Home Joomla! - il sistema di gestione di contenuti e portali dinamici http://sportjonico.it/index.php?option=com_content&view=frontpage Tue, 30 May 2017 07:20:59 +0000 Joomla! 1.5 - Open Source Content Management it-it Con un super Di Bella, l'Akron Savoca espugna Palermo nella semifinale del Trofeo delle Provincie: 2-1 al Calcio Rangers. http://sportjonico.it/index.php?option=com_content&view=article&id=9777:con-un-super-di-bella-lakron-savoca-espugna-palermo-nella-semifinale-del-trofeo-delle-provincie-2-1-al-calcio-rangers&catid=228:akron-savoca-2013-14 http://sportjonico.it/index.php?option=com_content&view=article&id=9777:con-un-super-di-bella-lakron-savoca-espugna-palermo-nella-semifinale-del-trofeo-delle-provincie-2-1-al-calcio-rangers&catid=228:akron-savoca-2013-14 Akron Savoca corsaro in quel di Palermo viola per 2-1 il rettangolo di gioco dei Rangers, mai battuti in casa nel corso di questa stagione. E’ stato un incontro avvincente con i ragazzi di mister Tusano che hanno giocato una partita coriacea e senza mai mollare fino alla fine del match.

Una buona squadra quella di casa, con una difesa attenta e di esperienza con un ottimo centrocampo che in più di un occasione ha messo in difficoltà capitan Rovito e compagni, costretti agli “straordinari” per limitare i rifornimenti per gli attaccanti di casa.

La gara: Il Rangers parte forte ma la difesa savocese si fa trovare preparata con Pantò che detta magistralmente i tempi e i vari Vollino, Spadaro C. e Danilo Impellizzeri che fronteggiano abilmente la veloce partenza degli attaccanti dei Rangers. Al 25’ l’Akron si rende protagonista di un’azione corale con Rovito e Perrone che scambiano a centrocampo mettendo Mangiò in condizione di tirare in porta dal limite dell’area. Sulla ribattuta, D’Amico spedisce la palla in rete complice una deviazione del difensore di casa Bonanno.

Il Rangers si riversa nell’area dell’Akron con gli ottimi Arcuri, Palazzotto, Calandra e Sanfilippo, autori di un buon fraseggio ma le cui conclusioni non impensieriscono più di tanto l’estremo difensore savocese. Al 33’ il portiere Di Bella compie un’autentica prodezza deviando in calcio d’angolo una conclusione ravvicinata di Matranga.

Che il secondo tempo sarebbe stata tutt’altra partita lo si capisce dalle prime battute di gioco, con i padroni di casa decisi a far proprio il risultato nonostante il momentaneo svantaggio. Il gioco s’incattivisce, e a centrocampo capitan Rovito subisce un “brutto colpo” che ne condizionerà la prestazione, pur rimanendo in campo fino alla fine. Al 55’ i Rangers pareggiano. Calandra conquista palla sul versante destro del campo e lancia Arcuri che salta Vollino e da distanza ravvicinata batte l’incolpevole Di Bella.

Gli ospiti appaiono per alcuni frangenti inarrestabili e al 60’ tentano di assestare il colpo vincente. Sanfilippo viene atterrato in area da Spadaro C. per l’arbitro è rigore con conseguente espulsione del difensore savocese. Batte lo stesso Sanfilippo ma Di Bella intuisce e compie il “miracolo” deviando la palla in calcio d’angolo. La splendida parata dell’estremo difensore savocese rinvigorisce i ragazzi del Patron Impellizzeri che nonostante l’uomo in meno si riprendono progressivamente il campo.

Pantò e compagni spostano in avanti la propria linea difensiva, Danilo Impellizzeri, Rovito, Perrone e D’amico lottano su ogni palla e all’80’ costruiscono l’azione del vantaggio. Scambio a centrocampo Perrone - Rovito con quest’ultimo che lancia l’ottimo Danilo Impellizzeri sulla fascia destra del campo, il quale salta l’uomo guadagna il fondo e mette un preciso assist in area per l’accorrente Vollino che con un imperioso stacco di testa, batte l’incolpevole Greco. Gli ospiti non rischieranno nulla fino a fine gara e portano a casa un risultato prestigioso e meritato sul campo con determinazione e concretezza.

Un mix di forza fisica ed atletica, con capitan Rovito, Pantò, Spadaro, Vollino e Impellizzeri in cattedra, ma anche di sagacia tattica, con il “vecchietto” Perrone e il “Bomber” Mangiò a dettare i tempi del gioco. Dopo la recente promozione in seconda categoria, l’Akron Savoca continua il cammino verso la finale del Trofeo delle Provincie  dov’è la sola squadra a rappresentare la Provincia di Messina. Un risultato questo, di per se’, già prestigioso che premia il lavoro del sodalizio del presidente Impellizzeri in una stagione che potrebbe ancora regalare la storica doppietta “Campionato-Coppa”.

Calcio Rangers 1 Akron Savoca 2

  • Marcatori: 25’ autorete di Bonannno , 55’ Arcuri , 80’ Vollino.
  • Calcio Rangers: Greco P., Pecoraro, Greco G., Bonanno, Trentacoste, Cimà, Arcuri, Palazzotto, Calandra ( 50’ Testa), Groffo (70’ Benthoumi), Sanfilippo.
  • Akron Savoca: Di Bella, Pantò, Spadaro C. , Spadaro M., Vollino, Impellizzeri, Perrone, D’Amico, Rovito, Mangiò (70’ Curcuruto), Spadaro A. (75’ Impellizzeri D.)
  • Arbitro: Marco Piscitello di Trapani.
]]>
info@sportjonico.it (di "N.B.") frontpage Thu, 15 May 2014 11:23:47 +0000
Terremoto nel Limina Calcio: Saglimbeni abbandona. Il capitano D'Alessandro al timone della squadra. http://sportjonico.it/index.php?option=com_content&view=article&id=1258:terremoto-nel-limina-calcio-saglimbeni-abbandona-il-capitano-dalessandro-al-timone-della-squadra&catid=176:201011&Itemid=603 http://sportjonico.it/index.php?option=com_content&view=article&id=1258:terremoto-nel-limina-calcio-saglimbeni-abbandona-il-capitano-dalessandro-al-timone-della-squadra&catid=176:201011&Itemid=603 Normal 0 14 false false false MicrosoftInternetExplorer4

Colpo di scena nel Limina. Albino Saglimbeni ha lasciato panchina e dirigenza per motivi di salute. La squadra è stata affidata al capitano ventisettenne Luigi D'Alessandro con l'incarico di muoversi a 360 gradi per trovare gli elementi (almeno due) che servono per potenziare l'organico e renderlo competitivo nel prossimo campionato di Prima Categoria.

A meno che, come ha dichiarato il presidente Joe Puglia, non venga accolta la richiesta di ripescaggio che sarà avanzata non appena verranno aperti i termini e allora gli obiettivi e i programmi di società e squadra andranno necessariamente rivisti.

Ma la decisione più dolorosa è la rinuncia di Albino Saglimbeni che ha dovuto rimettere il mandato proprio per l'acutizzarsi di vecchi malanni che lo costringeranno a stare lontano dalla squadra e dalla società. Una comunicazione di poche righe, nessun commento da aggiungere: «devo riguardarmi».

Il tecnico incaricato ha già fissato alcuni obiettivi: è alla ricerca di un difensore centrale e di un centrocampista di contenimento. Ci sono stati già dei contatti, prematuro fare nomi fin quando non verrà raggiunto l'accordo, è questa la linea che seguirà D'Alessandro sul quale è piovuta la scelta per sostituire alla guida della squadra il "mitico" Albino Saglimbeni.

