2^ Cat. - L'Akron Savoca da outsider è "Campione D'Inverno". Fiumedinisi la rivelazione. Delusione Itala e Antillese. Che rimonta la Robur.

SportJonico.it

lo sport della riviera jonica messinese

Saturday
Oct 20th
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home 2 ^ Categoria 2^ Cat. - L'Akron Savoca da outsider è "Campione D'Inverno". Fiumedinisi la rivelazione. Delusione Itala e Antillese. Che rimonta la Robur.

2^ Cat. - L'Akron Savoca da outsider è "Campione D'Inverno". Fiumedinisi la rivelazione. Delusione Itala e Antillese. Che rimonta la Robur.

E-mail Stampa PDF
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

In estate l’Akron Savoca era stato inserito nella griglia di una possibile out-sider per la vittoria del campionato, altri team partivano con i favori dei pronostici (Nike Giardini, Antillese e Città di Roccalumera), risultato che al giro di boa, è arrivato il primo verdetto della stagione 2017-18 del campionato di Seconda Categoria – Girone D, ovvero il titolo di “Campione d’Inverno”.

A chiudere in testa alla classifica dopo 13 giornate non una delle squadre favorite,  bensì la squadra rivelazione di questo scorcio di campionato, ovvero l’Akron Savoca del Presidente Massimo Santoro che conquista a pieno merito il “Titolo d’Inverno” con 24 punti, sette vittorie, 3 pareggi e due sconfitte, con 20 reti realizzati e la miglior difesa solo 10 gol subiti, ma non solo per ben 11 giornate i ragazzi di mister Peppe Mangiò sono stati sempre primi in classifica. Traguardo tagliato con un punto in più sul Nike Giardini (23 punti) secondo miglior attacco (25) che dopo una partenza a singhiozzo ha trovato il ritmo giusto, confermandosi in linea agli obiettivi estivi.

Un campionato molto equilibrato, in pochi punti ci sono ben quattro formazioni, chiude sul podio il girone di andata un’altra out-sider, ovvero il Limina (22 punti), subito dopo il Giovanile Mascali che dopo qualche innesto nel mercato di dicembre ha raggiunto l’alta classifica (21 punti).

L’ultimo posto utile per i play-off troviamo la coppia formata dalla Pol. Antillese e Fasport Itala (18 punti), con la formazione del Presidente Claudio Bongiorno allestita per fare un campionato importante, tra infortuni, squalifche vari, ha condotto questa prima parte di campionato un po’ a singhiozzo, adesso si trova in una posizione non certo preventiva alla vigilia, ma ha tutte le caratteristiche nel girone di ritorno di poter recuperare posizioni in classifica, anche come detto, è un campionato molto equilibrato. Subito dopo troviamo l’ottimo Fiumedinisi (17 punti) possiamo dire la rivelazione del campionato che chiude in settima posizione pronto nel girone di ritorno ad inserirsi nella lotta play-off se qualche “big” fa cilecca.

In ottava posizione troviamo il Città di Calatabiano (16), una squadra dai due volti, forte tra le mura amiche 5 vittorie e 1 sconfitte, fragile fuori casa un solo punto, adesso è arrivato il bomber Lu Vito a far  cambiare rotta, potrebbe diventare una mina vagante del campionato. Secondo le aspettative il campionato dell’Atletico Francavilla (15 punti) nono posto in classifica.

Non è invece cosi per due squadre partite con altri ambizioni come il Città di Roccalumera (ultimo posto con 8 punti) e l’Itala (penultimo posto con 9 punti), una sorpresa in negativo per gli addetti ai lavori, il calcio d’estate è una cosa poi è il campo a dare i verdetti visto il campionato disputato i frutti sono negativi.

Erano partiti per una salvezza tranquilla il Calcio Furci (11 punti) in linea di massima sta mantenendo il passo, un team dai due volti, fatica a fare punti al Luigi Papandrea, mentre fuori casa riesce a raccogliere punti, su tutti l’impresa della vittoria sul campo dell’Antillese. Infine la Robur di Letojanni del patron Carmelino Laganà che ancora una volta è riuscito a tenere a galla la sua creatura che in estate era stata affidata a mister Alessio Camarda che ha accettato l’incarico pur consapevole di non aver “un organico” adeguato,  lo dimostrano le prime gare di campionato con i roburini ultimi in classifica a zero punti ( predistinata alla retrocessione), invece, il lavoro, ma soprattutto la pazienza del duo Laganà-Camarda bravi a far ritornare a Letojanni Francesco Donato, Filippo Saglimbeni e altri “figli roburini” ecco che la blasonata squadra della Robur Letojanni  nelle ultime quattro gare di campionato ha conquistato nove punti (tre vittorie e una sconfitta) di cui due fuori casa (Francavilla e Roccalumera), facendo un netto balzo in avanti in classifica.

Numeri del girone di andata: In tutto sono state disputate 78 partite in tredici giornate di campionato con ben 215 reti segnate, media per partita 2.76. di cui 124 dalle formazioni di casa e 91 fuori casa.

Miglior attacco è quello del Nike Giardini (25) il peggior del Città di Roccalumera (7). Miglior attacco casalingo con 16 reti è quello del Nike Giardini,  il peggior con 3 reti Calcio Furci. Miglior attacco esterno è quello dell’Akron Savoca (10 reti), il peggiore (2) Città di Roccalumera.

Miglior difesa del girone di andata (10) dell’Akron Savoca,  la peggiore con 26 reti quella della Robur Letojanni. Miglior reparto difensivo in casa con soli due reti è quello del Fasport Itala, il peggior quello della Robur (12). E’ del Limina la miglior difesa esterna solo 5 reti incassate,  la più bucata quella del Città di Calatabiano (18).

Imbattibilità casalinga: Non hanno mai perso Fasport Itala e Akron Savoca (4 vittorie e 2 pareggi) e Limina (3 vittorie e 3 pareggi).  Non hanno mai pareggiato in casa il Nike Giardini e Città di Calatabiano (5 vittorie e 1 sconfitta).

Non hanno mai vinto fuori casa: Tre sono le compagini ancora all’asciutto: Cità di Roccalumera, Itala e Città di Calatabiano. Mentre la Robur è l’unica squadra che non conosce il segno “X” fuori casa.

La miglior vittoria casalinga (Fasport Itala – Robur 5-0), invece migliore vittoria fuori casa (Città di Calatabiano – Nike Giardini 2-5).

 



Video - Primo Piano


Trasmissione Sportiva

Top menu

Contattaci