In II Categoria ancora incidenti, Petardo nello spogliatoio per stanare l'arbitro.

SportJonico.it

lo sport della riviera jonica messinese

Monday
Nov 20th
  • Cerca
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Pianeta Arbitri In II Categoria ancora incidenti, Petardo nello spogliatoio per stanare l'arbitro.

In II Categoria ancora incidenti, Petardo nello spogliatoio per stanare l'arbitro.

E-mail Stampa PDF

Appena una settimana di apparente tregua ed è subito assedio a Fort Apache attorno agli arbitri. Nell'ultimo weekend è accaduto veramente di tutto: dal lancio di un petardo all'interno dello spogliatoio del direttore di gara (abitualmente sono cinque metri quadrati scarsi) a una gragnuola di calci, pugni più una testata sul capo quale strenna natalizia, e così via dicendo.

Si è toccato davvero il fondo nel solito, incorreggibile Far West del campionato di Seconda Categoria, dove uno sciagurato a Santa Domenica Vittoria (1-4 dal Tremestieri) ha lanciato appunto un petardo all'interno dello stanzino del direttore di gara - l'acese Di Guardo - provocandogli veri attimi di terrore, malessere e vari danni fisici.

La squadra di casa è stata multata di quattrocento euro, il dirigente Paratore è stato sospeso fino al 20 febbraio, il giocatore Sangani per cinque giornate. Ma ci si chiede in proposito perché in casi simili non intervenga la pubblica sicurezza, per indagare, eliminando con opportuni provvedimenti come il Daspo chi va ben oltre ogni logica del vivere civile.

Oppure a Messina, nell'incontro Usclo Pace-Peloro Annunziata (0-1, sospesa al 90'), dove l'arbitro - il catanese D'Aquino - è stato massacrato di botte: matura lo 0-3 a tavolino, matura una ammenda di 500 euro, il giocatore ospite Maimone è squalificato per cinque anni, i suoi compagni D'Agostaro e Messina per tre giornate.

Peraltro la Seconda Categoria si macchia dell'aggressione all'arbitro agrigentino Chillura che è stato costretto a proseguire pro forma la direzione di Acquaviva-Villarosa (2-1 al 90', 0-3 a tavolino, ben 6 giornate di squalifica all'ospite Bulgarello). Tutti e tre i direttori di gara ovviamente sono finiti in ospedale.

Ma si registrano anche tre singolari squalifiche: Indovina della Valguarnerese per nove giornate per discriminazioni razziali nei riguardi di avversari, Castronovo della Nuova Azzurra per otto per offese e tentata aggressione al direttore di gara, Kanna del Prater per sei giornate per offese e… tentato sgambetto all'arbitro in fuga!

 




Trasmissione Sportiva

Top menu

Contattaci