E D'Alessandro, pur consapevole delle difficoltà che lo attendono è certo di poter svolgere al meglio il suo ruolo, potendo sempre contare sui consigli di Saglimbeni.


]]>
info@sportjonico.it (di "Pippo Puglisi") frontpage Mon, 08 Jun 2009 15:09:39 +0000
Play-Off: La partita e i tempi supplementari di Linguaglossa-Akron Savoca. http://sportjonico.it/index.php?option=com_content&view=article&id=12586:play-off-la-partita-e-i-tempi-supplementari-di-linguaglossa-akron-savoca&catid=194:sintesi-delle-partite&Itemid=678 http://sportjonico.it/index.php?option=com_content&view=article&id=12586:play-off-la-partita-e-i-tempi-supplementari-di-linguaglossa-akron-savoca&catid=194:sintesi-delle-partite&Itemid=678 Pareggio per 1-1 nella semifinale play-off LInguaglossa - Akron Savoca valevole per il campionato di Seconda Categoria. Il primo tempo si è concluso sul punteggio di 0-0, con due gol annullati  Marco Calì per fuorigioco. Ad inizio ripresa al 52' arriva il gol del vantaggio dell'Akron Savoca con Cannata. Al 65' pareggia Marco Calì con un colpo di testa. All'80' Cristian Rizzo colpisce la traversa. Si va ai tempi supplementari che si concludono sul punteggio di 1-1 che qualifica (per la miglior posizione in campionato) il Linguaglossa.

GUARDA IL VIDEO: - Linguaglossa-Akron Savoca: 1^ Tempo

GUARDA IL VIDEO: - Linguaglossa-Akron Savoca - 2^ Tempo.

 

GUARDA IL VIDEO: - Linguaglossa - Akron Savoca : Tempi Supplementari.

]]>
info@sportjonico.it (di "M.Muscolino") frontpage Thu, 14 Apr 2016 06:27:26 +0000
"ForzadagròScifì" nuova compagine di 3° Categoria. http://sportjonico.it/index.php?option=com_content&view=article&id=1600:ritorna-il-calcio-a-forza-dagro-e-nata-una-nuova-societa&catid=123:classifica-marcatori-allievi-regionali http://sportjonico.it/index.php?option=com_content&view=article&id=1600:ritorna-il-calcio-a-forza-dagro-e-nata-una-nuova-societa&catid=123:classifica-marcatori-allievi-regionali Normal 0 14 false false false MicrosoftInternetExplorer4

Ritorna il calcio giocato a Forza D’Agrò. Dopo diversi anni di assenza, una nuova compagine calcistica si affaccia sui terreni di calcio di un campionato di Terza Categoria. Si tratta dell’ A.C.D. ForzadagròScifì. Dopo l’Agrilea, compagine che ha disputato diversi campionati di Terza Categoria di buon livello negli anni ’80, un’altra squadra si appresta a calpestare di nuovo i campi della riviera jonica in un torneo organizzato dalla Figc di Messina.

La data di nascita lo scorso 8 settembre 2009 quando i soci fondatori hanno firmato davanti al notaio la costituzione dell’A.C.D. e la composizione del direttivo. Alla carica di Presidente: Evaristo Lo Giudice; Vice Presidente: Antonino Gentile; Segretaria: Rita Interdonato; Tesoriere: GianLuca Moschella; Consigliere: Santino Spadaro.

La neo Società affronterà il suo primo campionato di Terza Categoria con un’organico composto da 25 giocatori, prevalentemente del luogo e di alcuni elementi (Tamà, Costa, Serri, A. Gentile tanto per citarne alcuni) anche se avanti con gli anni, hanno ancora molto da dare al calcio giocato, saranno diretti dal giovane tecnico Santino Spadaro.

Nel suo lavoro sarà coadiuvato dal suo vice Antonino Gentile. Già da una settimana la compagine di ForzadagròScifì si sta allenando al Comunale di Scifì, rimesso a lucido, dopo tanti anni di non utilizzo, grazie all’impegno del vice-sindaco Massimiliano Cacopardo (uno dei principali sostenitori del ritorno del calcio a Forza D’Agrò), con grande entusiasmo per preparare nei modi migliori all’imminente campionato.

Ecco l’organico dell’A.C.D. ForzadagròScifì per la stagione 2009/10:

Portieri: Marco Perrone e Giuseppe Pantini.
Difensori: Antonio Tamà, Alberto Lombardo, Sebastiano Pinto, Evaristo Lo Giudice, Massimo Cacopardo, Alessio Di Pietro, Massimo Serri, Antonino Gentile, Sebastiano Smiroldo e Antonino Cannata:

Centrocampisti: Antonino Nipo, Alfredo Rigano, Domenico Muscolino, Carmelo Lombardo, Cristian Muscolino, Gianfilippo Puglia, Carmelo Rigano, Antonio Caponiti, Nicola Gentile e Massimiliano Smiroldo;
Attaccanti:Nino Costa, Rino Piras e Danilo Camelia;

]]>
info@sportjonico.it (di "Mimmo Muscolino") frontpage Thu, 24 Sep 2009 14:29:22 +0000
Marcatori - Seconda Categoria Girone E - 2011/12 http://sportjonico.it/index.php?option=com_content&view=article&id=5284:marcatori-seconda-categoria-girone-e&catid=118:classifica-marcatori-2d-categoria&Itemid=452 http://sportjonico.it/index.php?option=com_content&view=article&id=5284:marcatori-seconda-categoria-girone-e&catid=118:classifica-marcatori-2d-categoria&Itemid=452 Sempre al comando A. Mento (Messana) con 16 reti nel Girone E di Seconda Categoria. Al secondo posto Andreacchio (Gescal) con 13 reti, segue  A. Torre (Real Gabbiano) con 12 reti. Al quarto posto De Tommasi (Saponara) con 11 reti.

Ecco la classifica aggiornata alla 21^ Giornata di campionato:

16 RETI: A. Mento, 5 rig. (Messana);

13 RETI: Andreacchio, 3 rig. (Gescal);

12 RETI:  A. Torre, 2 rig. (Real Gabbiano);

11 RETI: De Tommasi, 1 rig. (Saponara);

9 RETI: Messina (Merì);

8 RETI: Comandè (Messana), G. Belfiore (Peloro);

7 RETI: Giangrande (Merì) D'Agostino, 1 rig. (Usclo Pace);

6 RETI: Donato (Cariddi), F. Giordano (Gescal), Fa. Faranda, 1 rig. (Peloro), Bucca, 1 rig.,G. Scolaro (Merì), Longo  (Usclo Pace), Lombardo (Saponara);

5 RETI: Coluccio, 1 rig.  (Cariddi), Costanzo, 1 rig., Lisa, 1 rig. (Messana),  Visalli (Real Gabbiano), Mirabile (Terme Vigliatore);

4 RETI: Romeo (Cariddi), Conti, 1 rig. (Fondachelli), Previti (Real Rometta), Crisafulli, De Gaetano, 1 rig. (Real Gabbiano), Grillo (Merì), Pagano, Fiorentino (Saponara), Germanà (Terme Vigliatore), Macula, Verderico, 1 rig. (Tonnarella Beach), Mirabella, 2 rig. (Usclo Pace);

3 RETI: Campo (Fondachelli), Ammo (Gescal), L. Belfiore, Lo Nostro, Tomasello (Peloro), Barresi, Lipuma, 1 rig. (Terme Vigliatore), La Macchia , 1 rig., Giardina (Tonnarella Beach),  Giunta, 1 rig. (Saponara);

