C Silver - Una Cestistica rimaneggiata cede alla Zannella Cefalù: 85-68

SportJonico.it

lo sport della riviera jonica messinese

Monday
May 21st
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Basket C Silver - Una Cestistica rimaneggiata cede alla Zannella Cefalù: 85-68

C Silver - Una Cestistica rimaneggiata cede alla Zannella Cefalù: 85-68

E-mail Stampa PDF
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

Finisce 85-68 al PalaGeodetico tra Confezioni Corpina Torrenova e Zannella Cefalù. Una partita in cui a fare la differenza – alla lunga – è stata la lunghezza della panchina, con le Aquile che hanno dovuto fare a meno dello squalificato Albana e degli infortunati Stuppia, Stiklakis e Serafino.

Non è bastato un ottimo approccio alla gara di capitan Arto e compagni (in vantaggio 21-22 al termine del primo parziale di gioco), perché i padroni di casa hanno sfruttato la maggiore freschezza, specialmente al rientro dall’intervallo lungo. Alla sirena finale sono 23 i punti per Dragunas, 18 per Arto, 16 per Scarlata e 10 per Busco.

Zannella Cefalù- Confezioni Corpina Torrenova 85-68 (21-22, 41-35, 58-49)

Zannella Cefalù: Ducato 20, Morici, Terrasi M. 8, Maniscalco 4, Monaco 6, Marsala 10, Cesare, Cimino, Terrasi G. 33, Gallo 4. Coach: Giambelluca

Confezioni Corpina Torrenova: Scarlata 16, Micale 1, Dragunas 23, Galipó S., Arto 18, Busco 10, Filippino. Coach: Bacilleri

Con sole 7 unità – di cui due under – era difficile, quasi un’impresa. La Cestistica Torrenovese però, con tanto cuore, approccia alla gara nella maniera perfetta guidata da Scarlata, Busco e capitan Arto. La Zannella si affida fin da subito a Giuseppe Terrasi, che con 11 punti nei primi permette ai suoi di rimanere in scia sul 21-22. Alla gara si iscrive anche Dragunas, che nel secondo parziale è l’uomo che trascina le Aquile. Cefalù però aumenta l’intensità ed alla pausa lunga è 41-35.

Al rientro in campo è Arto l’uomo in più di coach Bacilleri: la guardia torrenovese mette a referto 10 dei suoi 18 punti finali permettendo alla Confezioni Corpina, stanca per i pochi cambi a disposizione, di limitare la produzione in attacco di Ducato (2 triple nel quarto) e Terrasi. Al 30’ è così 58-49. Negli ultimi 10’ è sempre la coppia Ducato-Terrasi a innalzare il livello del gioco dei locali, mentre dall’altra parte i soli canestri di Dragunas, con Arto e Busco che provano ad emulare il lituano servono a poco. La stanchezza delle poche rotazioni, infatti, dà poca lucidità alle azioni delle Aquile, che cedono il passo a Cefalù.

 



Video - Primo Piano


Trasmissione Sportiva

Top menu

Contattaci