vittoria verso la salvezza per il Calcio Furci.

E-mail Stampa PDF
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

Ritorna in vetta alla classifica il Nike Giardini nel campionato di Seconda Categoria – Girone D – lo fa forse nella giornata più delicata della stagione:  in primis si è tornati a giocare dopo 15 giorni di sosta (con tutti i pro e contro), con un turno che proponeva due scontri diretti di alta classifica, in modo particolare la delicata trasferta della capolista Limina sul campo dell’Akron Savoca, l’altro scontro proponeva Giovanile Mascali – Fasport Itala.

In poche parole in palio, non solo i tre punti, ma restare agganciati ai propri obiettivi, in un momento cruciale del campionato. La quarta giornata di ritorno ha dato delle indicazioni importanti per il proseguo del torneo che ancora una volta non si smentisce: per la decima volta cambia la leadership, a dimostrazione di un equilibrio sostanziale, adesso per la seconda volta a primeggiare è la la compagine giardinese del Presidente Tino Sturiale che nell’anticipo di sabato vince per 3-1 sul campo del Fiumedinisi.

I ragazzi di mister Cerra hanno dimostrato contro la squadra del neo-allenatore Matteo Frazzica, subentrato al dimissionario Carmelo Brigandì, di essere un undici ben attrezzato con diverse frecce nel proprio arco, anche se a sbloccare il risultato è stata un’autorete provocata da Zanino dopo 5’ di gara. Quindi la partita si mette subito sui binari giusti, anzi al 20’ arriva il raddoppio su calcio di rigore trasformato da Cantarella. Gara praticamente blindata in proprio favore per i giardinesi che hanno giocato la ripresa in superiorità numerica per l’espulsione di Zanino. Oltre alle due marcature, gli ospiti hanno creato diverse opportunità di arrotondare il risultato, a 15’ dalla fine la gara si riapre grazie alla zampata vincente del bomber ex Itala e Mandanici, Loris Di Blasi che risolve in proprio favore una mischia in area. I locali si buttano in avanti per riacciuffare il risultato, ma non hanno fatto i conti con la stupenda azione costruita dall’asse Calì-Patanè con quest’ultimo che manda la sfera sotto l’incrocio dei pali, gol che chiude in pratica la gara quando siamo a poco meno di cinque minuti dalla fine.

Un successo che proietta il Nike Giardini in vetta alla classifica, almeno per 24 ore, in attesa della gara di domenica pomeriggio Akron Savoca – Limina. Attesa che porta bene al Nike Giardini che rimane in vetta solitaria dopo i risultati della domenica che ha visto la sconfitta della capolista  Limina per 1-0. Sorpasso in classifica con il Nike che si porta a 33 punti con il Limina che rimane a quota 31, subito dopo l’Akron Savoca con 30 punti.

A decidere il cambio di testimone è stato una rete ad inizio della ripresa del giovane attaccante savocese Stefano Famulari che è lesto a carpire la respinta del veterano portiere Giancarlo De Clò su tiro insidioso di Carmelo De Luca. Nei minuti finali opportunità per i liminesi di riportarsi in parità quando Settimo mette giù il bomber liminese Marvin Costa con l’arbitro che indica il dischetto di rigore. A presentarsi sul dischetto non è l’attaccante Costa, bensì Ciccio Carpillo che si fa ipnotizzare da Domenico Malino, un liminese che fa crollare il primato alla squadra del suo paese.

La giornata sorride alla Giovanile Mascali che si aggiudica lo scontro casalingo con una diretta rivale per agganciare la miglior posizione nella griglia dei play-off, ma soprattutto cercare di rientrare nella lotta di vertice. Gli etnei  risolvono la pratica Fasport Itala nei primi 20’ di gara grazie al gol dopo cinque minuti di Sgroi e al raddoppio di Mauro per portare a casa il quarto posto in graduatoria (28 punti).

Una sconfitta pesante per la Fasport priva del suo uomo migliore Restuccia (infortunato) che fa scivolare i ragazzi di Peditto fuori dai play-off (25), superati dall’Atletico Francavilla che espugna il campo dei cugini dell’Itala grazie alla doppietta di Alexandrus che sblocca il risultato dopo 7’ di gioco, pronta la reazione dei ragazzi di Geraci che pareggiano le sorti della gara a due minuti dalla fine, grazie a Fleres appena entrato in campo che finalizza in rete con un perfetto stacco di testa un suggerimento di Caminiti.

Ecco che dagli sviluppi di un calcio d’angolo, siamo al 90’ arriva il colpo di testa vincente ancora protagonista Alexandrus che fa volare l’Atletico Francavilla (quinta vittoria consecutiva) per la prima volta nei play-off in quinta posizione (27 punti). Mentre per l’Itala rimane l’amaro in bocca per l’occasione di portare a casa un punticino di vitale importanza per la sua precaria classifica: penultimo posto in graduatoria con 10 punti, potendo vantare ancora due punti di vantaggio sul Città di Roccalumera ferma ai box per turno di riposo fanalino di coda.

Per il resto la giornata ha visto la vittoria dell’Antillese sul campo del Città di Calatabiano: decide nella ripresa un’intuizione del bomber Sebastiano Mastroieni che riprende una ribattuta del portiere locale su tiro dal limite di Crementi. Per la cronaca sul punteggio di 0-0, i locali hanno colpito la traversa con Barbera. Un successo importante per gli antillesi che si avvicinano in zona play-off (24 punti) a -3 dall’Atletico Francavilla.

Vince il Calcio Furci nella gara casalinga contro la rinata Robur che si deve arrendere ad una formazione guidata da Mimmo Ucchino piuttosto cinica che va in gol nel primo tempo con Matteo Ingegneri, nella ripresa mette al sicuro il risultato Enrico Rapisarda. Per la cronaca i roburini hanno sprecato un calcio di rigore con Filippo Saglimbeni che si è fatto parare il tiro da un superlativo Francesco Lundi, non solo per il penaluty parato ma per gli ottimi interventi fatti nel corso dell’intera gara. Un successo importante per i furcesi che agganciano a 17 punti il Fiumedinisi e la stessa Robur, facendo un importante passo verso la salvezza.

 



Video - Primo Piano


Trasmissione Sportiva

Top menu

Contattaci