2 RETI: Molonia (Cariddi), Milone, M. Garofalo, Di Salvatore (Fondachelli), Leardo, Lorenzini (Peloro), Sergi, Coppolino, Faraone, Salvo, Pellegrino (Gescal), Zarzaca (Merì), Nava, Rainieri, Romeo (Messana), Sturniolo (Tonnarella Beach), Schepis, 2 rig.  (Terme Vigliatore), Scibilia, Pino, Venuto M. 1 rig. (Real Rometta), D. Torre (Real Gabbiano), A. Zanghì, Nunnari (Usclo Pace);

1 RETE: Acquaviva, Carrozza, Bonsignore (Gescal), Russo, Isgrò (Merì), Occhino, Lo Presti, Ceraolo, Ardizzone, S. Molonia, Bottari, 1 rig., S. Mento, 1 rig. (Messana), Sergente, G. Salmeri, De Falco, Leto, Cosimini, Presti, L. Torre ( Real Gabbiano), Fa. Aiello, Sanni, Baio (Peloro), La Ganga, M. Gangemi, A. Lombardo, G. Russo, Muggeri, S. Gangemi (Saponara), D’Ascola, Celi, De Tommasi, Arena, Costa ( Usclo Pace), Voinea, Valenti, Calabrese, Alesci, Papa, Pantè, Presti, Tramontana, Ferrara (Terme Vigliatore), Puliafico, Barresi, F. Baglione, Brigandì (Tonnarella Beach), Bisazza, Filoramo, Zarzaca (Real Rometta), Vaccaro, 1 rig., Pirri, Costantino, E. Garofalo,Torre, Ferrara, Mazzeo (Fondachelli), Tedesco,  G. Mento,  Bertolami, Sofia (Cariddi);

]]>
info@sportjonico.it (di "Redazione") frontpage Tue, 22 Nov 2011 19:03:41 +0000
Asd Letojanni in nove beffa (1-0) lo Sparagonà. http://sportjonico.it/index.php?option=com_content&view=article&id=1698:asd-letojanni-in-nove-beffa-1-0-lo-sparagona&catid=182:tabellini http://sportjonico.it/index.php?option=com_content&view=article&id=1698:asd-letojanni-in-nove-beffa-1-0-lo-sparagona&catid=182:tabellini

Davanti ad un discreto pubblico (mai visto negli ultimi anni cosi numeroso sugli spalti del Mario Lo Turco) hanno fatto esordio nel loro primo  campionato di Terza Categoria il Letojanni del Presidente Alessio Camarda e il Calcio Sparagonà del Presidente Cosimo Scarcella.  Ad aggiudicarsi l’intera posta in palio sono stati i padroni di casa grazie alla rete messa a segno al 70’ dal neo entrato Nicita.

La vittoria del Letojanni ha del clamoroso: in nove uomini per gran parte della gara con una grande prova di carattere a castigato uno Sparagonà, forse troppo sicuro di sé, con la superiorità numerica di poter avere la meglio. Invece, non è stato così, sono stati i ragazzi di Caudullo a portare a casa i primi tre punti della stagione. La formazione santateresina guidata dal mister Carmelo Brigandì ha buttato al vento una partita giocata a partire dalla ripresa con due uomini in più, senza riuscire a trovare il guizzo giusto per fare bottino pieno.

La gara è stata vivace ben giocata da entrambe le formazioni che si fronteggiavano a centrocampo. Con il passare dei minuti, lo Sparagonà iniziava a imbastire manovre offensive con Silvio e Cannata che venivano controllate dalla difesa del Letojanni. Il primo tiro in porta arrivava al 20’ con Cannata con un tiro da fuori impegnava il portiere Giordano.

I padroni di casa cercavano di pungere in attacco con l’uomo più esperto,anche se avanti con l’età, Franco Sgroi. Lo Sparagonà avanzava il proprio baricentro mettendo in difficoltà i difensori locali a farne le spese Smiroldo ammonito al 25’ e poco dopo espulso dall’arbitro Gemellaro. Nel finale del primo tempo veniva espulso il centrocampista Raneri con il risultato fermo sullo 0-0.

Nella ripresa si aspettava da un momento all’altro il vantaggio dello Sparagonà che non arrivava. Mister Brigandì richiamava Ucchino ed inseriva Casablanca per potenziare la manovra d’attacco. Nonostante la supremazia territoriale con il Letojanni in difesa del risultato, sono propri i padroni di casa inaspettatamente a portarsi in vantaggio con il giovane Nicita con Colloca fuori causa. 

Pronta reazione degli ospiti al 74’ con Cannata su calcio da fermo vicinissimo alla marcatura. Al 75’ fuori Carnabuci dentro Gioia, la mossa di Brigandì per ristabilire la parità che non arrivava nonostante i vari tentativi operati verso la porta di Giordano. All’82’ azione personale di Rizzo che faceva tutto da solo ma la conclusioni non impensieriva il portiere letojannese. Nell’arrembaggio santateresino intermezzo del Letojanni con Pace che impegnava il portiere ospite locale.

Al triplice fischio finale entusiasmo tra le file giallo blu, amarezza come è maturata la sconfitta per i nero – verdi santateresini.

Letojanni   1   Calcio Sparagonà  0

Marcatore: 70’ Nicita.
Letojanni:
Giordano, Bucalo, Smiroldo, Mauro, Camarda, Valastro, Paiano (49’ Lo Giudice), Raneri, Sgroi (62’ Romeo), Pace, Tornatore (40’ Nicita).
Sparagonà:
Colloca, Carnabuci (75’ Gioia), Sciarrone, La Monica, Pacher, Ucchino (55’ Casablanca), Ingalis, Caminiti, Cannata, Rizzo, Silvio.
Espulsi:
30’ Smiroldo e 47’ Raneri.

Arbitro: Gemellaro di Messina..

]]>
info@sportjonico.it (di "Mimmo Muscolino") frontpage Mon, 19 Oct 2009 14:43:51 +0000
Varato il tabellone della Coppa Italia Promozione: Pistunina - Sporting Taormina e Randazzo - Jonica Fc. http://sportjonico.it/index.php?option=com_content&view=article&id=10024:coppa-italia-promozione-pistunina-sporting-taormina-e-randazzo-jonica-fc&catid=124:tutto-coppe http://sportjonico.it/index.php?option=com_content&view=article&id=10024:coppa-italia-promozione-pistunina-sporting-taormina-e-randazzo-jonica-fc&catid=124:tutto-coppe Ufficializzata la prima fase del tabellone della Coppa Italia Promozione  – Memorial Day “Orazio Siino”.. Ai nastri di partenza le 64 squadre partecipanti al Campionato di Promozione stagione sportiva 2014/15.

Si parte dai Trentaduesimi con gare di andata e ritorno ad eliminazione diretta. Si parte Domenica 24 Agosto 2014 con le gare di andata e Domenica 31 Agosto 2014 le gare di ritorno con inzio alle ore 16.00.  Fino ad arrivare alla finale prevista in gara unica in campo neutro con eventuali tempi di supplementari e calci di rigore.  La Lega ha stabilito che la finalissima si disputerà su un campo della Provincia di Caltanissetta.

Ricordiamo che la vincente della manifestazione acquisisce il titolo sportivo per richiedere l’ammissione al Campionato di Eccellenza stagione sportiva 2015/16.

La Lega ha stabilito che per le gare di Coppa Italia vige l’obbligo di impiegare un calciatore nato dal 1995, uno nato dal 1996 e uno nato dal 1997.

Ecco il tabellone dei Trentaduesimi di Finale

Città di Mistretta – Castelbuono 1975

Stefanese – Cefalù Calcio

Città di S. Agata – Rocca di Caprileone

Mamertina – Sinagra

Santagiolese – L’Iniziativa

Ciappazzi – Merì

Città di S. Filippo – Pro Mende

Torregrotta – Forza Calcio Spadaforese

Pistunina – Sporting Taormina

Randazzo – Jonica Fc

Città di Randazzo  - Troina

Real Aci – Aci S. Antonio

Calcio Aci S. Filippo – S. Gregorio – sabato 23.8.

