B/1 - Il S. Teresa Volley, primo set da dimenticare, poi la reazione, alla fine cede 3-1 all'Arzano Napoli.

SportJonico.it

lo sport della riviera jonica messinese

Friday
Nov 24th
  • Cerca
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home VolleyFemminile B/1 - Il S. Teresa Volley, primo set da dimenticare, poi la reazione, alla fine cede 3-1 all'Arzano Napoli.

B/1 - Il S. Teresa Volley, primo set da dimenticare, poi la reazione, alla fine cede 3-1 all'Arzano Napoli.

E-mail Stampa PDF
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

Non è stato affatto ovvio concludere quella che è sembrata a tutti gli addetti al settore, un “triduo del dolore”, quello che si è presentato in questo avvio di Campionato Fipav 2017-2018 nel girone D della B1 femminile di volley.

Tre pretendenti al trono del salto in A2, subito addosso al SantaTeresa Volley, reduce da una estate societaria complicatissima, e per giunta in due trasferte, e consecutive. Mentre il roster è in divenire. Gli archivi non conservano scuse: il parquet Arzanese dice 3 a 1 per le padroni di casa di un campo notoriamente ostico di suo, sul quale [per di più…] la roboante galoppata della MamVolley santateresina edizione 2017 lasciò anche qualche noterella astiosa a latere dell’agonismo.

I due punti restano in Campania, e del resto, alzando il periscopio sul resto del girone, la scena è ampiamente preventivata. Le pallonate già prese da Cutrofiano e VolleyGroupRoma a loro volta sono state ridate (e in trasferta) a Scafati e ad Aprilia. Quindi la prova che il girone avrà tre regine è più o meno provata.

La cronaca dice molto di più però, le “tigri” stavolta come le altre volte hanno venduto cara la pelliccia, e la mentalità con la quale sono scesi del pullman davanti alla palestra di Arzano è sembrata quella giusta. Quando due team si fronteggiano ad armi pari, e ad una sostanziale parità agonistica, tecnica e mentale, la differenza passa per le piccole e piccolissime cose, per i dettagli. Quando questi impattano addirittura l’essere in un terreno ostile e l’equilibrio resta, se ne avvalgono gli spettatori nel vedere del buon volley, e questo ci sta. Ma la differenza che prima o poi appare sul display nel tetto della palestra, se ti arriva per decisioni arbitrali ferocemente attaccabili….. vuol dire che da rimproverare non vi è proprio nulla e che il lavoro svolto pagherà molto presto.

Il sestetto iniziale: Santa Teresa Volley si dispone sul terreno arzanese esordendo con Mordecchi palleggiatrice in posto 1, che poi andrà a partire a posto 3 nel terzo set; opposta De Luca. Marcone e Casale in banda con Capitana Mazzulla e Peonia al centro, “red” Fizzotti con la maglia di Libero. Coach Pippo Staiti, che ha sostituito Antonio Jimenez bloccato a S.Teresa per ragioni di salute, e per le quali tutta la società, atlete e tifosi augurano un prontissimo rientro agli allenamenti, che potrebbe verificarsi anche martedi stesso.

Primo Set: Si entra in partita malamente e Luvo applica alla lettera la catechesi di coach Collavini chiudendo facile e schiacciando le tigri volanti ad un misero 9.

Secondo Set: E la scintilla che S.Teresa aspettava da tutte e tre le giornate, scocca proprio al primo servizio del secondo set, quando una sequenza di giocate di grande efficacia e precisione ammutolisce il palazzetto arzanese: muro, attacco, aces, contrattacco, tutte le rotelle d’incanto sembravano girare finalmente a dovere. Peonia, Marcone e Casale stantuffavano e per le Arzanesi è stata solo una confusione di palloni da tutte le parti. Le locali provano a difendersi ma è S.Teresa a mettere a terra l’ultima palla set decisiva e i fuochi si spengono sul 25 a 21.

