Altri due arbitri in ospedale squalifiche fino al 2020. In una gara fatta sparire la distinta.

SportJonico.it

lo sport della riviera jonica messinese

Thursday
Nov 23rd
  • Cerca
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Pianeta Arbitri Altri due arbitri in ospedale squalifiche fino al 2020. In una gara fatta sparire la distinta.

Altri due arbitri in ospedale squalifiche fino al 2020. In una gara fatta sparire la distinta.

E-mail Stampa PDF

Gli appelli all'autocontrollo ed alla disciplina, la minaccia di più gravi sanzioni e richiami similari nell'ambito calcistico minore se li porta via prepotentemente il vento. Anzi la più amara ed incivile casistica si arricchisce di nuove, inedite pagine.

Inter Club G.E - Antillese: Tutti gli occhi sembravano puntati questa volta sulla partita Inter Riposto-Antillese (1-2 al 77', II categoria), sospesa per l'aggressione all'arbitro dopo che s'era scoperto che ‘i soliti ignoti' avevano provveduto a vuotare le tasche degli indumenti (portando via documenti, soldi e chiavi delle macchine) dei giocatori ospiti nel corso del primo tempo. Ma, come giustificare lo schiaffone che ha spedito in ospedale l'arbitro (l'ennese Pirrera), sferrato da un giocatore che era stato appena ammonito? Il giudice Accurso ha stangato l'aggressore, Sgroi, con la squalifica fino all'11 gennaio 2020, ha inflitto tre turni di sospensione ai suoi compagni Fichera e La Rosa, limitandosi a punire la società 100 euro di multa per "mancata custodia" degli spogliatoi.

Libertas Marsala - Villabate: Ma finisce in ospedale anche l'arbitro trapanese Grignano nell'incontro Libertas Marsala-Villabate (2-0 al 46' del p. t., I Categoria) per un violento ceffone inflittogli dal giocatore ospite Prestigiacomo. Il risultato diventa 3-0, anche questo aggressore è squalificato fino all'11 gennaio 2020.

Ligny Trapani - Carini: E poi ecco che dalla manica fatata del mago esce la colomba più arzilla del week end: nella partita Ligny-Carini uno degli addetti al servizio d'ordine (sic!) predisposto dalla società trapanese aggredisce l'arbitro - l'agrigentino Contrino - ed è espulso: quando il direttore di gara torna negli spogliatoi, convinto di poter identificare l'aggressore attraverso la distinta di gara ed i relativi documenti, ecco la magia. Una mano anonima ha rubato tutto. La Ligny paga la bravata con ben 800 euro di multa.

 




Trasmissione Sportiva

Top menu

Contattaci