Trecastagni – Atletico Pedara

Sporting Battiati – Atletico Catania

Calcio Valverde – Città di Catania

Sicula Leonzio – Sporting Priolo

Belvedere – Palazzolo – sabato 23.8.

Pachino – Ragusa Calcio

Comiso – Santa Croce

Gela Calcio – Macchitella Gela

S. Sebastiano – Atletico Gela

Montemaggiore – Casteltermini

Libertas 2010 – Aragona

Raffadali – Accademia Empedoclina

Siculiana – Sciacca

Folgore Selinunte – Borgata Terrenove

Ligny Trapani – Favignana

Salemi – Castellammare Calcio

Audace Partinico – Città di Carini

Cus Palermo – Delfini Vergine Marina

Real Calcio – Città di Campofelice.

]]>
info@sportjonico.it (di "Redazione") frontpage Fri, 08 Aug 2014 18:43:16 +0000
I probabili gironi delle messinesi nel prossimo campionato di Promozione. http://sportjonico.it/index.php?option=com_content&view=article&id=2910:i-probabili-gironi-delle-messinesi-in-promozione&catid=173:201011&Itemid=599 http://sportjonico.it/index.php?option=com_content&view=article&id=2910:i-probabili-gironi-delle-messinesi-in-promozione&catid=173:201011&Itemid=599 Il prossimo 5 luglio scade il termine ultimo per iscriversi ai vari campionati, completare eventuali fusioni o acquisire titoli sportivi. Solo dopo tale data si può avere un quadro più preciso sulle squadre che prenderanno parte alla stagione sportiva 2010/11. Una volta conosciuta la griglia degli iscritti, toccherà al Presidente della Figc Sicilia – Sandro Morgana -  l’arduo compito della compilazione dei gironi e successivamente dei calendari.

In attesa di quello che succederà dopo il 5 luglio, possiamo provare ad abbozzare i gironi B e C del prossimo campionato di Promozione.

Girone B: dove saranno inserite le 14 messinesi: Bagheria, Caltavuturo, Capaci, Capo d'Orlando, Casteldaccia, Ciappazzi, Collesano, Falcone, Gangi, Mazzarrà, Montemaggiore, Palermitana, Real Palermo, Sporting Arenella, S. Agata, Tiger.

Girone C: composto da 8 messinesi  Villafranca, Taormina, Trappitello, Garden Sport, Sportinsieme, Limina, Monforte, Torregrotta, più altre otto catanesi, ovvero, Riposto, S. Gregorio, Città di Acireale, Viagrande, Spar, Misterbianco, Gravina e Battiati.

Sono delle ipotesi, considerato che, dopo le iscrizioni, si avrà il quadro completo della situazione, in virtà di eventuali rinunce, fusioni e ripescaggi vari che potrebbero cambiare il volto dei gironi.

]]>
info@sportjonico.it (di "S. A.") frontpage Thu, 17 Jun 2010 20:01:35 +0000
Limina probabile sede pre-campionato per il Città di Messina. http://sportjonico.it/index.php?option=com_content&view=article&id=2954:limina-probabile-sede-pre-campionato-per-il-citta-di-messina&catid=165:2009-10&Itemid=592 http://sportjonico.it/index.php?option=com_content&view=article&id=2954:limina-probabile-sede-pre-campionato-per-il-citta-di-messina&catid=165:2009-10&Itemid=592 Si lavora a 360 gradi per costruire una struttura societaria in grado di rispettare i progetti annunciati. Sono molti i nodi da sciogliere per Benedetto Bottari che in questi giorni sta profondendo il massimo impegno.

Staff tecnico e medico: Oltre alla scelta dell'allenatore e dei suoi collaboratori, infatti, c'è da stabilire lo staff medico. In questo settore non ci dovrebbero essere stravolgimenti con la riconferma di Pietro Giorgianni e Ciccio Pietralito. Ancora da decifrare la posizione del preparatore atletico il prof. Lillino Tracuzzi e del preparatore dei portieri Pasquale Rando. Il loro futuro è legato, ovviamente, alla scelta dell'allenatore. È chiaro che se dovesse arrivare un tecnico con un proprio staff, la loro riconferma potrebbe vacillare.

Sede:C'è anche da definire la sede e la data della preparazione che, ovviamente, verranno fatte in sintonia con il nuovo tecnico. Anche se non è escluso come sede logistica Fondachelli (la località scelta lo scorso anno dal Camaro), mentre spunta l'ipotesi Limina che dispone di un ottimo impianto sportivo.

Data: La data non è stata ancora stabilita ma dovrebbe essere tra il 26 luglio e il 2 agosto. Una cosa è certa il 29 agosto ci sarà il debutto in Coppa Italia, il 12 settembre quello in campionato.

]]>
info@sportjonico.it (di "Lillo Puglia".) frontpage Mon, 05 Jul 2010 12:12:37 +0000
Sebastiano Perrone premiato con il “The Best Coach 2016”: un premio che mi dà gioia e orgoglio che condivido con la “famiglia” Valdinisi. http://sportjonico.it/index.php?option=com_content&view=article&id=13782:sebastiano-perrone-premiato-con-il-the-best-coach-2016-un-premio-che-mi-da-gioia-e-orgoglio-che-condivido-con-la-famiglia-valdinisi-&catid=203:lintervista-della-settimana&Itemid=693 http://sportjonico.it/index.php?option=com_content&view=article&id=13782:sebastiano-perrone-premiato-con-il-the-best-coach-2016-un-premio-che-mi-da-gioia-e-orgoglio-che-condivido-con-la-famiglia-valdinisi-&catid=203:lintervista-della-settimana&Itemid=693 Qualsiasi premio o riconoscimento che si riceve ha sempre il suo valore, il suo fascino, un sapore speciale che certamente non si dimenticherà mai, anzi usando la stessa termologia del nostro intervistato “rimarrà per sempre nel suo cuore”.  In futuro potranno arrivare altri riconoscimenti personali, ma il primo è senz’altro diverso…..il primo amore non si scorda mai…….

Certo il riconoscimento è arrivato per “merito” acquisito sul campo, grazie alla vittoria del campionato di Seconda Categoria con il suo Valdinisi, ma è il risultato di anni di passione, d’impegno, ma anche di sacrifici personali che alla fine sono stati premiati con “The Best Coach 2016” un premio che l’Associazione di Messina ogni anno dà a chi vince un campionato.

Il suo è il primo da allenatore, un premio assegnato dall’Associazione Italiana di Messina in occasione della cerimonia dello scorso 18 Dicembre 2016 a Santa Lucia del Mela.  Un successo personale che lui ha inteso condividere con tutta la famiglia della Valdinisi, dai dirigenti, ai suoi collaboratori per passare ai giocatori, stiamo parlando di mister Sebastiano Perrone che continuerà – come ci ha dichiarato nel corso dell’intervista – ad allenare con la stessa passione cercando di migliorarsi  giorno per giorno”.

Un allenatore subito vincente: La sua carriera da allenatore è ancora giovanissima, nel suo destino come in quella da giocatore, c’è Savoca, dall’A.C.S Savoca  (parliamo a metà degli anni ’80, dove ha iniziato la sua carriera calcistica) all’Akron Savoca nel 2013 ancora da giocatore inizia a vestire i panni di “mister” collaborando con Daniele Tusano (vittoria del campionato di Terza Categoria), la stagione successiva da collaboratore ad allenatore conquista  il quinto posto che vale l’accesso alla semifinale play-off. Poi accetta con entusiasmo la chiamata arrivata nell’estate 2015 dal Valdinisi: 39 punti conquistati, grazie a 11 vittorie, 6 pareggi e 1 sconfitte, frutto di 38  fatti e 16 subiti che vale la Prima Categoria.

