Successo per il 7^ Hookoo Kan di Giardini Naxos con i mastri Muscolino, Sammito,Spanò, Pagano e Andaloro.

SportJonico.it

lo sport della riviera jonica messinese

Wednesday
Feb 21st
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Judo-Karate Successo per il 7^ Hookoo Kan di Giardini Naxos con i mastri Muscolino, Sammito,Spanò, Pagano e Andaloro.

Successo per il 7^ Hookoo Kan di Giardini Naxos con i mastri Muscolino, Sammito,Spanò, Pagano e Andaloro.

E-mail Stampa PDF
Valutazione attuale: / 2
ScarsoOttimo 

Dopo le tappe di Aci Sant’Antonio, Santa Teresa di Riva, Milazzo e la volta di Giardini Naxos. L’antica Nasso sale quindi sugli scudi ospitando, in data 31 Maggio 2015, il 7° HooKoo Kan organizzato dalla G.K.S.I.F. – Sez. Sicilia (Gakko Karatedo Shotokan Italia Federation).

Capo Schisò si anima di marzialità ospitando quello che ormai sta diventando un must multidisciplinare; l’evento tenuto dai maestri Andaloro Roberto (Ninjutsu), Pagano Lorenzo (Aikido), Muscolino Aris/Sammito Sebastiano/Spanò Rosario (Karate), ha preso il via alle 0re 16,00 per concludersi alle ore 20.00, presso i locali dell’ASD 360 Fitness Club. Circa una cinquantina i partecipanti, a dimostrazione del fatto che bisogna sempre guardare avanti, ampliare i propri orizzonti e guardare sempre un po’ più in là; dove noi non possiamo vedere…c’è sicuramente qualcun altro che può farlo; seguirci, insegnarci, riempire la nostra tazza di tè e colmare il vuoto.

E’ il Karate ad apre le danze di questa nuova edizione dell’HooKoo Kan; dopo un breve riscaldamento gli atleti, provenienti dalle provincie di Messina e Catania si sono cimentati in diversi Kihon e Kata di alto livello con le relative applicazioni tecniche, sotto la guida attenta dei Maestri Muscolino, Sammito e Spanò. A seguire sale in cattedra l’Aikido, tenuto dal Maestro Pagano; tutti i partecipanti hanno cosi avuto modo di imparare diverse tecniche di rottura, blocchi articolare, e divincolamenti da aggressioni, che sono il perno di questa affascinantissima ed elegante arte marziale.

Si chiude con il Ninjutsu del Maestro Andaloro, sugellando un concetto ormai chiaro a tutti i partecipanti; un Ninja è una macchina da guerra, non importa come, dove o quanti avversari ci siano; gli atleti hanno cosi avuto la possibilità di far proprie diverse tecniche di difesa/offesa contro avversari a mani nude ed armati con efficacia e grazia letale.

E’ questo lo spirito dell’HKK, è questa la sua utilità, ed è per questo che continua ad andare avanti sempre più articolato, completo, ricco di amici e maestri che credono seriamente in quello che fanno ed hanno l’amore, la passione ed il piacere di farsi carico per trasmettere il proprio sapere, il proprio io, a chiunque volesse attingere alla loro fonte. Tutto questo grazie al duro lavoro ed al sudore dei Maestri della G.K.S.I.F. e dei propri allievi.


 



Video - Primo Piano


Trasmissione Sportiva

Top menu

Contattaci