Terzo Set: Ripartenza sulla stessa solfa, con le tigri volanti di coach Staiti che saltano, recuperano e graffiano. Troppa parità, dirà il destino. Ci mette una pezza la coppia arbitrale Citro & Sorrentino della FipavNapoli che vedono dentro un palla decisiva sul 23 a 21 Santateresa. Va via la testa e Arzano chiude 25 a 23.

Quarto Set: Quarto set fotocopia del terzo, con le ultime tre giocate visibilmente marchiate da altre decisioni arbitrali che annichiliscono testa, polpastrelli, polsi, schemi, ed elevazione: non foss’altro che le ragazze di Santa TeresaVolley forse fanno 400 chilometri per fare Volley. 26 a 24 e pullman puntato verso sud con lo score a zero, e ricordare agli annali che Sara Casale è TopScorer della sconfitta a testa alta, più che alta, e che la pallamatch cade sul parquet nella zona centrale.

Pippo Staiti, coach per questa trasferta: Quello che mi sento di dire è che le ragazze hanno dato l’anima, il campo di Arzano è sempre difficile ed hanno fatto una gara da vere guerriere, poi nel finale del terzo e quarto set quando l’arbitro prende decisioni discutibili, c’è poco da fare”.

Direttore Sportivo Nino Prestipino: “Nel primo set siamo partiti male, ma c’è da dire che il servizio di Arzano ci ha messo in forte difficoltà. La prova di tecnica, orgoglio e carattere del secondo set vinto, è sostanzialmente proseguita nel terzo e nel quarto, ma sono stati dei grossolani errori arbitrali a consegnare la vittoria ad Arzano, proprio quelli sono stati decisivi, secondo me”. – “Ds…e ora?”. “…ora è tempo che ti confermi finalmente i due importanti colpi di mercato nella zona del campo dove non giochiamo con atlete di ruolo”.

Così, con questa cronaca, si rimane ancora al palo, e da martedi mattina si ricomincia a costruire la gara di sabato prossimo con Givova Scafati, anch’essa reduce da una sconfitta con Cutrofiano, sebbene tre punticini in bisaccia li abbia già. Il cuore e la tenacia, intraviste nelle prime due gare, stavolta hanno trovato concretezza: questa squadra evidentemente, anche in condizioni avverse di campo, di tifo e di arbitraggio, oltre che tensione “da classifica”, sa chiudere i set, e sa arrivare viva nei 5 punti finali, quelli decisivi.

Coach Jimenez, con Pippo Staiti e Sandro Prestipino, lavoreranno probabilmente sul come far entrare già determinate le ragazze sin dal primo pallone del primo set, cosa che forse è mancata in tutte e tre le gare. Se a questo concorrerà l’arrivo delle centrali, promesso da Patron Leo più volte, e mantenendo le certezze già viste in questo scorcio di stagione, SantaTeresa potrà senz’altro dire la sua. Inutile girarci attorno, lo score in avanti lo spingeremo davvero tutti insieme, il 4 novembre a PalaBucalo.

LUVO BARATTOLI ARZANO Vs. S.TERESA 3 - 1 (25-9; 21-25; 25-23; 26-24)
Luvo Barattoli Arzano: Passante 13, Voluttoso 17, Coppola 3, Astarita 19, Di Spiezio 2, Campolo 20, Guida (L), Piscopo, Topa 1, Mancini 1. Non entrate: Postiglione e Panacea. All. Collavini

Santa Teresa di Riva: De Luca 3, Mordecchi 3, Mazzulla 8, Casale 14, Marcone 11, Peonia 13, Fizzotti (L). Non entrate: Moschella (L), Sergi, Dilati. All. Staiti

Arbitri: Vincenzo Sorrentino e Giuseppe Citro – Fipav (SA)
NOTE. Durata set: 18’; 24’; 26’; 31’. Battute sbagliate Arzano: 12; Battute punto Arzano: 8. Battute sbagliate S.Teresa: 5; Battute punto S. Teresa: 6. Spettatori: 400 circa.

 




Trasmissione Sportiva

Top menu

Contattaci