Allora mister che sensazione si prova a ricevere un premio del genere? “Ricevere un riconoscimento per il lavoro fatto sicuramente mi riempie di gioia e di orgoglio. Rappresenta il mio primo successo personale da allenatore, giunto dopo qualche amarezza e delusione, e quindi rimarrà per sempre nel mio cuore. Vincere un campionato non è mai facile ed ancor di più vincerlo come è stato fatto partendo da outsider, con il miglior attacco e la migliore difesa e con una sola sconfitta in tutta la stagione”.

Un riconoscimento che ripaga di tanti sacrifici sostenuti prima di tagliare il traguardo con la Valdinisi? “ Personalmente rappresenta il traguardo di un percorso iniziato con l’Akron Savoca 2013/14 dove in veste di collaboratore e di giocatore raggiungemmo la promozione in Seconda Categoria, proseguendo da allenatore dell’Akron con l’amara sconfitta nei play-off on 8 contro 11 al secondo tempo supplementare della stagione 2014/15 contro la Nuova Indipendente.”

E ‘scontato che tutto questo lo condividi con il resto della squadra. Ma una dedica particolare….visto che la prima volta non si scorda mai?Voglio pubblicamente ringraziare tutta la Società Valdinisi che mi ha appoggiato ed aiutato per tutta la stagione ed ovviamente tutti i ragazzi della squadra veri artefici della vittoria. In campo, come dico sempre, non va il mister ma vanno i giocatori e sono solo loro che possono vincere le partite mentre se si perde la colpa è dell’allenatore. Un ringraziamento speciale lo devo sicuramente ai miei due collaboratori, Enrico Santoro e Pippo Di Pietro, con cui divido in ogni senso il premio ricevuto. Rappresentano per me non solo due grandi allenatori e collaborato, ma anche due persone eccezionali, due fratelli e che mi auguro possono raggiungere grandi traguardi calcistici”.

Adesso cosa cambia in Sebastiano Perrone allenatore? “ Non cambia assolutamente nulla, continuerò con passione ad allenare cercando di migliorarmi ogni giorno, con lo studio, l’applicazione e l’esperienza che man mano si matura. Abbiamo concluso il girone d’andata in quarta posizione e con tutta sincerità, per come sono andate le partite i ragazzi meritavano qualche punticino in più, siamo come dire in credito con la sorte.

Cercheremo di rimanere più a lungo possibile nelle zone alte della classifica consapevoli però che tante squadre sono forti ed attrezzate e peraltro si sono fortemente rinforzate del mercato dicembrino. Io sono contentissimo dei giocatori che ho a disposizione un giusto mix di giovani e meno giovani, ma soprattutto di ragazzi eccezionali, umili e con grandi margini di miglioramento”.

Cosa ha pensato quando ti hanno chiamato a ricevere il premio? “ Ho pensato che lì non dovevo essere solo a riceverlo, ma dovevano esserci tutti i giocatori, tutto lo staff tecnico e tutti i dirigenti della Valdinisi perché in verità è stata davvero una vittoria di tutti, e di due paesi uniti calcisticamente, Nizza di Sicilia e Alì Terme.

]]>
info@sportjonico.it (di "M.Muscolino") frontpage Sat, 31 Dec 2016 20:55:50 +0000
Ottimo quarto posto per la Raccomandata Giardini alle Finali Nazionali di Cuneo. Premio per Matteo Ardito. http://sportjonico.it/index.php?option=com_content&view=article&id=14052:ottimo-quarto-posto-per-la-raccomandata-giardini-alle-finali-nazionali-di-cuneo-premiato-il-giardinese-matteo-ardito&catid=114:hockey&Itemid=271 http://sportjonico.it/index.php?option=com_content&view=article&id=14052:ottimo-quarto-posto-per-la-raccomandata-giardini-alle-finali-nazionali-di-cuneo-premiato-il-giardinese-matteo-ardito&catid=114:hockey&Itemid=271 Si è conclusa con un ottimo quarto posto la partecipazione alle Finali Nazionali nella categoria Under 16 Indoor svoltasi a Bra in provincia di Cuneo.

La squadra G.S.Raccomandata Giardini è riuscita a  centrare la qualificazione per le semifinali dopo tre emozionanti partite , il primo incontro contro i padroni di casa ,la squadra piemontese gioca a ritmi elevati e si porta sul 2-0, nei minuti iniziali ,c'è  la reazione degli azzurri ma non si riesce a scardinare l' attenta difesa avversaria, si registrano due clamorose occasioni sviuppate ed anche un rigore viene purtroppo non finalizzato da Caruso. Sul finale di primo tempo alcune distrazioni in fase difensiva fanno si che la prima frazione si chiude sul 5-0 risultato pesante. Nel secondo tempo squadra più attenta il parziale è di 3-2 con reti di Andrea Caruso e Matteo Ardito,

Si torna in campo alle 15:30, contro la squadra del Città Tricolore Reggio Emilia ,che nella gara uno ha inflitto un 4-1 al Campagnano, la partita è vivace con azioni da entrambe le parti, la Raccomandata sblocca il risultato con una pregevole azione di  Oreste Brunetto, subito dopo arriva il raddoppio, con Francesco Bandieramonte, gli emiliani pareggiano in pochi minuti, prima di subire altre due reti entrambe da Caruso una su tiro di rigore, nella ripresa la squadra amministra bene il vantaggio difende bene e segna ancora quattro reti due con Caruso e due con  Ardito.

L'ultima partita del girone è Raccomandata -  Campagnano con Bra 9  punti Raccomandata e Tricolore 3, Campagnano 0, i giocatori laziali e siciliani danno vita ad una avvincente partita ricca di emozioni e molto combattuta il Campagnano infatti vincendo con più gol potrebbe accedere alle semifinali, ai giardinesi potrebbe bastare un pareggio, grinta e determinazione in ogni azione i laziali mettono in difficoltà la difesa in parecchie occasioni,  ottimi gli interventi del portiere Alessandro Di Stefano,sul finale di primo tempo però il Campagnano si porta in vantaggio.

Nella riprenda la squadra siciliana si sveglia ed inizia a creaare diverse occasioni i gol di susseguono in rapida successione, arrivavilngol dell1-1 poi 1-2, 2-2, 3-2, gara sempre sul filo dell'equilibrio, 3-3, 4-3 e 5-3.  La partita è spettacolare ad un minuto e trenta dalla fine la Raccomandata è in vantaggio per 5-3 con cinquina del talentuoso giocatore Matteo Ardito (prestito dalla TevereHC), poi però il Campagnano riesce a pareggiare eèstrappare una importante vittoria che gli consente di accedere alla final 5-6 posto.

Nonostante i ragazzi escono demoralizzati dalla faticosa partita c'è euforia per il raggiungimento delle semifinali per la migliore differenza reti, nella classifica avulsa, in semifinale la Raccomandata (come lo scorso anno in under14) si trova di fronte il Bondeno Hockey Club, primo per differenza reti nel girone B ,i ragazzi siciliani affrontano gli avversari a viso aperto ottime giocate da entrambe le parti, il Bondeno però segna di più e gioca con più attenzione,   il primo tempo si chiude sul 4-2 reti di Caruso e Ardito.

Nella ripresa i giocatori siciliani mettono grinta e determinazione ma subiscono altre 4 reti e ne segnano solo due con (Brunetto e Bandieramonte), i ragazzi lasciano il campo tra gli applausi del pubblico per la bella partita contro il forte Bondeno poi vincente in finale.

