Dura lettera di protesta alla Figc del Presidente Leonardi del Forza Calcio Messina.

SportJonico.it

lo sport della riviera jonica messinese

Thursday
Jun 21st
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Eccellenza Archivio Eccellenza 2015/16 Dura lettera di protesta alla Figc del Presidente Leonardi del Forza Calcio Messina.

Dura lettera di protesta alla Figc del Presidente Leonardi del Forza Calcio Messina.

E-mail Stampa PDF
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

La  direzione di gara di Forza Calcio Messina - Sporting Taormina (partita vinta dagli ospiti per 2-0) dell'ultima giornata del campionato di Eccellenza continua a giocarsi oltre il 90', arriva attraverso una lettera di protesta sul tavolo del Presidente della Figc Sicilia - Santino Lo Presti.Il Presidente del sodalizio peloritana Giuseppa Leonardi ha inviato una lettera di protesta alla Figc che noi riceviamo ed pubblichiamo:

La società F.C.Messina, società dalle modeste condizioni economiche, ambiva partecipare al campionato di competenza  con la consapevolezza delle difficoltà che il torneo sicuramente avrebbe proposto ma con una grande certezza: ricevere eguale trattamento come e tale alle consorelle dalle potenzialità di certo maggiori. Le poche quattro giornate sin qui disputate mi hanno già ampiamente fatto ricredere su quella che doveva essere la “certezza” sulla quale affrontare la stagione sportiva. Episodi che si susseguono, comportamenti estremamente insoliti e designazioni che fanno pensare, portano ai malumori, alle contestazioni, alle decisioni estreme.

Vorrei peraltro precisare che nelle quattro gare già disputate non vi è mai stata la presenza di un osservatore degli arbitri e pertanto ci si potrà celare dietro al fatto che le mie possano essere le “naturali” recriminazioni del perdente. E invece no, perché anche quando la mia società ha vinto (Capo D’Orlando) il direttore di gara ne ha fatte di ogni ( espulsione del portiere di casa e giuoco fatto riprendere col sostituto con la stessa divisa che indossava e, malgrado gli si fosse fatto notare l’errore ha continuato ugualmente – vorrei solo ricordare che trattasi di un campionato di Eccellenza).

Se il vaso è già colmo dopo appena quattro giornate, cosa bisogna attendersi per l’eventuale futuro, quali rospi bisognerà ingoiare tra lo “scaricabarile” tipico di queste occasioni. Nell’ultima gara di campionato (FC MESSINA-SPORTING TAORMINA) il direttore di gara (già noto all’organo competente-3°anno) ha dato sfoggio del proprio narcisismo e voglia di protagonismo sia sul terreno di giuoco che fuori datosi che rischia l’incriminazione dai carabinieri per aver chiesto l’intervento di una pattuglia a fine gara per fatti a tutti sconosciuti tant’è che le forze dell’ordine intervenute hanno identificato solo lo stesso continuandosi a chiedere il perché della richiesta. Senza volere entrare nel merito delle qualità, e potremmo farlo, ci chiediamo il perché di cotanta arroganza ed aria di superiorità quando non è surrogata dalle prestazioni. Ci chiediamo del perché di certe designazioni, palesementi “sconvenienti” e che poi danno ampio margine di “pensiero”( il prossimo turno Acireale-FCMessina). Ci chiediamo altresì delle visionature  che non vengono fatte (e per favore non nascondiamoci con la voce risparmio).

Anche se a fine gara conta poco, devo Onestamente riconoscere che il rigore non c’era assolutamente e non so se altrimenti saremmo riusciti a vincere”- esordisce così ai microfoni nel post gara mister Coppa ed è in queste sintetiche parole  racchiusa la dinamica di tutta la gara.

Sono questi, ed altri dello stesso tenore, i reportage delle testate giornalistiche ai quali non voglio aggrapparmi ma i quali avvalorano la veridicità delle mie lamentele. In questa settimana il direttivo societario continuerà a riunirsi per capire come e quali forme di protesta assumere, financo alla rinunzia al torneo per le palesi forme di mancato rispetto per talune società.

In ogni caso, sin da questo momento riterremo faziose ulteriori designazioni di arbitri della sezione di Acireale, e qualora ciò avvenisse, un palese atto provocatorio, chiedendo inoltre un incontro ufficiale congiunto sia col presidente regionale FIGC che col Presidente CRA Sicilia.

Certa delle attenzioni che verranno poste in essere a questa mia, nella speranza che il direttivo societario raccolga dei segnali che possano aprire sentieri di serenità,

Cordialmente porgo i miei saluti.

Il presidente

Rometta, lì 05/10/2015                                                     Leonardi Giuseppa

 



Video - Primo Piano


Trasmissione Sportiva

Top menu

Contattaci