Ancora forti emozioni nella finalissima per terzo posto, avversario è il Savona HC, squadra che annovera tra le sue file alcuni giocatori che fanno parte nella rosa  in A2,  hanno pure gol all'attivo come gli attaccanti Gaibazzi e Vaglini. Il pronostico è dalla parte dei liguri,i giocatori della Raccomandata credono però nelle loro forze e giocano con il cuore e con determinazione e tanta concentrazione,la partita è bellissima con belle parate da entrambe le parti e delle pregevoli azioni.

Il primo tempo si chiude sul 4-2 ( Ardito -Caruso) Savona ma la squadra è viva e crede nella rimonta. Secondo tempo ricco di emozioni fra gli applausi del pubblico, segnano ancora Ardito (2), Brunetto ma ad ogni gol fatto si registra uno subìto, la squadra ligure vuole chiudere la partita manca ormai pochissimo,l a squadra tenta gli ultimi assalti e riesce a portarsi a meno uno con il gol di Caruso,  rimettere il risultato in parità è a tempo scaduto il capitano Brunetto che con un tocco di precisione su azione di corner corto sigla per la Raccomandata il gol del definitivo 7-7, esplosione di gioia in campo dei giocatori e tutto lo staff (presente anche il presidente Pancrazio Villari).

Si decide ai tiri di rigore: Il Savona nei primi tre ne segna due la Raccomandata zero e così si conclude un'altra  bella esperienza per la società giardinese, amarezza per il bronzo sfiorato e purtroppo lasciato, ma grande soddisfazione per la grande prova di carattere che la squadra ha saputo dare.

I ragazzi hanno ricevuto i complimenti sia dagli avversari e anche dal consigliere della F.I.H.Enrico Medda che si è avvicinato negli spogliatoi trovando anche qualche ragazzo in lacrime.  Premiato anche il giovanissimo talento Matteo Ardito che è stato capocannoniere del torneo con 11 reti a pari merito con JCarlos Del Città Tricolore.


]]>
info@sportjonico.it (di "M. Brunetto") frontpage Wed, 01 Mar 2017 13:00:26 +0000
B/1 - Debutto amaro nei play-off per la Maceri Letojanni cede in casa del Latina per 3-1. http://sportjonico.it/index.php?option=com_content&view=article&id=14384:b1-debutto-amaro-nei-play-off-per-la-maceri-letojanni-cede-in-casa-del-latina-per-3-1&catid=91:volley-maschile&Itemid=718 http://sportjonico.it/index.php?option=com_content&view=article&id=14384:b1-debutto-amaro-nei-play-off-per-la-maceri-letojanni-cede-in-casa-del-latina-per-3-1&catid=91:volley-maschile&Itemid=718 Stavolta non c’è stato nulla da fare. L’impresa non è andata in porto. Ydra Latina troppo forte in tutti i fondamentali e aiutata dal calore del pubblico del Pala “Dante Alighieri” e  Siciliana Maceri Letojanni che ha subito un calo rispetto alle ultime prestazioni e forse esausta e sfinita fisicamente dopo aver dettato legge nel corso di tutta la regoular season.

E così il risultato finale della prima gara dei play-off per raggiungere la serie A2 poteva che essere solo negativo per i letojannesi, che ieri pomeriggio, sul parquet dei laziali, non hanno infatti retto alle stoccate vincenti dell’armata del tecnico Gatto, cedendo per 3 a 1 dopo due ore di gioco. Capitan Schifilliti e compagni, sempre in gara e mai restii a mantenersi a galla e colpire nei punti deboli degli avversari, hanno di certo offerto una prestazione non entusiasmante in tutti i reparti. Sia in ricezione che in difesa ma anche a muro. Ma c’è da dire che il lungo viaggio per arrivare in quel di Latina è stato sicuramente un brutto colpo per un sestetto che adesso dovrà giocarsi le residue speranze per giungere quanto meno a gara 3 ed ottenere il pass per la finale.

Dopo il Ko delle scorse ore, i siciliani saranno infatti chiamati a rispondere presente sul parquet di casa già sabato prossimo, quando i pontini dovranno organizzarsi per raggiungere il Pala “Letterio Barca” ed affrontare gli jonici in un match decisivo. Qualora in Sicilia il Latina riuscisse a battere nuovamente i letojannesi, si assicurerebbe la qualificazione alla finale con Gioia del Colle. Ma una vittoria dei messinesi con qualsiasi punteggio consentirebbe loro di disputare un’ulteriore gara in casa dei laziali che, qualora cedessero anche al tie-break porterebbe il Letojanni al passaggio del turno. Un obiettivo che sembra ormai una chimera ma in cui Mazza e compagni credono ancora. E il motivo sta nel fatto che sul parquet casalingo basterà mettere più concentrazione e consapevolezza nei propri mezzi. Strumenti che il sestetto, sceso a Latina, ha dimostrato di possedere nonostante la debacle.

Primo Set: Una sconfitta che nei primi scampoli di partita sembrava non potesse concretizzarsi, visto che Schifilliti in cabina di regia, Schipilliti e Remo al centro, Princiotta e Mazza di banda, Barbera sulla linea opposta e Ruggeri in ricezione iniziavano a macinare gioco, offrendo qualità e quantità ad una manovra che veniva bloccata più volte dai due posti 4 avversari De Fabritiis e Bacca (per loro rispettivamente 17 e 16 punti ciascuno).

Si partiva punto a punto con i locali che giocavano di fisicità, sfruttando una ricezione non impeccabile e una difesa non ai livelli abituali dei peloritani. E ciò portava ad un punto a punto che naufragava poi in un 8 a 7 per i padroni di casa al primo time-out tecnico. Al rientro in campo ospiti convinti nei propri mezzi ma sfortunati in più occasioni e che soffrivano sulle palle sporche messe a terra dai laziali.

Il set scorreva sempre in equilibrio, ma Di Coste e i suoi imprimevano la marcia andando a far loro il secondo tempo per 16 a 13. Poi un testa finale che premiava i pontini, bravi a sfruttare dei cali di attenzione dei letojannesi che lasciavano al Latina la vittoria del primo parziale per 26 a 24.

Secondo Set: Si andava al riposo e il secondo round cominciava con un Mazza in grande spolvero e un sestetto più in palla. Il Latina sembrava intontito rispetto alla frazione di gioco precedente e i letojannesi giungevano in un batter d’occhio all’8 a 5 e poi al 16 a 13 nei due time-out. Tutto grazie ad attacchi abbastanza eccellenti di Schipilliti e Remo e ad una regia di Schifilliti quasi perfetta, che conducevano i messinesi fino ad un massimo vantaggio di 5 lunghezze, mantenendo la distanza fino al 25 a 22 finale. Di mezzo tanta voglia di rimanere in scia e continui botte e risposte tra De Fabritiis e Mazza, di gran lungo il migliore tra i suoi con 22 punti totali messi a segno.

Terzo Set: Tutto sembrava andare a favore degli uomini di Centonze ma il terzo set iniziava sulla falsariga del primo, con i locali che partivano subito forte e gli ospiti sempre ad inseguire. L’equilibrio tra le due squadre, ad un certo punto, era qualcosa di assodato ma la lotta terminava già al secondo time-out, vinto dai locali per 16 a 14, dopo aver conquistato anche il primo per 8 a 6. Risultati che non sorridevano di certo ad un Letojanni che riusciva, comunque, ad avvicinarsi secondo dopo secondo all’avversaria.

Quest’ultima scavava un solco di ben 4 lunghezze ma soffriva le ripartenze dei siciliani,  intenzionati a non lasciare spazio ulteriore agli ottimi servizi e alle stoccate dell’opposto laziale Di Coste. Alla fine, sul 23 a 21 per i padroni di casa, gli ospiti ritornavano a galla ma proprio Di Coste chiudeva il set sul 25 a 23.

Quarto Set: Il quarto parziale dava l’impressione di essere solo agonia ed immenso dispendio di energie per Schipilliti and company, visto che i locali partivano in sordina andando sul 3 a 1 e poi sull’8 a 6 al primo tempo. Letojanni cercava sempre di controbattere a muro e in contrattacco, sfruttando le poche sbavature laziali, ma non riusciva mai a decollare del tutto, rimanendo sotto di 5/6 lunghezze (14 a 9).

Poi un attimo d’orgoglio con il solito Mazza a metter giù palloni su palloni che non servivano a nulla, visto che i ragazzi di Gatto andavano ad aggiudicarsi il secondo tempo con un punteggio di 16 a 13. Da qui un continuo batti e ribatti che portava gli ospiti verso l’aggancio che si volatilizzava, però, a causa di errori tecnici. Alla fine la maggiore compattezza dei locali conduceva questi ultimi alla vittoria del set per 25 a 22 e che poneva fine alla contesa.

Sconfitta che brucia per i ragazzi di Centonze e che, qualora fosse stata evitata, avrebbe fornito più coraggio e sicurezza ad una Siciliana Maceri che ritornerà al lavoro già da lunedì sera per preparare al meglio la sfida di sabato prossimo. Quella da dentro o fuori.

YDRA VOLLEY LATINA: Rossi 3, Sorgente L1, Di Coste 9, Porcello 9, Testagrossa 10, De Fabritiis 17, Bacca 16. ALL.: Gatto.

SICILIANA MACERI VOLLEY LETOJANNI: Scollo 3, Schifilliti 2, Schipilliti 5, Ruggeri L1, Barbera 11, Princiotta 3, Calabrò 1, Mazza 22, Remo 11. N.E.: Salomone L2, Caravello. ALL.: Centonze.

SET: 26-24; 22-25; 25-23; 25-23; 25-22

ARBITRI: Muztu di Cagliari e Valletta di Olbia

]]>
info@sportjonico.it (di "Enrico Scandurra".) frontpage Sun, 14 May 2017 11:53:42 +0000
Sfuma la promozione in Prima Categoria per il Città di Roccalumera, la finale play-off fa gioire il Rodi Milici. http://sportjonico.it/index.php?option=com_content&view=article&id=14435:sfuma-la-promozione-in-prima-categoria-per-il-citta-di-roccalumera-la-finale-play-off-fa-gioire-il-rodi-milici&catid=89:seconda-categoria&Itemid=364 http://sportjonico.it/index.php?option=com_content&view=article&id=14435:sfuma-la-promozione-in-prima-categoria-per-il-citta-di-roccalumera-la-finale-play-off-fa-gioire-il-rodi-milici&catid=89:seconda-categoria&Itemid=364 Questa  volta i tempi supplementari sono stati fatali per il Città di Roccalumera che si deve arrendere alla maggior freschezza atletica del Rodi Milici che espugna il comunale roccalumerese è vola in Prima Categoria. A decidere la finale play-off del campionato di Seconda Categoria i tre giocatori di maggior classe ed esperienza Cicero, il capocannoniere del torneo Gabriele Torre e Milia, solo illusione per il gol che ha portato in vantaggio i locali con una splendida conclusione di Thomas Crementi.

Il cammino per arrivare in finale: Il Città di Roccalumera dopo aver chiuso al primo posto in classifica il campionato in coabitazione con il Milazzo Academy (51 punti), si è arreso allo spareggio sui calci di rigore, poi la vittoria nella gara  di semifinale contro il Real Merì. L’altra contendente alla promozione in Prima Categoria, il Rodi Milici ha chiuso la regolare stagione in quarta posizione, poi la vittoria in semifinale 2-1 sul campo dell’Itala, adesso il trionfo sul campo del Roccalumera per 3-1 che vale la conquista della Prima Categoria. Nelle due gare di campionato, due successi per la formazione di Imbesi, nella gara di andata sbanca roccalumera per 3-1, nel ritorno vittoria per 2-0.

Lo scenario della finale: Una buona cornice di pubbico hanno riempito la gradinata del Comunale di Roccalumera in maggioranza di fede rossoblù, tifosi del Rodi Milici arrivati a sostenere i propri beniamini con macchine e pullman hanno sostenuto con una grande passione con canti e inni i propri giocatori nel corso dell’intera gara con l’apoteosi del terzo gol proprio allo scadere che ha dato inizio all’apoteosi della festa promozione.

Alla gioia di una tifoseria, l’amarezza e la delusione da parte dei sostenitori locali quelli che tenevano veramente alla squadra nell’ultimo atto per il traguardo della prima categoria che sembrava a portata di mano dopo un campionato condotto sempre in vetta……alla fine la lotteria dei play-off è stata fatale, amarezza che non cancella l’ottima stagione disputata tra le difficoltà dalla compagine del Presidente Antonino Sterrantino.

La  gara: La finale tra Città di Roccalumera e Rodi Milici si apre con il minuto di raccoglimento pe la scomparsa in settimana dell’ex fischietto Farina.  Fischio d’inizio con una temperatura piuttosto calda che ha condizionato la gara che vede subito in avanti il Città di Roccalumera che si rende pericoloso al 5’ con una splendida azione lancio in verticale per Antonio Scarci con un perfetto pallonetto supera il portiere in uscita, nell’attimo della conclusione nella porta sguarnita arriva il difensore ospite Chillemi che sbriga la matassa mandando la sfera in angolo.

Un buon avvio per i ragazzi di mister Carmelo Campailla (in tribuna per squalifica) in panchina Enzo Famulari che ci provano con un tiro dal limite di Leo di poco fuori. Il Rodì che deve assolutamente vincere, con un’ottima organizzazione di gioco cerca di riproporsi con delle ottime ripartenze anche se non portano a seri pericoli alla porta di Trimarchi. Ecco che al 28’ il Comunale s’infiamma per il vantaggio del Città di Roccalumera: dalla destra Gaeta mette un perfetto traversone in area avversaria per Thomas Crementi che dal limite fa partire un perfetto sinistro che fa gonfiare la rete di Salvatore Torre per l’esultanza dei tifosi locali. Si mette subito sui binari giusti la gara per il Città che controlla la pronta reazione ospite con un tiro di Cicero, per il resto la prima frazione ha visto le due squadre bloccate tatticamente che porta all’intervallo con il vantaggio per 1-0 del Città.

La ripresa si apre con un tentativo di Crementi, gran gara quella dell’attaccante di casa, risponde all’8’ Cicero con un colpo di testa. Rispetto alla prima frazione, il Rodi Milici alza in baricentro del gioco, con il Città che arretra pronta a colpire in contropiede, al 56’ ottima sponda di Cicero per Calabrò il cui tiro termina fuori dallo specchio della porta.  Sul lato opposto ci prova Simone Carnabuci su passaggio di Crementi. Al 60’ arriva il pareggio del Rodi Milici dalla sinistra Gabriele Torre mette al centro sul lato opposto dove trova la testa di Calabrò in versione assist-man per Cicero che stacca più di tutti è non perdona Trimarchi.

Il gol dà morale agli ospiti che adesso cercano con più insistenza il gol del sorpasso, nelle file del Città di fa sentire la stanchezza, il Rodi Milici va al tiro con Calabrò e Fazio con Trimarchi a bloccare. A tre minuti dalla fine l’incontro si accende improvvisamente, non per una spettacolare giocata, ma per atteggiamenti dei giocatori protagonisti di un momento di tensione che il direttore di gara risolve con il cartellino rosso mandando anzitempo Capitiniti e Puglisi per il Città di Roccalumera e Calabrò per gli ospiti.  Si ritorna a giocare con il Città in nove e gli ospiti in dieci che porta al fischio finale dei 90’ con il punteggio di 1-1 che porta le due squadre ai tempi supplementari.


Tempi Supplementari: Nell’extra time, parte subito bene il Città con Crementi con Torre che para. Sugli sviluppi di un calcio di punizione di Fazio arriva il colpo di testa di Manuri di poco fuori. Il Rodi prova a vincere, mentre il Città non ha più benzina nelle gambe,  all’8’ il portiere locale si salva deviando in angolo una conclusione di Cicero. Risponde Simone Carnabuci che da ottima posizione ritarda l’attimo giusto per concludere in porta. Al 13’ il Città va vicino al gol su punizione dal versante destro di Leo che trova la pronta parata di pugni di Torre che devia in angolo. Prima della conclusione del primo tempo supplementare ancora Simone Carnabuci di poco fuori.

Si ritorna in campo per gli ultimi 15’ con il Rodi fermo sull’1-1, punteggio che premia i locali per il salto di categoria, al primo affondo il duo Milia ispiratore  e Gabriele Torre finalizzatore portano in vantaggio il Rodi, gol pesante che può valere la “promozione”.  Il Città accusa il colpo, entra in campo l’esperto attaccante Cannata per riacciuffare la parità e la Prima Categoria, possibilità che viene definitivamente sopita al 121’ quando Catalfamo pennella un perfetto traversone per la testa di Milia che sigla il 3-1  in contemporanea arriva il triplice fischio finale che  dà inizio ai festeggiamenti per la conquista della Prima Categoria.

GUARDA IL VIDEO DEI FESTEGGIAMENTI DEL FINE GARA DEL RODI MILICI

Città di Roccalumera  - Rodi Milici   1-1 (1-3 dts)

Marcatori: 28' Crementi,  60’ Cicero, 4' sts G. Torre, 16' sts Milia.

Città di Roccalumera: Trimarchi, Di Bella (3' sts Cannata), Leo, Smiroldo, Puglisi, Ispoto, Scarci (80’ Peppe Briguglio), Gaeta, Campagna (62’  Capiniti), Crementi, Carnabuci.  All.: Campailla (squalificato), in panchina Famulari.

Rodì Milici: S. Torre, Aliberti, Munafò, Caccamo (46’  Calabrò), Chillemi, Trifilò, Torre Samuele (81’ Manuri), Fazio, Cicero (10' pts ​Catalfamo), Milia, G. Torre.  All.: Campisi

Arbitro: Mucera di Palermo Assistenti: Chichi di Palermo e Piccichè di Trapani

Ammoniti: Di Bella, Ispoto e Crementi (Città di Roccalumera), Caccamo (Rodi Milici).

Espulsi: 87’ Capiniti e Puglisi (Città di Roccalumera), Calabrò (Rodi Milici).

GUARDA LE FOTO DELLA PARTITA SULLA PAGINA FACEBOOK "SPORTJONICO GIORNALE SPORTIVO"


]]>
info@sportjonico.it (di "Mimmo Muscolino") frontpage Mon, 29 May 2017 11:19:07 +0000
Intervista al furcese Pietro Villari, preparatore atletico della Pallavolo Messina. http://sportjonico.it/index.php?option=com_content&view=article&id=7210:intervista-al-furcese-pietro-villari-preparatore-atletico-della-pallavolo-messina&catid=195:interviste-audio&Itemid=679 http://sportjonico.it/index.php?option=com_content&view=article&id=7210:intervista-al-furcese-pietro-villari-preparatore-atletico-della-pallavolo-messina&catid=195:interviste-audio&Itemid=679 Una intervista a 360° quella realizzata con il furcese Pietro Villari, ex atleta della Jonica Maschile di S. Teresa, oggi preparatore atletico della Pallavolo Messina.

Una chiaccherata dove si parla della sua esperienza a Messina, le prospettive della pallavolo della riviera jonica, del suo sogno nel cassetto: il ritorno della pallavolo maschile a S. Teresa, infine, uno sguardo ai giovani del territorio un patrimonio da salvaguardare.

]]>
info@sportjonico.it (di "Mimmo Muscolino") frontpage Wed, 28 Nov 2012 14:26:27 +0000
Akron Sport Savoca al capolinea? Diatribe interne mettono in pericolo l'iscrizione al prossimo campionato. http://sportjonico.it/index.php?option=com_content&view=article&id=6340:akron-sport-savoca-al-capolinea-diatribe-interne-mettono-in-pericolo-liscrizione-al-prossimo-campionato&catid=227:akron-sport-savoca-2011-12 http://sportjonico.it/index.php?option=com_content&view=article&id=6340:akron-sport-savoca-al-capolinea-diatribe-interne-mettono-in-pericolo-liscrizione-al-prossimo-campionato&catid=227:akron-sport-savoca-2011-12 Fermi con il calcio giocato, in questa fase della stagione le varie Società sono impegnate nel rinnovo dei quadri dirigenziali con l’entrata di nuovi soci, o chi invece programma le linee guida della prossima stagione. Chi punta a programmi ambiziosi, chi invece cerca il ridimensionamento, chi addirittura pensa seriamente di lasciare.

Le più attive al momento sono le squadre di Promozione, 1 e 2 Categoria del comprensorio jonico che sono impegnate in continue riunioni, ma anche sodalizi di Terza Categoria sono in fermento tra le tante l’Akron Sport Savoca. Archiviata l’ennesima delusione “play-off” i dirigenti savocesi chi è ancora in carica con i rispettivi ruoli dirigenziali, mentre altri dopo diversi stagioni da diverso  tempo hanno alzato bandiera bianca.

Le riunioni si susseguono con ritmo di una settimana per trovare una linea d’intesa che parte dalla gestione della stagione 2011/12 appena conclusa, in sostanza chiudere il bilancio entro il 30 giugno, fatto ciò programmare la prossima stagione con l’entrata di nuovi soci, visto che l’70% della dirigenza savocese non ha più intenzione a continuare il proprio impegno in Società. Rimane il restante 30% che, invece, intende continuare  per portare a compimento il progetto iniziato con l’avvento dell’Amministrazione di Nino Bartolotta alcuni anni orsono, supportati da nuovi soci (si parla di 5-6 unità), oltre ad uno sponsor tecnico pronto ad investire nel calcio savocese con un progetto sostanzioso, in primis il settore giovanile.

Certo al momento prima che tutto ciò abbia uno spiraglio che si possa verificare, occorre che la dirigenza attuale faccia chiarezza nel proprio interno prima di aprire a nuove forza che sono pronti ad subentrare ma ad una condizione: la trasparenza. Diciamo che in questo momento la Società savocese sembra essere al capolinea (vedi le dimissioni del vicepresidente Lucio Nicita) mentri altri sono sull’aventino pronti a seguire lo stesso cammino. Cosa prospetta il futuro: la parola adesso passa al Presidente Cosimo Ferraro l’unico che può ricompattare la “spaccatura” interna o in subordine l’ex-Sindaco Nino Bartolotta, proprio lui ha nelle mani il destino della sua creatura, proprio lui appena eletto alla massima carica cittadina è stato il principale artefice della rinascita calcistica a Savoca, dopo la gloriosa A.C.S. Savoca. Adesso lo scenario politico savocese è cambiato, con il cambiamento è cambiato anche “l’interesse” verso l’Akron Sport Savoca.

Concludo lanciando un appello per quello che può valere il mio modesto suggerimento: lasciate da parte l’orgoglio personale non si può distruggere in poco tempo quello che di buono è stato costruito con enormi sacrifici economici e di impegno personale in questi anni per il bene dello sport e degli sportivi non solo savocesi ma dell’intera riviera jonica.

]]>
info@sportjonico.it (di "Mimmo Muscolino") frontpage Wed, 20 Jun 2012 10:05:53 +0000